septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La data di uscita di “Poison: Let There Be Carnage” è di nuovo posticipata

ci risiamo.

Nonostante i migliori sforzi di Hollywood, la versione delta di COVID-19 sta iniziando a invertire i recenti guadagni dell’industria cinematografica. A causa della natura rocciosa del film, la Sony Pictures ha annunciato l’intenzione di ritardare l’uscita nelle sale del film.Veleno: Che ci sia un massacroLa prossima avventura a fumetti in studio, con protagonista Tom Hardy Chiamato anche simbionte alieno.

“Venom”, che è stato ritardato più volte a causa della pandemia, avrebbe dovuto aprire il 24 settembre negli Stati Uniti e ora uscirà il 15 ottobre.

Il ritardo arriva con l’aumento dei casi di COVID-19 negli Stati Uniti a causa della variante delta altamente contagiosa. L’aumento ha intaccato la fiducia dei consumatori nel tornare al cinema. Secondo un recente sondaggio del National Research Group, il 67% degli spettatori ha dichiarato di essere “molto a suo agio o piuttosto a suo agio” nel visitare la piscina locale, un calo del 3% rispetto alla scorsa settimana e del 14% rispetto a un mese fa.

Di conseguenza, l’industria cinematografica non si è completamente ripresa dalla prolungata chiusura dell’intero settore. Finora, il botteghino nazionale ha visto un misto di film dell’era COVID (come “A Quiet Place Part II” e “F9: The Fast Saga”) e passi falsi mancati (come “Snake Eyes” e “Space Jam: A New Legacy.”) in Allo stesso tempo, il botteghino internazionale – fondamentale per il successo dei film ad alto budget – stava lottando con i pop-up hotspot in tutto il mondo.

Andy Serkis dirige “Venom: Let There Be Carage”. Il film d’esordio, Venom del 2018, è stato un successo al botteghino a sorpresa, incassando 855 milioni di dollari al botteghino globale. Il sequel è interpretato da Woody Harrelson, Michelle Williams, Red Scott e Naomi Harris.

READ  Lorde rivela la prima cantante che ha lasciato la sua stella in 73 domande di Vogue