octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La crisi Covid in India mostra negligenza per la salute pubblica, guai e investimenti insufficienti

Una famiglia aspetta in ambulanza con un paziente risultato positivo al COVID-19, per essere ricoverato in un ospedale a Calcutta, in India, il 10 maggio 2021.

Deparshan Chatterjee | Norphoto | Getty Images

L’attenzione del mondo è ora concentrata sull’India, l’epicentro della pandemia globale mentre il paese è alle prese con una seconda ondata mortale di Covid-19.

La tragedia umana in corso ha messo a nudo i problemi profondi che affliggono il sistema sanitario pubblico indiano dopo decenni di abbandono e sottoinvestimenti.

La crisi ha messo in ginocchio il sistema sanitario pubblico indiano. Scene di ospedali che finiscono i letti, di persone alla disperata ricerca di ossigeno salvavita o forniture mediche vitali per i propri cari hanno fatto notizia a livello internazionale.

Diminuzione dei benefici sanitari

Il paese dell’Asia meridionale ha riportato più del 10% 300.000 nuove infezioni giornaliere nelle ultime settimane. Complessivamente, le infezioni da Covid hanno raggiunto quasi 24,7 milioni con oltre 270.284 morti domenica, secondo i dati del Ministero della Salute.

Tuttavia, gli esperti sanitari avvertono che è probabile che i numeri siano sottostimati e che la reale entità dell’infezione da Covid e il numero umano potrebbero non essere mai conosciuti ufficialmente.

a Un recente rapporto di Fitch SolutionsLa società di ricerca ha affermato che, nonostante molte riforme sanitarie, l’India rimane in una posizione difficile per affrontare la rapida diffusione dell’epidemia.

“Con 8,5 letti ospedalieri ogni 10.000 abitanti e 8 medici ogni 10.000 abitanti, il settore sanitario del Paese è mal preparato per una simile crisi. Inoltre, l’inefficienza, la disfunzione e la grave carenza di sistemi di erogazione dell’assistenza sanitaria nel settore pubblico non è commisurato con le crescenti esigenze della popolazione “.

I numeri sono una lettura cupa per un paese come l’India di 1,4 miliardi di persone, che costituiscono il 18% della popolazione mondiale.

Mancanza di volontà politica

La seconda ondata è iniziata in India intorno a febbraio e ha accelerato fino a marzo e aprile. Il virus si è diffuso rapidamente a causa della soddisfazione di indossare maschere durante le cerimonie religiose e gli incontri politici che hanno attirato grandi folle in tutto il paese.

Mentre la pandemia ha evidenziato debolezze strutturali nel sistema sanitario pubblico indiano, questi problemi sono sempre stati presenti, ha detto Chandrakant Lahariya, un Esperto di politiche mediche e sistemi sanitari, con sede a Nuova Delhi.

Penso che la volontà politica sia più forte adesso, dopo la lunga e dolorosa esperienza della pandemia.

Chandrakant Lahariya

Esperto in politiche mediche e sistemi sanitari

Ha detto che ciò era dovuto principalmente alla mancanza di volontà politica da parte dei partiti politici successivi e del governo al potere per non fare della salute pubblica una priorità.

“La salute pubblica non è mai stata una priorità politica e un’agenda elettorale”, ha detto. “Attraverso un approccio laissez-faire, il governo ha inviato una sorta di messaggio che la salute è una responsabilità individuale. Le persone non si rendono conto che i governi eletti ei leader politici dovrebbero essere responsabili e responsabili per garantire i servizi sanitari”.

Laharia osserva che è qui che sorge il problema.

“Ha permesso al settore sanitario privato di crescere a passi da gigante, mentre il settore pubblico rimane sottofinanziato e con prestazioni insoddisfacenti”, ha detto in una e-mail. “Ora, siamo in questa situazione.”

Pochi indiani hanno un’assicurazione sanitaria

Gli ospedali privati ​​in India sono altamente commercializzati e orientati al profitto, concentrandosi sul trattamento dei disturbi. A peggiorare le cose, la maggior parte degli indiani non ha un’assicurazione sanitaria e paga le cure di tasca propria.

Secondo il rapporto di Fitch, oltre l’80% della popolazione indiana non ha ancora alcuna copertura assicurativa sanitaria significativa e circa il 68% ha un accesso limitato o nullo ai medicinali essenziali.

Mentre la pandemia potrebbe travolgere quasi tutti i sistemi sanitari, incluso il sistema con più risorse, la situazione attuale in India non è stata inevitabile, ha osservato Vageesh Jain, un professionista della sanità pubblica in formazione, con sede nel Regno Unito.

“Il problema di fondo rimane che il sistema ospedaliero privato pagato commercialmente non sta cercando di fornire assistenza continua ea lungo termine per le persone con l’obiettivo di prevenire e controllare le malattie”, ha detto Jane, che attualmente lavora con Public Health England per la protezione della salute. Risposta a Covid-19.

Ha aggiunto che affrontare tali problemi è difficile in qualsiasi contesto, date le soluzioni complesse e multi-agenzia richieste.

“Ma è particolarmente difficile in India, dove potrebbero esserci altri rapidi successi nella politica pubblica, che sono più degni di attenzione immediata”, ha aggiunto.

Un campanello d’allarme in India?

Il primo ministro indiano Narendra Modi è stato ampiamente criticato per non aver adottato misure urgenti per sedare la recrudescenza del virus.

In un raro rimprovero, la rivista medica britannica The Lancet ha recentemente criticato il governo Modi Sprecare i primi successi Per controllare Covid e “guidare un disastro nazionale auto-fatto”.

“Penso che la volontà politica sia più forte ora, dopo la lunga e dolorosa esperienza della pandemia”, ha detto Reddy di Public Health India. Ha aggiunto che il recente bilancio centrale e le raccomandazioni emesse dal Comitato delle finanze sono indicatori positivi.

La situazione devastante creata dall’onda continua sarà probabilmente dimenticata. Ma non dovrebbe essere dimenticato.

Nell’annuncio del bilancio di febbraio, il ministro delle finanze indiano Nirmala Sitraman Più del doppio dell’assistenza sanitaria suggerita in India La spesa per il lusso ha raggiunto i 30,1 miliardi di dollari (2,2 trilioni di rupie).

Ciò include il rafforzamento delle istituzioni nazionali e la creazione di nuove istituzioni per rilevare e curare nuove malattie. C’è anche un nuovo schema federale per sviluppare la capacità dello stato di cure primarie, secondarie e terziarie.

Tuttavia, gli esperti dicono se la crisi paralizzante sveglierà l’India a prendere sul serio la sua salute pubblica, resta da vedere.

“Con questa epidemia prolungata, ci sarà un’impronta più forte e duratura nelle memorie pubbliche e nei responsabili politici. Ci deve essere un promemoria costante, anche dopo che l’epidemia sarà finita, che l’economia continuerà a scivolare sulle bucce di banana per i fallimenti della salute pubblica se Reddy dice: “Noi non investiamo in forti sistemi sanitari e di salute pubblica”.

Lahariya ha aggiunto che ci sono stati molti disastri di salute pubblica ed emergenze sanitarie in India prima. Ma la maggior parte di ciò ha portato a modifiche molto minori ai sistemi sanitari, se non del tutto.

Ha detto: “È ora di attuare una solida responsabilità dei cittadini in India nei confronti dei leader eletti. Le domande dovrebbero essere poste loro dalle persone che li eleggono. Solo allora possiamo aspettarci qualche cambiamento”.

“La situazione devastante creata dall’onda continua sarà probabilmente dimenticata. Ma non dovrebbe essere dimenticata”.

READ  La Germania cerca di aumentare i tassi di vaccinazione