septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La comunità italiana spera di salvare l’albero secolare caduto nel fuoco

Postato su:

Roma (AFP)

Scienziati in Sardegna sperano di salvare un ulivo millenario che è stato quasi distrutto dai recenti incendi, mobilitando volontari attorno ai resti di un antico albero.

Il “Patriota”, come è noto nella parte occidentale della regione insulare italiana, era un grande olivo selvatico con un tronco di circa 10 metri (33 piedi) e alto 16,5 metri (54 piedi).

Ma lo scorso fine settimana 20.000 ettari (50.000 acri) dell’isola sono stati completamente inghiottiti dalle fiamme che hanno inghiottito l’area quando è stata inghiottita dal peggior incendio visto da decenni.

L’incendio ha distrutto migliaia di ulivi sardi insieme a ginepri, sughere, querce e pini, distruggendo case e uccidendo bestiame.

Dopo aver ispezionato l’albero all’inizio di questa settimana, gli esperti hanno affermato di ritenere che potrebbero esserci segni di vita nel sistema radicale e sul lato del tronco che è sfuggito a gravi ustioni.

Su consiglio di esperti, tra cui Gianluigi Pachetta, botanico dell’Università di Cucleari, la comunità di Cucleari ha organizzato volontari per impedire alle persone di camminare sui suoi fragili apparati radicali.

“Mantenere in vita questo albero è ciò che tiene in vita tutti”, ha detto di un esemplare registrato sugli alberi dei monumenti italiani.

Pachetta ha detto, dopo aver ispezionato l’area mercoledì, che l’aggiunta di acqua al terreno intorno all’albero ha contribuito a ridurne la temperatura.

Un altro scienziato che ha studiato il danno, Ignacio Camarta, professore di botanica alla Safari University, ha scritto su Facebook che tutti i resti del possente albero erano “patetici resti che giacevano a terra e alcuni ceppi neri, così come parte del sito .”

READ  David Alaba gioca 120 minuti nella sconfitta per 2-1 dell'Austria contro l'Italia nei quarti di finale

Ma ha anche notato che “una visione più luminosa della vita in cui può apparire un nuovo alberello”.

I vigili del fuoco sono stati a terra venerdì nella Sardegna occidentale, spegnendo nuove esplosioni e bonificando aree, con temperature di 40 gradi Celsius (104 Fahrenheit) e forti venti che indicano un alto rischio di incendio.