mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Ksenia Efremova: il tennista prodigio russo di 12 anni ha un potenziale incredibile, afferma Patrick Muratoglu

Un pomeriggio, mentre suo fratello maggiore si allenava sul campo da tennis, Efremova raccolse una delle sue racchette – come fa spesso – e iniziò a colpire un canestro di palline.

«Ha iniziato a lanciarsi palle contro se stessa», ha detto alla CNN Julia Efremova, un’ex tennista professionista.

«L’ho guardata e sono rimasto stupito perché tutte le palle volavano sopra la rete e lei ha fatto le mosse perfettamente. Mi sono detto che era il momento di lavorare con lei perché aveva una grande passione e la voleva.

«Non è stata davvero una mia scelta. Ha iniziato la sua carriera in questo modo».

Ora 12 anni, Efremova è ampiamente considerato uno dei giovani talenti più brillanti del tennis ed è già diventato una star, accumulando oltre 35.000 follower su Instagram e assicurandosi accordi di sponsorizzazione con Nike e Yonex.

Attualmente si allena presso la prestigiosa Mouratoglou Tennis Academy in Francia, fondata dall’attuale allenatore Patrick Moratoglu di Serena Williams nel 1996.

L’Academy organizza settimane di selezione durante tutto l’anno, con potenziali giovani star provenienti da tutto il mondo per mostrare i loro talenti e cercare di guadagnarsi un posto.

«Vengono a fare i test sul lato fisico, e il tennis, ovviamente, sul lato mentale», spiega Muratoglu. “Li vediamo allenarsi, li vediamo anche gareggiare e poi decidiamo se vogliamo aiutarli o meno.

«Non possiamo aiutare tutti, ma facciamo del nostro meglio per aiutare le persone che riteniamo abbiano il miglior potenziale e il nostro ruolo, ovviamente, è trovare un modo per aiutarli a sviluppare il loro potenziale ed essere il meglio che possono essere nella futuro per farlo».

«un grande atleta»

Ogni giocatore ammesso all’accademia ha accesso a un allenatore, un preparatore atletico e un’équipe medica, fornendo loro un sistema di supporto d’élite dall’età di nove anni.

Vengono inoltre fornite informazioni dettagliate su tornei e partite competitive, con Mouratoglu che afferma che «la pressione della concorrenza» è il modo migliore per vedere quali aspetti del loro gioco necessitano di maggiore sviluppo.

Artisti del calibro di Coco Gauff e Stefanos Tsitsipas sono tra le attuali stelle nascenti che hanno trascorso buona parte dei loro anni formativi presso la prestigiosa accademia.

READ  La batalla por Mariupol impide el rescate de civiles atrapados en el teatro | Ucrania

Efremova aveva nove anni quando è arrivata in accademia dalla Russia con sua madre, che lavora anche come sua allenatrice, e Moratoglu dice di aver subito visto il suo potenziale come «enorme».

«Ksenia ha un potenziale incredibile, penso che abbia l’intero pacchetto», dice. «È una grande atleta. Voglio dire, se guardi i suoi social media, la vedrai. Può fare l’intera divisione, può ballare, può fare qualsiasi cosa oltre al tennis.

Patrick Muratoglu dice che Efremova ha "  Incredibile potenziale "

«Si muove molto bene. Probabilmente è alta perché sua madre è così alta. I suoi tiri sono incredibili. La sua tecnica è così pulita. Può prendere la palla presto. È aggressiva. È un’ottima concorrente. Quindi se guardi l’insieme pacchetto, è fantastico.»

Julia crede che sua figlia, che pratica molti sport, abbia giocato un ruolo importante nel renderla uno sport così bello in così giovane età.

Non solo le ha dotato di una serie di abilità fisiche trasferibili – come resistenza e flessibilità – che l’hanno migliorata come tennista, ma Julia dice anche che era necessario assicurarsi che Efremova non si annoiasse troppo di giocare. Tennis molto presto.

Infatti Julia racconta che lo sport principale di sua figlia durante la crescita era la ginnastica, spesso allenandosi per tre ore al giorno contro una sola ora dal tennis.

“Voglio aiutare i genitori di tutto il mondo che sognano di costruire un tennista professionista con i propri figli, perché quando sono giovani e a quell’età e hanno questo fuoco negli occhi, non si possono uccidere ore di lavorare sul campo da tennis”.

«Ad esempio, ho giocato a Ksenia [tennis] Solo tre volte a settimana quando era giovane e non l’ho forzata. L’ha costretta ad altre strade, ha preso lezioni di ballo e nuoto, ha preso lezioni di inglese e aveva anche smesso di prendere lezioni di ballo. Era ovunque».

Anche a soli 12 anni, Efremova è diventata una star.

Voglio diventare una leggenda

Pochi bambini sperimenteranno il tipo di pressione e aspettativa che Efremova ha già affrontato per anni, ma Muratoglu dice che la sua situazione è simile a quella di Goff quando stava scalando le classifiche.

Muratoglu spiega che il fallimento è una parte importante del processo per imparare a gestire questo stress, «perché il fallimento è comprensione».

READ  La giunta del Mali afferma che l'ambasciatore francese ha 72 ore per lasciare il Paese

All’accademia, dice, i bambini imparano a vocalizzare la pressione e i nervi che provano prima di una partita in cui li ha colpiti negativamente.

«Voglio dire, il fallimento non è una buona cosa», dice. «Certo, il nostro compito è farli avere successo, ma sappiamo che sulla strada per il successo ci saranno anche dei fallimenti – e devono esserci. Il punto è che quei fallimenti sono sempre usati in un modo per imparare e migliorare.

«Quindi, quando falliscono a causa della pressione, devono sapere esattamente come si sono sentiti prima della partita. Devono rendersi conto che quel giorno avevano una pressione extra che non potevano affrontare e deve essere una reazione costante.

«Sapranno che la prossima volta che sentiranno una pressione extra, dovranno spiegarlo. Devono dire all’allenatore: ‘Non mi sento bene oggi'». Sento quella pressione oggi. Mi sento nervoso. «In primo luogo, devono rendersene conto. In secondo luogo, devi esprimerlo e quando lo fanno, possiamo aiutarli a lavorarci sopra».

Efremova con Novak Djokovic, il numero uno mondiale maschile.

Naturalmente, alcuni bambini saranno in grado di gestire lo stress e i nervi meglio di altri. Muratoglu dice che Efremova sta ancora imparando, ma ha già mostrato notevoli miglioramenti nel suo tempo in accademia.

Mentre gran parte della pressione deriva dalle aspettative di «tutti nell’intera industria del tennis», spiega Mouratoglu, gli standard incredibilmente elevati di Efremova significano che mette più pressione su se stessa di chiunque altro.

«Si aspetta sempre di vincere», dice. «Non c’è altra scelta per lei che vincere titoli».

Julia Efremova dice di vedere questa determinazione in sua figlia ogni giorno durante gli allenamenti e crede «dal profondo del mio cuore» che un giorno sarà «la migliore» tennista del mondo.

Conosco il suo carattere. So chi è. So quanto funziona. competenza [badly] Lei lo vuole. So come credere», dice.

«Prima di tutto, crede in se stessa. Non ha dubbi nella sua mente. Non ha dubbi nel suo cuore che lo vuole. Quindi dal profondo del mio cuore, so che sarà la migliore. »

READ  Biden chiede al G20 di aiutare ad affrontare i problemi della catena di approvvigionamento globale

«A volte quando mi arrabbio e non mi piace qualcosa durante l’allenamento, le chiedo: ‘Cosa vuoi dal tennis?'» E lei mi ha detto: «Voglio diventare una leggenda». Per lei, questo non è solo [enough] diventare il numero uno al mondo.

Il successo di Efremova è stato pubblicato sul suo account Instagram da sua madre.

Superare la tragedia

Forse non c’è prova più grande dell’impressionante compostezza di Efremova della sua recente vittoria in un torneo, Tennis Europe Junior in Svezia.

Suo padre, l’ex giocatore dilettante Alexei Efremov, soffriva di linfoma da più di due anni. Durante il torneo, la madre di Efremova ricevette la notizia che suo marito avrebbe presto perso quella battaglia.

Julia dice che ha dovuto prendere la difficile decisione di dirlo a Efremova durante il torneo o di aspettare che il torneo finisse.

«E’ stato molto difficile, ma Ksenia era in campionato e dovevo dirglielo», dice. «Certo che stava piangendo. Sono rimasto scioccato. Mi ha chiesto: ‘Forse puoi svegliarlo.'»

«Ho detto: No, Ksenia. Questo è impossibile, è già in paradiso». Le ho chiesto se voleva smettere, magari fermiamo il torneo e torniamo.

«No, parteciperò a questo torneo fino alla fine», ha detto.

Julia Efremova dice che l'anima di sua figlia le ricorda il suo defunto marito.

La finale si è svolta venerdì 3 dicembre, appena sei giorni dopo la morte di Alexei. Efremova ha vinto la finale e ha dedicato il titolo al padre.

«In ricordo di mio padre, scomparso durante questo torneo in Svezia», ​​ha scritto Efremova sull’account Instagram di sua madre. «1° posto. Vivrai sempre nel mio cuore come la persona più potente dell’universo. Farò di tutto per realizzare i tuoi sogni sapendo che li vedrai dall’alto.»

Julia dice che la decisione di Efremova di continuare a recitare non è stata una grande sorpresa, spiegando che questo tipo di resilienza è qualcosa che ha ereditato da suo padre. Sa che è stata una decisione su cui Alexei avrebbe accettato.

«Suo padre l’amava così tanto», dice Julia. «Lei ha la sua anima. È una persona molto forte e potente e ho avuto quest’anima da lui.»