agosto 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il massiccio ‘Doomsday Glacier’ potrebbe essere più stabile di quanto inizialmente temuto

Lo studio fa luce sul futuro del massiccio ghiacciaio Thwaites.

Nuove scoperte dell’Università del Michigan rivelano che la calotta glaciale più grande del mondo potrebbe essere meno a rischio di crollo improvviso di quanto previsto in precedenza.

Lo studio pubblicato su Scienza, inclusa la simulazione della scomparsa del ghiacciaio Thwaites nell’Antartide occidentale, uno dei ghiacciai più grandi e stabili del mondo. I ricercatori hanno modellato il crollo di diverse altezze di scogliere di ghiaccio, formazioni quasi verticali che si verificano quando i ghiacciai e le piattaforme di ghiaccio incontrano l’oceano. Scoprono che l’instabilità non porta sempre a una rapida disintegrazione.

“Quello che abbiamo scoperto è che per lunghi periodi di tempo, il ghiaccio si comporta come un liquido viscoso, una specie di pancake spalmato in una padella”, ha affermato Jeremy Pacis, professore associato di scienze e ingegneria del clima e dello spazio presso l’Università del Michigan. . “Quindi il ghiaccio si sta diffondendo e si riduce più velocemente di quanto possa cedere e questo può rivelarsi una valanga. Ma se il ghiaccio non si sta ritirando abbastanza velocemente, allora hai il potenziale per un crollo rapido del ghiacciaio”.

I ricercatori hanno combinato per la prima volta le variabili del crollo del ghiaccio e del flusso di ghiaccio e hanno scoperto che l’espansione e l’allentamento del ghiaccio, nonché il supporto dei pezzi di ghiaccio intrappolati, possono mitigare gli effetti dell’instabilità della piattaforma di ghiaccio marino indotta dalla frattura.

Le nuove scoperte aggiungono una sfumatura a una precedente teoria chiamata instabilità della piattaforma di ghiaccio marino, che suggeriva che se l’altezza di una piattaforma di ghiaccio raggiungesse una certa soglia, potrebbe disintegrarsi improvvisamente sotto il proprio peso in una reazione a catena di fratture del ghiaccio. Il ghiacciaio Thwaites in Antartide, a volte indicato come il “Ghiacciaio del giorno del giudizio”, si sta avvicinando a questa soglia e potrebbe contribuire di circa 3 piedi all’innalzamento del livello del mare in caso di crollo completo. A 74.000 miglia quadrate, all’incirca le dimensioni della Florida, è particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici e oceanici.

Ghiacciaio Thwaites

Ghiacciaio Thwaites. Credito: NASA/James Youngle

Il team di ricerca ha anche scoperto che gli iceberg che si rompono e cadono dal ghiacciaio principale in un processo noto come “nascita del ghiacciaio” possono effettivamente prevenire piuttosto che contribuire a una catastrofica fusione. Se i blocchi di ghiaccio rimangono attaccati agli affioramenti sul fondo dell’oceano, possono esercitare una pressione inversa sul ghiacciaio per stabilizzarlo.

READ  Un raro meteorite vecchio di 4,5 miliardi di anni potrebbe contenere i segreti della vita sulla Terra

Pacis osserva che anche se il ghiacciaio non collassa in modo catastrofico, l’esposizione di una scogliera torreggiante potrebbe portare a un ritiro di pochi chilometri all’anno – pari alla lunghezza di circa 20 campi da calcio – dando un contributo significativo al futuro innalzamento del livello del mare.

A che velocità si sta alzando il livello del mare?

Mentre Thwaites e altri ghiacciai si stanno chiaramente sciogliendo, la velocità della loro scomparsa è di grande interesse per le regioni costiere mentre sviluppano strategie per l’adattamento e la costruzione della resilienza. Ma prevedere il ritiro dei ghiacciai è un’attività molto complessa, poiché sono influenzati dall’interazione di una miriade di fattori: lo stress e la tensione di miliardi di tonnellate di ghiaccio in movimento, il cambiamento della temperatura dell’aria e dell’acqua e gli effetti del flusso di acqua liquida. Sul ghiaccio, per citarne alcuni.

Di conseguenza, le previsioni sul crollo del ghiacciaio Thwaites vanno da pochi decenni a diversi secoli. Pacis afferma che il nuovo studio è un passo importante verso la produzione di previsioni accurate e attuabili.

Ghiacciaio Thwaites NASA

Ghiacciaio Thwaites. credito: NASA

“Non c’è dubbio che il livello del mare sta salendo e che continuerà nei prossimi decenni”, ha detto Basis. Ma penso che questo studio offra la speranza che non siamo vicini a un crollo completo, che ci siano misure che possono alleviare e stabilizzare le cose. E abbiamo ancora l’opportunità di cambiare le cose prendendo decisioni su cose come le emissioni di energia – metano e anidride carbonica. “

Il destino delle calotte glaciali dell’Antartico e della Groenlandia

Oltre a Pacis, il team di ricerca dell’assistente di ricerca per studenti laureati comprende Brandon Berg, Anna Crawford e Doug Penn dell’Università di St Andrews.

READ  La sonda Juno della NASA invia immagini estremamente nitide della luna di Giove Ganimede

Crawford afferma che i risultati dello studio saranno utili anche per prevedere il destino dei ghiacciai e di altre formazioni di ghiaccio nell’Artico e in Antartide.

“Queste importanti intuizioni guideranno la ricerca futura sul ritiro del ghiacciaio Thwaites e di altri grandi ghiacciai nella calotta glaciale dell’Antartico occidentale che sono vulnerabili al ritiro a causa del collasso della piattaforma di ghiaccio e dell’instabilità del pendio del ghiaccio marino”, ha affermato. “Evidenzia le condizioni che facilitano la ritirata, dimostra il potenziale per la ristabilizzazione della stazione e mostra come il ghiaccio marino possa effettivamente fermare il processo di collasso”.

Il team di ricerca sta già lavorando per migliorare ulteriormente i propri modelli incorporando ulteriori variabili che influenzano il ritiro dei ghiacciai, incluso il modo in cui le forme dei singoli ghiacciai influenzano la loro stabilità e l’interazione tra il ghiaccio glaciale e l’oceano liquido circostante, afferma Pacis.

“L’oceano è sempre lì, a solleticare il ghiaccio in un modo molto complesso, e sappiamo solo da un decennio o due quanto sia importante”, ha detto. “Ma stiamo iniziando a capire che sta guidando molti dei cambiamenti che stiamo vedendo, e penso che sarà la prossima grande frontiera della nostra ricerca”.

Riferimento: “Transizione all’instabilità della piattaforma di ghiaccio marino controllata dai gradienti e dalle velocità dello spessore del ghiaccio” di J.N. Pacis, B. Berg, A.J. Crawford e De Penn, 18 giugno 2021, disponibile qui. Scienza.
DOI: 10.1126 / science.abf6271

Lo studio fa parte della collaborazione internazionale Thwaites Glacier. La ricerca è stata supportata dal progetto DOMINOS, una componente dell’International Thwaites Glacier Collaboration, dalla National Science Foundation (sovvenzione numero 1738896) e dal Natural Environment Research Council (sovvenzione numero NE/S006605/1).

READ  Nuove immagini 3D dell'intestino di uno squalo mostrano che funziona come una valvola Nikola Tesla