enero 21, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il creatore di Second Life torna a rivendicare il Metaverso

Il fondatore del mondo virtuale online di seconda vita di Linden Lab, Philip Rosedale, tornerà per unirsi al progetto come consulente strategico per guidare il suo ingresso nel Metaverso.

Sebbene sia negativo sull’interoperabilità dei contenuti nel Metaverso definendolo un «fallimento totale», crede che un futuro basato su NFT sia la via da seguire a lungo termine.

Second Life è un mondo di social game online lanciato nel 2003, quando la parola «Metaverse» era usata solo dai fan di Neal Stephenson.

Da quando ha lasciato la sua posizione di CEO di Linden Labs nel 2008, Rosedale si è fatto un nome nell’ecosistema della realtà virtuale (VR). Nel 2013 ha creato la società sociale VR, High Fidelity.

Il 13 gennaio annuncio pubblicitarioHigh Fidelity ha affermato che sta investendo in Linden Labs con denaro contante e ciò che descrive come «brevetti informatici distribuiti», inclusi due relativi alla moderazione sociale in ambienti decentralizzati.

I mondi virtuali non hanno bisogno di essere distopici, ha detto Rossdale.

«Big Tech sta abbandonando i visori per realtà virtuale e sta costruendo il metaverso su piattaforme di modifica del comportamento basate su pubblicità che non creeranno una magica utopia digitale per tutti».

Come sarà il futuro?

in un colloquio Con Cnet Technology, Rosedale ha affermato che oltre a esplorare la possibilità di aggiungere la tecnologia VR a Second Life, l’animazione avanzata dell’avatar che utilizza telecamere per il rilevamento del volto potrebbe anche essere una possibilità futura.

READ  Ecco i possibili criteri per i super follower su Twitter

«Usare una webcam per animare un avatar, è davvero interessante nel mezzo», ha detto. «Non ci sono abbastanza persone che guardano quello spazio, quello spazio a cui ho passato così tanto tempo a pensare».

Per quanto riguarda la possibilità di incorporare nuove idee come gli elementi non intercambiabili in Second Life, Rosedale avrà bisogno di un po’ di convincente. Nel Metaverso, Contenuti interoperabili Articoli che possono essere acquistati da una piattaforma e migrati su un’altra.

Ha notato come i contenuti di marca possono rompere negativamente il quarto muro nelle piattaforme Metaverse, affermando che a breve termine «l’interoperabilità dei contenuti è una di quelle cose che solo un marchio può amare».

«Come modo per collegare ulteriormente i giochi insieme, questo è un completo fallimento. L’idea a breve termine è stupida».

Tuttavia, non ha evitato l’uso di token non fungibili (NFT), affermando che «l’idea a lungo termine è assolutamente corretta». Second Life ha già una propria economia e valuta, «Linden Dollars».

Imparentato: Meta phishing Dipendenti Microsoft e Apple per piani metaverse

Secondo Rosedale, ogni anno sul mercato di Second Life vengono venduti 375 milioni di articoli, per circa $ 2 per articolo. A suo avviso, questi articoli sono già davvero NFT.

«Questi sono tutti NFT: l’idea di base di consentire la differenziazione degli asset digitali e consentire loro di essere scambiati e condivisi», ha affermato, aggiungendo che il concetto «diventerà sempre più grande. Naturalmente, questi gli elementi non sono registrati all’interno di Second Life sulla blockchain, e quindi non possono esistere al di fuori di Game, che sono caratteristiche essenziali degli NFT.

Giunto al suo 19° anno di attività, Second Life dichiara un PIL annuo di $ 650 milioni, con oltre 8 milioni di articoli unici venduti sul Marketplace.

READ  Aggiornamento riassortimento PS5: come acquistare PlayStation 5 da PlayStation Direct, Walmart e altri importanti rivenditori