septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il colosso petrolifero alza il dividendo e comincia a riacquistare azioni

Logo Shell in una stazione di servizio a Londra. Un tribunale dell’Aia ha ordinato al colosso petrolifero Shell di ridurre le sue emissioni di carbonio del 45% rispetto ai livelli del 2019 entro il 2030, in quello che è ampiamente considerato un caso storico.

Foto SOPA | Razzo Leggero | Getty Images

Londra, il gigante del petrolio Royal Dutch Shell Royal Giovedì ha riportato utili del secondo trimestre più forti del previsto, supportando ulteriormente i piani della major energetica per tagliare il debito netto e premiare gli investitori.

La società anglo-olandese ha riportato utili rettificati di $ 5,5 miliardi per i tre mesi fino alla fine di giugno. Questo rispetto a 638 milioni di dollari Nello stesso periodo di un anno fa e 3,2 miliardi di dollari per il primo trimestre del 2021.

Secondo Refinitiv, gli analisti si aspettavano che l’utile rettificato per il secondo trimestre raggiungesse i 5,1 miliardi di dollari.

Shell ha incrementato i suoi guadagni per il secondo trimestre consecutivo e ha annunciato il lancio di un programma di riacquisto di azioni da 2 miliardi di dollari che mira a completare entro la fine dell’anno.

I dividendi sono saliti a 24 centesimi nel secondo trimestre, in crescita del 38% rispetto ai primi tre mesi dell’anno. Arriva un anno dopo che la società si è mossa per tagliare il dividendo per gli azionisti per la prima volta dalla seconda guerra mondiale.

“Dobbiamo assicurarci che la nostra attuale base di azionisti sia soddisfatta di ciò che stiamo facendo in termini di pagamenti”, ha dichiarato giovedì il CEO di Shell Ben van Beurden a “Squawk Box Europe” di CNBC, riflettendo i piani della società per aumentare i dividendi degli azionisti.

READ  Dow down mentre Biden incolpa il debole rapporto sui lavori Delta, non vaccinato; DocuSign si apre

“Dobbiamo avere un business forte e che generi liquidità che finanzi anche l’azienda per il futuro, ma allo stesso tempo dobbiamo costruire un’azienda che sia in grado di fare il futuro”.

I risultati riflettono una tendenza più ampia nell’industria petrolifera e del gas, poiché le principali società energetiche cercano di rassicurare gli investitori che hanno guadagnato una base stabile nel mezzo della pandemia di coronavirus in corso. Francia energia totale e Norvegia equino Ha inoltre annunciato programmi di riacquisto di azioni proprie.

Ma i prezzi delle azioni delle più grandi compagnie petrolifere e del gas del mondo devono ancora seguire un miglioramento delle aspettative di utili e il settore deve ancora affrontare una serie di incertezze e sfide.

Le azioni Shell sono aumentate di oltre il 3% durante le contrattazioni mattutine a Londra. La compagnia petrolifera e del gas ha visto il suo prezzo delle azioni aumentare di oltre il 17% da inizio anno, dopo essere crollato di quasi il 45% nel 2020.

Il dubbio dell’investitore

I risultati finanziari di Shell arrivano quando i prezzi del petrolio e del gas hanno fatto un altro passo avanti negli ultimi mesi. Contratti futures internazionali sul greggio Brent a una media di 69 dollari al barile Nel secondo trimestre, da una media di 61 dollari nei primi tre mesi dell’anno. Il contratto petrolifero è stato scambiato l’ultima volta a 75,38 dollari.

I prezzi del petrolio sono rimbalzati ai massimi pluriennali negli ultimi mesi e le tre principali agenzie di previsione del mondo – OPEC, International Energy Agency e US Energy Information Administration – prevedono ora una ripresa guidata dalla domanda che riprenderà in un secondo. Metà 2021.

Questo arriva dopo un anno in cui il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia ha suggerito che potrebbe rappresentare il peggio nella storia dei mercati petroliferi. L’industria petrolifera e del gas è andata in forte declino nel 2020 poiché la diffusione di Covid-19 ha coinciso con uno shock storico della domanda di carburante, un crollo dei prezzi delle materie prime, svalutazioni senza precedenti e decine di migliaia di tagli di posti di lavoro.

In vista di questa stagione degli utili, gli analisti hanno avvertito che mentre le società energetiche avrebbero probabilmente cercato di chiedere una fattura sanitaria pulita, gli investitori avrebbero dovutoGrado enorme“Lo scetticismo nei confronti dei modelli di business a lungo termine delle compagnie petrolifere e del gas. Questo è stato principalmente il risultato dell’aggravarsi dell’emergenza climatica e L’urgente necessità di abbandonare i combustibili fossili.

Decisione del tribunale

All’inizio di questo mese, Shell ha confermato la sua intenzione di riprendere a Storica sentenza della corte olandese Ha ordinato alla società di adottare misure più rigorose per ridurre le emissioni di carbonio.

“Siamo d’accordo che è necessaria un’azione urgente e accelereremo la nostra transizione verso lo zero netto”, ha affermato Van Beurden di Shell. Lei disse In una dichiarazione rilasciata il 20 luglio, “Ma faremo appello perché una sentenza del tribunale contro una società non è valida”.

“Ciò che serve sono politiche chiare e ambiziose che guideranno un cambiamento fondamentale nell’intero sistema energetico”, ha aggiunto.

I membri del gruppo ambientalista MilieuDefensie celebrano la sentenza nel caso dell’organizzazione ambientale olandese contro Royal Dutch Shell Plc, davanti alla Corte del Palazzo di Giustizia dell’Aia, Paesi Bassi, mercoledì 26 maggio 2021. Shell è stata ordinata da un tribunale olandese per tagliare le sue emissioni più duramente e più velocemente del previsto, infliggendo un duro colpo al gigante petrolifero che potrebbe avere conseguenze di vasta portata per il resto dell’industria globale dei combustibili fossili.

Peter Boyer | Bloomberg | Getty Images

Corte olandese Regola Il 26 maggio, Shell è tenuta a ridurre le proprie emissioni di carbonio del 45% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2019. Si tratta di una riduzione ben al di sopra dell’attuale obiettivo dell’azienda di ridurre le proprie emissioni del 20% entro il 2030.

La sentenza del tribunale ha anche affermato che Shell è responsabile delle proprie emissioni di carbonio e di quelle dei suoi fornitori, note come emissioni di Scope 3.

Si ritiene che la sentenza sia la prima volta nella storia che una società è stata legalmente obbligata ad allineare le sue politiche con l’accordo di Parigi. L’accordo, ratificato da quasi 200 paesi nel 2015, è considerato di fondamentale importanza per evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico.