septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il CDC afferma che la lenta diffusione di un vaccino Covid-19 nelle aree rurali potrebbe far deragliare la fine della pandemia.

Le persone che vivono nelle aree rurali corrono un rischio maggiore di ospedalizzazione e morte per Covid-19, ma ad aprile il tasso di vaccinazione nelle aree rurali era in ritardo rispetto alle città e ciò potrebbe impedire la fine dell’epidemia, secondo un nuovo rapporto da Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

A partire da lunedì, circa il 60% delle persone di età pari o superiore a 18 anni aveva almeno un vaccino per Covid-19 negli Stati Uniti, secondo il direttore del CDC Dr. Rochelle Walinski – un “giorno storico”, per quanto detto. Ma gli scienziati stimano che il paese dovrà vaccinare il 70% e l’85% della popolazione degli Stati Uniti per raggiungere l’immunità di gregge e l’America rurale è molto indietro.

A partire dal 10 aprile di quest’anno, la copertura vaccinale è quasi del 39% nelle contee rurali, rispetto a oltre il 46% nelle contee urbane, secondo il rapporto settimanale su malattie e mortalità dei Centers for Disease Control and Prevention, pubblicato martedì. Questo era vero per le contee di tutto il paese, in tutte le fasce d’età e tra uomini e donne. Tuttavia, a settembre, l’incidenza del Covid-19 nelle contee rurali ha superato quella nelle contee urbane.

Può essere difficile ottenere un vaccino per le persone nelle zone rurali. Circa l’80% degli americani rurali vive in aree precedentemente classificate come “deprivate dal punto di vista medico” Governo degli Stati Uniti. È difficile raggiungere un medico con appuntamenti regolari in molte parti del paese.

C’è anche la questione dell’indecisione.

Ad aprile ha condotto un sondaggio da lui condotto La Kaiser Family Foundation Ha dimostrato una resistenza continua alla vaccinazione Covid-19 nell’America rurale. Circa 3 residenti su 10 hanno affermato che “sicuramente non” avrebbero ricevuto un vaccino Covid-19 o che avrebbero ricevuto solo un vaccino se qualcuno avesse chiesto di ottenerlo. Questa percentuale è più alta che nelle aree urbane o suburbane.
Tuttavia, le persone che vivono in queste aree rurali hanno maggiori probabilità di contrarre Covid-19 grave, in parte a causa della mancanza di accesso alle cure e perché, In genere, Più persone in queste aree soffrono di condizioni di salute di base e meno persone sono assicurate.
Il direzione Nel secolo scorso, le persone si sono trasferite nelle grandi città, ma circa 60 milioni di persone vivono in contee rurali, un quinto della popolazione degli Stati Uniti. Se questo basso tasso di vaccinazione persiste, ciò potrebbe avere un impatto negativo sugli sforzi complessivi del paese per controllare il Covid-19.

“Poiché i residenti delle comunità rurali sono a maggior rischio di malattie e morte associate al COVID-19, la disparità nella vaccinazione tra aree urbane e rurali può ostacolare gli sforzi per ridurre la morbilità e la mortalità da COVID-19 a livello nazionale”, afferma il rapporto .

READ  Dopo aver raggiunto il 50% delle infezioni da COVID-19, non "muovere l'ago" in Wisconsin

Il CDC raccomanda che i leader della sanità pubblica collaborino con medici locali e influencer nelle aree rurali per affrontare l’esitazione, garantire un accesso equo al vaccino e incoraggiare più persone a ottenere il vaccino Covid-19.

“Rimaniamo impegnati ad ascoltare e connetterci con le comunità in ogni angolo degli Stati Uniti e il nostro lavoro per ridurre queste differenze e assicurarci che la copertura vaccinale sia equa indipendentemente dal fatto che tu viva in aree rurali o urbane”, ha detto Walinsky.

Wallinski ha detto che sarebbe importante “incontrare persone ovunque e in qualsiasi momento”. Un esempio che ha fornito sono stati gli sforzi di vaccinazione e sperimentazione intrapresi dal governo federale in collaborazione con il Dipartimento della sanità pubblica dell’Alabama e la Guardia nazionale dell’Alabama al Talladega SuperSpeedway.

Altri sforzi per incontrare le persone dove si trovano con i vaccini sembrano aver fatto la differenza, secondo il consigliere capo della Casa Bianca per il team di risposta COVID-19, la dott.ssa Marcela Nunez Smith.

Spingendo l’amministrazione Biden a ottenere online più siti di vaccinazione federali gestiti dalla FEMA e ottenere vaccinazioni per i centri sanitari comunitari del governo federale, più persone di colore hanno ottenuto l’accesso e questo ha dato i suoi frutti.

Nelle ultime due settimane, il 51% di quelli vaccinati negli Stati Uniti era di colore, che è superiore al 40% della rappresentanza della popolazione generale per questi gruppi.

“Riconosciamo che il codice postale è un indicatore più forte della salute”, ha detto martedì Nunez Smith durante un briefing sul coronavirus della Casa Bianca. “Sappiamo che dobbiamo andare avanti e, per farlo, dobbiamo assicurarci di raggiungere tutti a questo punto”.

READ  Anche il computer di backup del telescopio spaziale Hubble ora non funziona correttamente