enero 18, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I terrificanti effetti collaterali del COVID-19 fanno sì che il cibo abbia il sapore e l’odore di spazzatura

A questo punto dell’epidemia, si sa che Perdita del senso del gusto e dell’olfatto È un sintomo comune di COVID-19. Ma c’è un effetto collaterale molto più raro e spaventoso che accade ad alcuni: quando il gusto e l’odore vengono finalmente ripristinati, il loro cibo non ha un sapore così buono come lo ricordano. Invece, ha il sapore di spazzatura letterale.

«Da quando ho ripreso il mio odore e il mio sapore, ho annusato questo odore e assaggiato questo sapore disgustoso e non riesco a capire cosa sia», ha spiegato una persona in una storia condivisa dal team di supporto di Covid Parosmia. Conto TikTok. «Non posso più bere alcuni dei miei drink preferiti o mangiare alcuni dei miei cibi preferiti». La sopravvissuta al COVID-19 ha detto che ha dovuto smettere di usare la sua lozione per il corpo preferita perché l’odore era così cattivo.

Diversi altri utenti su TikTok si sono rivolti alla piattaforma per condividere la loro lotta con il disturbo di salute chiamato parosmia, un momento in cui gli odori possono essere rovinati. Per chi soffre di parosmia, le cose che un tempo avevano un buon profumo, ad esempio la lozione per il corpo, potrebbero avere un cattivo odore ora.

La parasemia è solitamente causata da un’infezione delle vie respiratorie superiori, un trauma cranico, un problema ai seni paranasali, l’esposizione a tossine o una condizione neurologica come il morbo di Parkinson. Ora, sembra che il COVID-19 possa essere aggiunto a questo elenco di cause.

«La parosmia può essere causata da una serie di cose come infezioni respiratorie, convulsioni epilettiche e persino tumori cerebrali», ha detto Richard Orlandi, dottore in orecchio, naso e gola e professore nel dipartimento di chirurgia dell’Università dello Utah Health. . «Abbiamo notato dalla pandemia che più pazienti che si sono ripresi da COVID ora stanno segnalando questi sintomi».

READ  I ricercatori stanno studiando gli effetti a lungo termine del COVID, compreso l'olfatto distorto e la lingua allargata

Sebbene l’interruzione sia generalmente temporanea, alcuni, come l’utente di TikTok HannahBaked, hanno riferito che la loro lotta con la parosmia dura per mesi.

«Indosso la mia maschera ogni volta che uso deodorante o profumo», ha detto Hannah Packed. nel video per i suoi seguaci. «Non posso fare la maggior parte della carne.»

Dice di soffrire di parosmia da 10 mesi.


Vuoi più storie di salute e scienza nella tua casella di posta? Iscriviti alla newsletter settimanale del salone mondo volgare.


Non è chiaro «quanto sia comune la parosmia, ma sembra che l’anosmia sia molto comune e potrebbero essere raggruppate insieme», ha detto a Salon il dott. Amesh Adalja, ricercatore senior presso la Johns Hopkins. Perdita dell’olfatto significa perdita completa dell’olfatto e del gusto, che è molto comune con COVID-19.

secondo Una revisione sistematica Pubblicato nel giugno 2020, il 41% di 8.438 persone con COVID-19 ha riferito di aver perso il senso dell’olfatto. Pochi studi sono stati condotti specificamente sulla parosmia e sul COVID-19 in particolare. Tuttavia, tra le ricerche che sono state fatte su questo argomento, sembra essere abbastanza comune. secondo Studia maggio 2021 Interrogando 268 pazienti con parsomia per un periodo di 7 mesi, il 91% dei soggetti ha riportato un cambiamento nella qualità della vita.

«La percezione quotidiana della parsomia era inquietante per la maggior parte dei nostri pazienti, ed è solitamente descritta come liquami, calzini ammuffiti, uova avariate, agrumi e carne avariata», hanno riferito precedenti ricercatori nello studio del maggio 2021. libri. «Tutti i pazienti possono identificare i fattori scatenanti».

I partecipanti hanno riferito che la parosmia è durata tra 9 giorni e 6 mesi; La durata media della parosmia è stata di 3,4 mesi.

READ  Negli ultimi quattro decenni, l'HIV/AIDS ha ucciso almeno 700.000 americani. Il COVID-19 ha ucciso di più in due anni.

Adalja ha detto che la causa della parosmia è probabilmente simile all’anosmia.

«È probabile che sia il risultato dello stesso processo che causa la perdita dell’olfatto, che non è completamente chiarito ma si verifica attraverso l’invasione virale diretta, l’infiammazione del sistema immunitario o una combinazione di questi due», ha detto Adalja. «Può succedere anche durante l’infezione iniziale».

In effetti, il modo esatto in cui COVID-19 provoca la parosmia è ancora sconosciuto. Come ha sottolineato Adalja, è possibile che il coronavirus possa danneggiare i recettori e i nervi responsabili del nostro olfatto. L’origine può anche essere correlata all’infiammazione.

Tuttavia, come molti degli effetti collaterali di COVID-19, sono necessarie ulteriori ricerche per trovare risposte definitive.

«In questo momento, non si sa molto sugli effetti a lungo termine del COVID-19», ha detto Orlandi. «Tutto quello che sappiamo veramente è che la maggior parte dei pazienti sta già sperimentando un ritorno ai normali sensi del gusto e dell’olfatto, ma non è chiaro se e quanti pazienti torneranno mai completamente alla normalità».

Per alcuni, praticano una tecnica nota come «mini-allenamento», che prevede di annusare lo stesso insieme di profumi del proprio. 20 secondi ogni volta Può aiutare una persona a riprendersi sia dall’anosmia che dalla parosmia.