agosto 3, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I tecnici che hanno lavorato dalla strada durante il Covid, potrebbero non tornare

Per gentile concessione di Kartik Vasan e Smriti Bhadurya

Quando Erica Horne ha ricevuto un’e-mail di lavoro nel maggio 2020 che la sua azienda sarebbe stata assente per il prossimo anno, ha capito subito che era tempo di vivere il suo sogno di lunga data di vivere fuori da un camion.

“Niente ha più senso della vita di un fan una volta che questo fatto diventa realtà”, ha detto Horn, che ha vissuto a Oakland prima di trasferirsi sul suo camion. “Non avevo motivo, niente, che mi legasse a questo particolare luogo oa questa quantità di affitto”.

Il porno non è solo. Molti lavoratori con lavori che consentono loro di lavorare da remoto durante la pandemia, hanno lasciato condizioni abitative stabili e si sono trasferiti a tempo pieno su camioncini. Questi lavoratori guidano a distanza da un luogo all’altro delle loro case, lavorano da hotspot Internet nei loro camion e trascorrono il loro tempo libero nella natura ed esplorando nuovi posti.

Mentre i vaccini vengono lanciati e gli stati iniziano ad aprirsi, alcuni lavoratori stanno tornando nei loro uffici. Ma molti lavoratori che hanno abbracciato la vita del camion non vogliono rinunciarvi.

È diventato uno stile di vita”, ha detto Smriti Bhadurya, che vive nel suo furgone con suo marito Kartik Vasan e il loro cane Everest. Bhaduriya e Vasan hanno viaggiato sulla loro Dodge B200 Tradesman del 1977 da quando hanno lasciato Toronto nel agosto 2020.

“Siamo così felici in questa vita e nella libertà che dà”, ha detto Bhadurya. “Non c’è nessuna scadenza in vista”.

Come lo zaino in spalla all’estero, VanLife si rivolge a coloro che amano viaggiare o all’aria aperta che hanno il privilegio di lavorare in remoto e il budget per spendere migliaia di dollari per acquistare e costruire il proprio minivan. Possono trasferire denaro dall’affitto e dai pagamenti dell’auto in uno stile di vita di viaggi senza fine.

“Sono sempre stata una persona a cui piace viaggiare, ma allo stesso tempo sono sicuramente una persona a casa”, ha detto Kylie Dillon, che lavora a distanza nel servizio clienti di Outdoorsy, una società di ritiro e noleggio camper. “Mi piace molto questo con la vita del camion, puoi sempre viaggiare ma la tua casa è sempre con te.”

Per gentile concessione di Kenzo Fung Hing

Per alcuni, lavorare da un camion è meno un viaggio che un’alternativa all’affitto di un ufficio.

Kenzo Fong, CEO della startup tecnologica Rock, ha iniziato a lavorare dal suo camion nel maggio 2020 dopo che i suoi figli hanno iniziato a fare i compiti a casa durante la pandemia. Fong vive ancora nella sua casa di San Francisco, ma durante i giorni sale sul suo camion e sceglie una nuova posizione in città. Fong trascorre la giornata lavorando fuori dall’ufficio che ha allestito nel suo camion, facendo pause a piedi per godersi una varietà di luoghi e raccogliere le sue idee.

READ  iOS 14.7.1 e iPadOS 14.7.1 Correzione di bug per gli hacker

Fong lo preferisce a un tragitto di un’ora a tratta da San Francisco a Mountain View, in California, come ha fatto nel suo precedente lavoro a Il Google.

“Non riesco a immaginare di farlo di nuovo perché c’è così tanta flessibilità nel lavorare da qualsiasi luogo”, ha affermato Fong, la cui azienda produce software per i lavoratori remoti.

Per gentile concessione di Kartik Vasan e Smriti Bhadurya

“Internet è la cosa più importante”

L’acquisto e l’installazione di un camioncino possono essere un processo rapido. Ma le persone che si interessano davvero possono impiegare mesi o anni a prepararsi.

Fong, ad esempio, ha acquistato un’auto già convertita e l’ha finanziata, pagando poche centinaia di dollari ogni mese.

“Molto meno che avere un ufficio a San Francisco”, ha detto.

Horn, al contrario, ha trascorso mesi a lavorare sul suo camion con suo padre e un appaltatore, preparando il camion secondo le specifiche che desiderava. Alla fine del progetto, ho speso circa $ 60K- $ 25K per un camion usato e altri circa $ 35.000 per la costruzione.

Le auto della vita di un furgone hanno bisogno di alcune nozioni di base: un posto dove dormire, una scrivania o un tavolo, attrezzature da cucina e una sorta di apparecchio per il bagno.

Ma forse i più importanti sono i computer e Internet. Alcuni sollevatori di camion hanno bisogno solo di un laptop. Altri hanno impostazioni più dettagliate complete di più schermi. Ma la maggior parte di essi trasporta almeno due hotspot di diversi provider di rete in modo che possano ricevere un segnale da almeno un servizio quando arrivano in nuove località.

“Internet è la cosa più importante”, ha detto Fong, che ha un hotspot per AT&TE il Verizone sprint e T-Mobile. “Fondamentalmente ho tutti i principali vettori nel caso ne avessi bisogno.”

Questi requisiti Internet a volte richiedono soluzioni innovative. Horn racconta di aver trovato un ottimo campeggio a Sedona, in Arizona, ma di non aver trovato alcun buon segno. Quindi ogni mattina guidava per 30 minuti in una città vicina e si fermava davanti al negozio Staples dove finalmente riusciva a ottenere una solida connessione.

“Non è sempre magico”, ha detto Horn con una risata.

Fare un lavoro dalle nove alle cinque può essere una seccatura per i lavoratori della vita. Per i lavoratori a tempo pieno come Horn, il tipico orario di lavoro significa che possono essere parcheggiati in un posto fantastico senza poterlo godere fino al fine settimana.

Ecco perché molti lavoratori del van lifestyle sono liberi professionisti, ha affermato Jes Schechler, fondatore di Sekr, un’app che aiuta le persone che vivono nei furgoni a trovare campeggi o punti Wi-Fi.

“Un nove-cinque nove è difficile ma possibile”, ha detto Schiezler, che vive anche in un camion. “Il tipo di carriera a distanza che ti consente una maggiore flessibilità nel tuo programma è più facile da fare in questo stile di vita.”

Bhadauria e Vasan, per esempio, stanno facendo un lavoro basato su progetti.

Vasan lavora nel campo IT mentre Bhadauria lavora nel marketing digitale. I due trascorrono le prime ore della giornata all’aperto per poi andare subito al lavoro. Nel pomeriggio, si prenderanno una pausa dal lavoro ed esploreranno la loro zona o guideranno verso la loro prossima posizione. Indipendentemente da ciò, danno la priorità a catturare i tramonti ogni sera. Ironia della sorte, gran parte del loro lavoro effettivo viene svolto il sabato e la domenica.

“Non svolgiamo affatto attività nei fine settimana perché di solito è affollato, quindi i fine settimana finiscono per essere giorni lavorativi per noi”, ha detto Vasan.

Gli svantaggi includono sporcizia e solitudine

C’è anche molto lavoro da fare per vivere in un camion.

Dillon ha detto che era sorpresa di quanto fosse sporco il suo camion. Ha trascorso i primi quattro mesi del 2021 vivendo on the road, e ora è a casa a Platte City, Missouri, Lavora e preparati a comprare un camion aggiornato in modo che possa tornare sui suoi giri quest’estate. Mentre viveva nel suo camion, puliva e puliva, ma il camion si sporcava di nuovo non appena soffiava il vento. Alla fine, ha detto Dillon, imparerai a vivere una vita un po’ più sporca.

Un’altra grande sfida è affrontare la solitudine che accompagna la vita sulla strada. Dillon ha detto di essersi sentita molto sola per le prime tre settimane della sua vita on the road, e non ha iniziato a superare quella solitudine fino a quando non ha preso il suo cane Coda.

“Mi piace stare da sola”, ha detto, “ma a volte mi sento un po’ sola”. “Avere il mio cane ha aiutato molto con questa unità.”

Horn ha detto che trascorre parte delle sue giornate a fare le faccende domestiche, come pulire e rifare il letto ogni giorno per fare spazio in modo da poter vivere e lavorare. Deve anche svuotare il serbatoio delle acque grigie del camion e la toilette portatile e riempirla con acqua dolce e propano.

“La maggior parte dei momenti non sono quelli in cui dormi nei posti più incredibili e ti svegli con una vista incredibile, sono pochissimi nella stragrande maggioranza, specialmente se stai lavorando”, ha detto Horn. “Tuttavia, quei momenti ne valgono la pena.”

Bhadurya, che viaggia con suo marito e il loro cane, Everest, dice di non sentirsi sola, ma ci sono momenti in cui le mancano gli amici che vengono a vivere in un posto. Ad esempio, ha detto Bhadurya, voleva organizzare una grande festa per il trentesimo compleanno di suo marito, che è successo mentre erano in viaggio.

“Cose del genere ti mancano, quando vuoi un grande raduno o un senso di comunità”, ha detto Bhadurya.

Sebbene lei e Vasan amino la vita on the road e abbiano intenzione di continuare a farlo per il prossimo futuro, si rendono conto che lo stile di vita non è sostenibile a tempo indeterminato.

“Con tutto si arriva a un punto in cui le cose iniziano a diventare noiose o ad un certo punto c’è stanchezza”, ha detto Bhadurya. “Se arriviamo a quel punto, saremo felici di tornare a casa da qualche parte”.

Nonostante le sfide della vita on the road, coloro che hanno parlato con la CNBC hanno affermato di voler continuare il loro stile di vita nomade fino a quando le loro aziende non smetteranno di consentire il lavoro a distanza o finché non si esauriranno. Horn ha detto che inizialmente aveva pianificato di vivere sulla strada per almeno un anno, ma ora è cambiato.

“A sei mesi, mi sento ancora come se stessi imparando questo, solo imparando da esso e appena iniziato”, ha detto. “Potrei davvero vedermi fare questo per quasi due anni, e chissà, forse anche di più”.