septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Google avrebbe offerto a Netflix una pausa dalla sua normale commissione sul Play Store

Causa antitrust intentata contro Google e il suo Play Store da diversi pubblici ministeri Hanno fatto eco alla battaglia di Epic vs. MelaUn nuovo documento evidenzia come e perché il Google Play Store è così simile. MLex Corrispondente capo Michael Acton Indica il nuovo reclamoChi è arrivato venerdì sera dagli avvocati incaricato di rappresentare i consumatori (Siamo noi) in una potenziale azione legale collettiva che unisce gli stati e Giochi epici nell’accusare Google di abusare del suo potere monopolistico e di comportamenti anticoncorrenziali.

Immagine: MLex, Reclamo di First Class Action modificato, caso n. 3: 20-CV-05761-JD – 42

Forse la cosa più significativa è l’indicazione che i servizi di abbonamento popolari come Spotify, Netflix e Tinder hanno cercato di trovare modi per aggirare la fatturazione di Google Play e ridurla del 30 percento. Questo non è un segreto, poiché la raccolta diretta dei dati della carta di credito da parte di Netflix e Spotify Ha detto ha portato alla pubblicazione di GoogleillustrazioneHa spiegato che le app del Play Store dovrebbero utilizzare il sistema di fatturazione di Google e dare loro un anno per cambiare.In quel deposito, gli avvocati accusano Google di offrire a Netflix una “quota di compartecipazione alle entrate drasticamente ridotta” con l’obiettivo esplicito di eliminare il suo desiderio di utilizzare un sistema di pagamento alternativo .

Anche se non abbiamo visto i dettagli o i tempi di questa presunta presentazione, o che sia un riflesso diretto di Cose che abbiamo imparato in Epic vs. Demo di Apple, come mostrano le email di Apple Ha offerto una serie di dolcificanti per mantenere Netflix nel sistema di acquisto in-app.

In una dichiarazione a il bordoUna portavoce di Google ha dichiarato: “Tutti gli sviluppatori sono soggetti alle stesse politiche di tutti gli altri sviluppatori, inclusa la politica sui pagamenti. Abbiamo avuto una lunga Software In un luogo che supporta gli sviluppatori con risorse e investimenti ottimizzati. Questi programmi sono un segno di sana concorrenza tra sistemi operativi e app store e avvantaggiano gli sviluppatori.” Se questo sia un segno di sana concorrenza è discutibile, poiché gli sforzi di Google corrispondono ampiamente a quelli di Apple, tra cui Dimezza la commissione sugli abbonamenti dopo un anno, anche se va oltre nello spettacolo Taglio del 15% per gli sviluppatori sul primo milione di dollari di entrate.

La commissione standard del 30% di Google è ancora un obiettivo chiave, con la causa che cita dati interni di Google che indicano che il livello di pareggio per la compartecipazione alle entrate è in realtà di circa il 6%. La denuncia cita le comunicazioni interne di Google che riconoscono la sua “tassa arbitraria” fissata al 30 percento.[n]o Razionale, a parte le copie Apple.” Per quanto riguarda la concorrenza, gli avvocati citano la stima di Google secondo cui anche un attore importante come Samsung può gestire solo $ 100 milioni di entrate per il 2019, mentre Google ha guadagnato circa $ 4 miliardi.

La risposta di Google agli AG statali a giugno Ha affermato che il Play Store “offre più apertura e scelta della maggior parte” e che su Android “puoi scegliere di scaricare l’app da un app store concorrente o direttamente dal sito Web dello sviluppatore”. Tuttavia, questo file crea buchi anche in questo argomento, sottolineando che gli accordi OEM di Google con i produttori di telefoni interferiscono con la possibilità di rendere accessibili altri app store come il Play Store, che deve essere incluso nella schermata iniziale del dispositivo per caricare app di Google come Gmail e Google Maps.

Per le app distribuite tramite Google Play Store, Google nella DDA con gli sviluppatori di app impone più restrizioni anticoncorrenziali.  Innanzitutto, impedisce agli sviluppatori di distribuire ai propri clienti esistenti al di fuori di Google Play, sia (i) utilizzando le informazioni sui clienti per contattarli direttamente sia (ii) indirizzando tali clienti all'interno dell'app a un altro negozio o al sito web dello sviluppatore.

foto: MLexPrimo ricorso consolidato di azione collettiva emendato, caso n. 3: 20-CV-05761-JD – 53

giusto in tempo , Cita il contratto di distribuzione con gli sviluppatori di Google Play Impedisce agli sviluppatori di utilizzare le informazioni relative ai clienti che ottengono dal Play Store, come gli indirizzi e-mail, per raggiungerli direttamente. Puoi leggere la sezione pertinente di seguito.

4.9 Non intraprenderai alcuna attività su Google Play, inclusa la messa a disposizione dei tuoi prodotti tramite Google Play, che interferisca con, disabiliti, danneggi o acceda in altro modo a dispositivi, server, reti o altre proprietà o servizi di terze parti Compreso, ma non limitato a, Google o qualsiasi fornitore autorizzato. Non puoi utilizzare le Informazioni utente ottenute tramite Google Play per vendere o distribuire Prodotti al di fuori di Google Play.

Ciò rende “impossibile per gli sviluppatori raggiungere direttamente i clienti per offrire alternative al Google Play Store”, secondo la causa. Consentire agli sviluppatori di utilizzare le informazioni dell’App Store per contattare i clienti tramite e-mail, comprese le informazioni sulle opzioni di pagamento alternative, è una delle piccole concessioni di Apple. Presentato in una proposta di accordo di classe all’inizio di questa settimana, anche se aziende come Spotify ed Epic dicono che non è abbastanza.

READ  CPU Intel Core i9-12900K 16 Core Alder Lake modulare su scheda madre ASUS ROG STRIX Z690-E Gaming WIFI, più veloce del Core i9-11900K