septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli Stati Uniti e la Cina sono severi sul commercio dopo un altro incontro ad alto livello, ma dicono di voler continuare a parlare

Una delegazione statunitense guidata dal vice segretario di Stato Wendy Sherman ha incontrato il ministro degli Esteri Wang Yi e altri funzionari a Tianjin, in Cina, una settimana dopo che l’amministrazione Biden si è unita a una coalizione internazionale per condannare la Cina per i suoi attacchi informatici globali.

Il ministero degli Esteri ha descritto gli incontri come “candidi e aperti” – un simbolo diplomatico della scaramuccia – e ha dipinto Pechino come un outsider che sovverte le norme internazionali, elencando il genocidio cinese nello Xinjiang e rifiutando di collaborare con un’indagine internazionale sulle origini. dal Coronavirus.

“Il vicesegretario di Stato ha sottolineato che gli Stati Uniti accolgono con favore un’intensa concorrenza tra i nostri due paesi – e che intendiamo continuare a rafforzare le nostre mani competitive – ma non cerchiamo conflitti con la Cina”, ha dichiarato il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price in una nota. . Lunedì.

Pechino, che ha definito i colloqui “profondi e franchi”, ha risposto con un torrente di condanne. Funzionari cinesi hanno espresso “estrema insoddisfazione” per la “politica estremamente pericolosa nei confronti della Cina” di Washington e l’hanno accusata di ipocrisia dei diritti umani.

‘Confronto’

Il portavoce del ministro degli Esteri cinese Zhao Lijian ha affermato che i funzionari cinesi “hanno immediatamente chiesto agli Stati Uniti di smettere di interferire negli affari interni della Cina, di smetterla di danneggiare gli interessi della Cina, di smettere di attraversare la linea rossa, di smettere di giocare con il fuoco e di smettere di organizzare scontri collettivi sotto le spoglie dei valori”. ”

I due paesi stanno cercando di ottenere un vantaggio mentre lottano per gestire la relazione bilaterale più importante del mondo e preparare il terreno per il primo incontro dei leader tra il presidente Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping previsto al vertice del G7 di ottobre. Nonostante il linguaggio assertivo, entrambe le parti hanno espresso interesse a continuare il dialogo.

“Gli Stati Uniti e la Cina stanno attraversando un periodo di competizione strategica, le relazioni si stanno generalmente deteriorando e questa tendenza è continuata durante i colloqui di oggi”, ha affermato Neil Thomas, analista cinese presso Eurasia Group, una società di consulenza e consulenza sui rischi politici. “Ma il fatto che entrambe le parti vogliano tenere questo incontro … mostra che sia Biden che Xi Jinping vogliono ancora mettere una sorta di terreno sotto il deterioramento delle relazioni, perché sanno che questa è la relazione bilaterale più importante al mondo Ha gravi conseguenze per la stabilità globale, per la politica, la sicurezza e l’economia.
Parlando al New York Times dopo i suoi incontri, Sherman ha detto, “Nelle aree in cui abbiamo interessi comuni e ci sono interessi globali significativi, abbiamo avuto discussioni molto sostanziali, scambiato alcune idee. Dovremo vedere dove andrà a finire”.

Gli incontri Sherman in Cina hanno seguito un tour attraverso l’Asia con tappe in Giappone, Corea e Mongolia, e sono arrivati ​​quando il Segretario alla Difesa Lloyd Austin ha visitato Singapore e il Segretario di Stato Anthony Blinken si è diretto in India, il tutto a testimonianza dell’importanza che l’amministrazione Biden attribuisce all’Asia. .

La visita del vicesegretario a Tianjin è stata la prima riunione di alto livello da quando incontro controverso A marzo in Alaska, la telecamera ha in parte ripreso Blinken, il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, Wang e alti funzionari della Repubblica popolare cinese.
Le letture successive agli incontri di Sherman hanno indicato che le differenze di marzo non solo sono rimaste irrisolte, ma continueranno a creare attriti in futuro, in particolare sulle questioni relative ai diritti umani, in vista dell’organizzazione delle Olimpiadi invernali da parte di Pechino e sui tentativi internazionali di identificare le origini del coronavirus.

“Il vicesegretario di Stato ha espresso le sue preoccupazioni in privato – come abbiamo fatto in pubblico – su una serie di azioni della RPC che sono contrarie ai nostri valori e interessi e a quelli dei nostri alleati e partner, e che minano le regole- basato su un ordine internazionale”, ha affermato Price in una nota.

READ  La Bielorussia attacca gli Stati Uniti, riducendo il personale dell'ambasciata

“Ha sollevato le nostre preoccupazioni sui diritti umani, compresa la campagna anti-democrazia di Pechino a Hong Kong; il genocidio in corso e i crimini contro l’umanità nello Xinjiang; gli abusi in Tibet; e la riduzione dell’accesso ai media e alla libertà di stampa”, ha continuato Price. “Ho anche parlato delle nostre preoccupazioni sul comportamento di Pechino nel cyberspazio, attraverso lo stretto di Taiwan e nei mari della Cina orientale e meridionale”.

L’incontro di Sherman è arrivato pochi giorni dopo che la Cina ha respinto il piano dell’Organizzazione mondiale della sanità per una seconda fase delle sue indagini sull’origine del coronavirus.

“Il vicesegretario ha ribadito le sue preoccupazioni sulla riluttanza della Repubblica popolare cinese a cooperare con l’Organizzazione mondiale della sanità e a consentire un’indagine di fase due nella Repubblica popolare cinese sulle origini di COVID-19”, ha affermato Price, aggiungendo che Sherman ha anche sollevato la questione degli americani e dei canadesi detenuti in Cina. Sotto il divieto di uscita e “ricordare ai funzionari della RPC che le persone non sono merce di scambio”.

Una dichiarazione cinese sul primo incontro di Sherman con il viceministro degli Esteri cinese Xie Feng ha affermato che il viceministro ha detto a Sherman che le relazioni tese tra Stati Uniti e Cina non erano dovute a nessuna delle questioni sollevate da Sherman, ma a causa della rappresentazione della Cina da parte degli americani come il “nemico immaginario”. . ”

‘Molto pericoloso’

Molti degli altri commenti di Xie sembravano essere un tentativo di ribaltare le critiche americane a Pechino.

Secondo la dichiarazione, Shih ha anche detto a Sherman che sono gli Stati Uniti che hanno abbandonato l’ordine internazionale basato su regole che hanno contribuito a creare all’indomani della seconda guerra mondiale, ma che la Cina vuole costruire un “nuovo tipo di relazione internazionale”. Sul “rispetto”.

READ  Cambiamento climatico: l'UE presenta un pacchetto ambizioso mentre si raffredda sui combustibili fossili

Xie ha anche affermato che gli Stati Uniti “non sono in grado di dare lezioni alla Cina sulla democrazia e sui diritti umani”, riferendosi al genocidio americano dei nativi americani e all’azione militare degli Stati Uniti, e ha affermato che gli Stati Uniti sono “l’inventore, il brevetto e il proprietario di proprietà intellettuale.” Diplomazia – Un’altra critica che Washington ha spesso rivolto a Pechino per il suo approccio ai Paesi più piccoli e più poveri.

Durante la lunga giornata di colloqui di lunedì, il portavoce Zhao ha dichiarato a una regolare conferenza stampa che la Cina ha espresso “forte insoddisfazione” per la “politica molto pericolosa nei confronti della Cina” di Washington.

Ma Zhao ha anche aggiunto che i colloqui sono stati “approfonditi e sinceri” e che hanno favorito il sano sviluppo delle relazioni tra Cina e Stati Uniti.

Anche se Sherman ha criticato le azioni della Cina, Price, il portavoce del Dipartimento di Stato, ha dichiarato: “Allo stesso tempo, il vice segretario di Stato ha sottolineato l’importanza della cooperazione in aree di interesse globale, come la crisi climatica, il controllo della droga, la non proliferazione e preoccupazioni regionali.” Compresi Corea del Nord, Iran, Afghanistan e Birmania.