diciembre 6, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli hotspot turistici in Italia sono più difficili da attrarre personale rispetto ai visitatori

* Lotta per trovare personale di ospitalità nonostante la disoccupazione

* I salari bassi e l’insicurezza del lavoro possono essere visti allontanare i lavoratori

* Alcuni datori di lavoro criticano i programmi di welfare statali

* Banche Turismo Italia per riscatto

Scritto da Angelo Amanda

ROMA, 29 giugno (Reuters) – Le barriere del corona virus sono state allentate e i turisti stanno tornando, ma i ristoranti e gli hotel italiani stanno affrontando un problema imprevisto perché non riescono a trovare personale.

Il governo di Solidarietà del Primo Ministro Mario Draghi ha affrontato forti progressi dalla recessione dello scorso anno, che è la più profonda in Italia dalla seconda guerra mondiale, e guarda al turismo con l’aiuto del nuovo pass Covit-19 dell’UE per guidare quest’estate.

Ma i crescenti problemi di reclutamento, che fanno eco ai rapporti di carenza cronica di manodopera nelle industrie dell’ospitalità degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell’Australia, potrebbero ostacolare la ripresa in Italia e nella più ampia zona euro.

«Siamo nei guai», ha detto Stefano Giuliotori, che sta lottando per assumere 12 dipendenti e ciambellani per il suo hotel nella località adriatica di Richion.

«Ci aspettiamo molti visitatori. Abbiamo bisogno di personale, ma è molto difficile trovare qualcuno».

Alessandro Massimo Nukara, direttore generale dell’Hotel Lobby Group di Federberg, stima la carenza di manodopera nel settore intorno al 10% o 50.000 lavoratori.

I rapporti sull’occupazione suggeriscono che i giovani italiani potrebbero essere tentati di lavorare. Ad aprile, il 33,7% delle persone in cerca di lavoro di età compresa tra 15 e 24 anni era disoccupato, uno dei tassi più alti dell’UE.

Inoltre, oltre il 23% degli italiani di età compresa tra 15 e 29 anni non ha un’occupazione, istruzione o formazione, il doppio della media UE per «Necessità» e il più alto nella circoscrizione di 27 nazioni.

READ  MediaSet italiana propone una struttura a doppio ruolo per spingere M&A

Con uno stipendio mensile netto di circa 1.200 euro (4.430), Cleodori ritiene che parte del problema risieda nelle prestazioni assistenziali, introdotte prima dell’avvento del COVID-19 nel tentativo di evitare che alcune famiglie cadessero in condizioni di estrema povertà.

“Con tutti questi sussidi, le persone non vogliono lasciare la loro città natale, non devono pagare l’affitto, vogliono fare lavoretti con le loro famiglie”, ha detto Culiodori.

La maggior parte dei lavoratori stagionali di Riccion proviene da fuori regione, il che significa che devono trovare vitto e alloggio, il che significa mangiare fino a meno di circa 20.000 euro l’anno.

Bad Bay

Un sistema di welfare di reddito di base introdotto nel 2019 paga 500 500 persone in cerca di lavoro al mese. Un piano di emergenza separato paga fino a 840 euro a famiglia per le persone che sono state gravemente colpite dall’epidemia, ma non hanno diritto a quello che viene chiamato «stipendio di cittadino».

I dati ufficiali mostrano che a marzo 2021 2,99 milioni di persone avevano ricevuto stipendi civili, mentre 628.242 famiglie avevano beneficiato del piano di emergenza, che sarebbe durato almeno fino a settembre.

«Lo stipendio del cittadino impedisce ai giovani di trovare lavoro», ha detto su Twitter la scorsa settimana l’ex primo ministro di sinistra Matteo Renzi, chiedendo che i soldi vengano deviati alle tasse aziendali e ai costi di assunzione.

Tuttavia, molti sostengono che la causa della carenza di manodopera non sono le prestazioni sociali, ma le condizioni salariali e lavorative carenti.

Il settore del turismo, che rappresenta circa il 13% del PIL italiano, gode di una reputazione particolarmente negativa.

READ  Vigili del fuoco italiani: nessuna vittima per incendio edificio di 20 piani

I dipendenti si lamentano del fatto che spesso pagano libri senza un’adeguata occupazione per qualificarsi per i programmi specifici COVID-19 di cui hanno bisogno se i normali benefici di sicurezza sociale e le ricadute aumentano.

Giuseppe, catanese in Sicilia, non ha voluto dare il cognome, dicendo di aver lavorato nelle pizzerie negli ultimi 10 anni, ma era stanco di non avere mai un vero e proprio contratto.

«Tutto era in contanti. Trenta euro per lavorare fino a tardi dalla mattina presto fino a tarda notte», ha detto. «Se vogliono trovare più lavoratori, devono offrire contratti regolari».

Roberto Sabado, che guida il gruppo per i diritti dei lavoratori stagionali noto come «Oldre la Piazza» (al di là della piazza), afferma che lavoratori come lui hanno portato l’epidemia a rivalutare le loro vite.

«Le persone stanno pensando ora: posso morire domani se c’è un’epidemia. Ho passato il resto della mia vita come tossicodipendente. Non voglio più farlo», ha detto Sabado a Reuters.

L’Italia non è sola

Le imprese di altri paesi europei, tra cui la Germania e la Grecia basata sul turismo, hanno avvertito della carenza di manodopera.

«C’è stata una carenza (di manodopera), che è molto diversa dopo sette mesi di blocco», ha affermato George Gavadas, presidente della Federazione greca dei ristoranti, che ha affermato che il programma di sostegno per i dipendenti del governo era parte del problema.

In Germania, l’Associazione tedesca degli hotel e dei ristoranti ha accusato una carenza di personale del 30% su migliaia di strutture ricettive che non hanno riaperto a giugno dopo i blocchi.

In Italia il Corona virus è stato costretto a chiudere per mesi bar, ristoranti e hotel, ed entro il 2020 le associazioni alberghiere e alberghiere hanno dichiarato di perdere un posto di lavoro su quattro nel settore. Ora c’è il timore che alcuni lavoratori non torneranno mai più.

READ  Secro vende portafoglio di magazzini in Italia

“Molti di coloro che hanno lavorato nel turismo hanno trovato un altro tipo di lavoro”, ha detto Marco Fontaine, ristoratore e vicepresidente della lobby imprenditoriale del Trentino settentrionale.

In un sondaggio in Germania, circa il 42% degli hotel e dei ristoranti ha il personale che si sposta in altri settori come la vendita al dettaglio, la logistica o le mense ospedaliere.

Fontaine ha affermato che la paura di serrature future rende le persone riluttanti a tornare perché i tipi di COVID-19 sono in circolazione.

«Invece di abbandonare la stabilità dei programmi di sicurezza sociale, dicono di voler aspettare e vedere cosa succede».

(1$ = 0,8375 euro) (Relazione aggiuntiva di Angelique Coutando ad Atene, Emma Thomason a Berlino e Gavin Jones a Roma; montaggio di Catherine Evans)