octubre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Dilip Kumar, leggenda del cinema indiano e attore di Bollywood, muore a 98 anni

contributori Fedika Sood, CNN

L’attore di Bollywood Dilip Kumar, uno dei personaggi più amati del cinema hindi, è morto mercoledì all’età di 98 anni, ha confermato il suo medico.

Kumar è noto da diverse generazioni di fan del cinema per aver recitato in classici di Bollywood tra cui “Devdas”, “Naya Daur”, “Ganga Jamuna” e altro ancora. Ha spesso interpretato ruoli tragici, guadagnandosi il titolo di “King of Tragedy”.

“Dilip Kumar è morto alle 7:30 di questa mattina, dopo una lunga malattia”, ha detto il dottor Jalil Parkar, che lo stava curando all’Hinduja Hospital di Mumbai.

Kumar è stato portato in ospedale all’inizio di giugno e poi dimesso, ma è stato ricoverato di nuovo il 30 giugno, secondo i post sul suo account Twitter ufficiale.

Il 5 luglio, appena due giorni prima della sua morte, la moglie di Kumar, Saira Banu Khan, ha pubblicato un tweet dal suo account dicendo che la sua salute sta migliorando.

Un tweet dall’account di Kumar firmato dall’amico di famiglia Faisal Farooqi ha confermato la sua morte mercoledì. E il tweet recitava: “Con cuore triste e profonda tristezza, annuncio la scomparsa del nostro amato Dilip Saab, pochi minuti fa”.

Kumar lascia sua moglie. La coppia non aveva figli.

Persone di ogni ceto sociale, inclusi politici, attori e atleti, hanno condiviso le loro condoglianze tramite i social media dopo che la notizia della sua morte si è diffusa.

“Dilip Kumar Ji sarà ricordato come una leggenda del cinema”, ha scritto mercoledì il primo ministro Narendra Modi su Twitter. “È stato benedetto da uno splendore senza precedenti, ammirando il pubblico di tutte le generazioni. La sua morte è una perdita per il nostro mondo culturale. Le mie condoglianze alla sua famiglia, ai suoi amici e agli innumerevoli fan”.

READ  Jesse James Decker dice che ha guadagnato 10 libbre perché piange per i "disgustosi" troll.

Amitabh Bachchan, una celebrità di Bollywood, ha scritto su Twitter che “un’istituzione è andata” e ha aggiunto di essere “molto triste”.

Ha scritto: “Quando viene scritta la storia del cinema hindi, dovrebbe sempre essere ‘prima di Dilip Kumar e dopo Dilip Kumar'”.

Da fruttivendolo a star del cinema

Kumar Muhammad Yusuf Khan è nato nel 1922 a Peshawar, in quello che oggi fa parte del Pakistan. Suo padre era un commerciante di frutta e la famiglia si trasferì a Mumbai, allora conosciuta come Bombay, durante l’infanzia di Kumar negli anni ’30. Dieci anni dopo, si trasferì a Pune per avviare una mensa e un’attività di fornitura di frutta.

A Pune, è stato notato dall’attrice Devika Rani, che è anche la moglie del fondatore del famoso studio cinematografico di Bollywood. Ha aiutato il giovane a entrare nel settore e ha creato il soprannome che avrebbe conosciuto: Dilip Kumar.

Sebbene i primi film di Kumar non siano riusciti a creare scalpore, il suo film del 1947 “Jugnu” è stato un enorme successo, seguito da “Shahid” l’anno successivo. È stato sul set di “The Martyr” che ha incontrato e ha iniziato una relazione con l’attrice Kamini Kaushal – una coppia sullo schermo che è diventata una delle preferite dai fan, che ha portato a tre duetti consecutivi da protagonista.

Dilip Kumar con l’attrice Meena Kumari in una scena di “Yahudi” 1958. a lui attribuito: Mathieu Omid / Alami

Negli anni ’50 era diventato una delle più grandi star indiane, con una lunga lista di premi che lo mettevano alla pari con leggende di Bollywood come Bachchan e Shahrukh Khan.

READ  Fuller Goldsmith, vincitore del Chopped Junior Award, muore a 17

Ma la sua vita personale ha fatto notizia anche fuori dallo schermo. Dopo la fine della sua relazione con Kaushal nel 1951, incontrò l’attrice Madhubala, un altro marito sullo schermo che divenne popolare tra il pubblico e produsse “Mughal Azam” – ampiamente considerato come uno dei film di maggior successo di Bollywood e un’icona del suo genere.

Ha sposato sua moglie, l’attrice Saira Banu, nel 1966.

Ma la sua carriera iniziò a declinare negli ultimi anni, con una serie di film falliti al botteghino negli anni ’60 e ’70, ad eccezione di alcuni film di successo. Si ritirò nel 1998 per problemi di salute.

Oltre ai Film Awards, Kumar è stato anche premiato per la sua lunga e brillante carriera. Ha ricevuto sia Padma Bhushan che Padma Vibhushan – il terzo e il secondo più alto riconoscimento civile assegnato dal governo indiano – per i suoi contributi al cinema.