Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

CLAUDIO Sabatini, il colpo dell´estate l´ha fatto la sua Virtus. «Sul mercato italiano, senza dubbio. Portiamo in Europa un giocatore vero della Nba, non un “ex” o un “quasi”. Di questi tempi ne sono state capaci solo le big di Atene e Mosca, le grandi di Spagna e Tel Aviv: in pratica, i club protagonisti dell´Eurolega».
Boykins, per i 3,5 milioni di dollari lordi d´ingaggio e per il suo curriculum, vale i grandi nomi cui Bologna era avvezza negli anni ‘90.
«Come esborso forse li supera pure, ma non è questo il punto. Sono arrivate tante star in Italia, che poi non hanno reso secondo le attese, per via di tanti fattori: ambientamento, problemi fisici, impegno. Boykins ha scelto Bologna per il prestigio che la Virtus ha ancora nel mondo. E ovviamente per i tanti soldi. Noi l´abbiamo preso per le garanzie di integrità fisica e soprattutto per la sua propensione a considerare le nostre esigenze».
Vale a dire?
«Per otto notti Andrea Luchi, il nostro ottimo gm, ha intavolato la trattativa col giocatore e l´agente. Abbiamo parlato direttamente con l´uomo per capire quali fossero le sue intenzioni. S´è dimostrato privo di presunzione, con la giusta attitudine: arriverà un professionista in piena attività. E si sposterà con tutta la famiglia, i suoi figli andranno a scuola a Bologna. Teniamo parecchio a questi particolari, il passato recente ci ha deluso molto. Vogliamo gente con la testa a posto».
La ciliegina finale ha fatto impennare un budget che pare nettamente sopra alle previsioni.
«A marzo ci siamo messi a lavorare per fare una nuova squadra. Il debito nei confronti di chi ci segue, che sempre regala fiducia a prescindere, era altissimo, così ci siamo mossi subito. Non è detto che riusciremo, ma abbiamo lavorato e lo stiamo facendo ancora parecchio. Virtus e Futurshow Station sono due cantieri aperti: lo sforzo è massimo per offrire il meglio. E abbiamo reagito bene all´addio di Bynum».
Cosa manca alla squadra?
«Intanto, Chiacig sarà ancora con noi, per darci minuti di qualità. Per completarci serve ancora un play in grado di alternarsi con Boykins. Bonora? Tecnicamente, moralmente e anche per il suo passato sarebbe la scelta ideale, ma oggi la trattativa è arenata».
Difficile tenere il profilo basso con un organico del genere.
«La Final 8 di Coppa Italia, l´eventuale Final 4 di Eurochallenge, due eventi che giocheremo a casa nostra, e ovviamente i play-off. I fronti saranno sempre tre: tutti si aspetteranno un rendimento da Virtus».

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.