Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

“Vogliamo creare un clima di grande entusiasmo, mettersi a disposizione ed essere generosi per affrontare questa spedizione con grande attenzione”. E’ iniziata con questo spirito costruttivo del CT Cesare Prandelli l’avventura dell’Italia verso i campionati europei. Dall’8 giugno al 1 luglio l’Italia ha tutte le carte in regola per fare bene, anche se alcune assenze eccellenti, una fra tutte quelle di Rossi per infortunio e alcune incertezze come il problema muscolare di Chiellini, lasciano ancora dubbio sulla reale composizione del gruppo azzurro, formato ora da 32 giocatori, che saranno 23 dal 29 maggio. “Cercheremo di lavorare sulla qualità del gioco per valorizzare i nostri attaccanti – ha poi proseguito Prandelli – è importante che tutti abbiano la voglia giusta per fare un grande Europeo”. E quello degli attaccanti è certamente il tasto dolente della nazionale, che non ha certamente un giocatore leader al quale aggrapparsi.
In casa Bologna nelle ultime ore c’è grande ottimismo per la possibilità che possa far parte del gruppo Alessandro Diamanti, giocatore duttile che può essere utilizzato sia come trequartista che come centrocampista di qualità con propensioni offensive. Un giocatore che è molto cresciuto sia nella personalità che nella capacità di trascinare il gruppo, con colpi risolutori, ma pure con la capacità del passaggio filtrante per le punte.
E viste le condizioni non eccellenti Cassano e Giovinco, i due giocatori che più gli somigliano, potrebbe essere proprio lui il giocatore Jolly, quello che può risolvere i problemi del CT, considerando anche che De Rossi è in via di guarigione e il gruppo degli attaccanti è tutto da verificare.
Intanto il Bologna sta facendo di tutto per riuscire a strappare al Brescia l’altra metà del giocatore, che il presidente Corioni sta cercando di capitalizzare nella maniera migliore possibile. SE all’inizio era 1,5 il prezzo per la metà del cartellino, ora sembra che servano almeno 4 milioni per arrivare allo stesso risultato. Nello stesso momento il giocatore è il punto di partenza per il Bologna di Pioli e dunque sarà su di lui lo sforzo maggiore per il mercato.
Intanto c’è attesa quando mercoledì si raduneranno i soci del patto di sindacato per vagliare l’interesse dell’advisor Tamburi per un’offerta. Se come sembra probabile, si darà l’ok per la visione dei conti rossoblù ci sarà molta curiosità per capire se l’interesse mostrato porterà ad una offerta che i soci considereranno congrua, oppure il tutto si trasformerà in una bolla di sapone.

Categoria: Volley
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.