Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

NELL´estate ricca di regali per Basket City, ci sono anche i pacchi pesanti da spostare. Non solo acquisti importanti, ma anche giocatori da piazzare altrove. La patata bollente della Fortitudo si chiama James Thomas, il 27enne pivot di 2.03, che probabilmente è stato la più grossa delusione della scorsa stagione. Gli 8,2 punti e in 9,5 rimbalzi di media non giustificano un investimento di 1,5 milioni di dollari, secondo il contratto valido per i prossimi due anni. Thomas non rientra più nei piani e la Fortitudo sta cercando una sistemazione, disposta anche a liquidare una buonuscita, ma fino adesso non s´è mosso nulla, solo un debole interesse di Teramo, che poi ha firmato Jaacks. Sbloccando Thomas si libererebbero denari per completare l´organico: intanto si valuta sempre André Barrett come regista da alternare a Huertas, ma la firma non è immediata. Ancora aperte tante porte per il playmaker di casa Virtus: Jason Williams rimane l´ipotesi meno praticabile. Invece Boykins, dotato ma imprevedibile, Dickau, più quadrato ma con qualche acciacco, e Best, logoro ma stimato, rimangono i candidati papabili. Se nessuno di questi dovesse soddisfare sarebbe sempre pronto Melvin Booker, tecnicamente forse la scelta ideale, per carisma e attitudine, disposto però a venire a Bologna solo a stagione iniziata.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.