Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Lo avevamo lasciato al tavolo di Folgaria, la sua prima in veste ufficiale da giocatore Fortitudo, a rilasciare le prime dichiarazioni in biancoblù. Poi dalle parole è passato ai fatti, disputando un precampionato oltre ogni aspettativa. E’ Jamont Gordon, play/guardia di 194cm proveniente dal college di Mississipi State, pescato quest’estate dall’Aquila nella Summer League di Las Vegas, e ora catapultato in Europa. Appena sbarcato le idee erano chiare: “Difesa e tanti rimbalzi” disse nel presentarsi alla stampa. Detto, fatto. Tanta grinta gettata sul parquet, potenza nel buttarsi a rimbalzo, ed in più la “chicca” di bucare spesso la retina. Si era detto che non sarebbe stato l’uomo dai venti punti a partita, ma puntualmente Jamont ha spiazzato tutti, viaggiando in precampionato alla media dei 21 abbondanti (high di 33 contro Varese al torneo di Verbania), dimostrandosi senza dubbio la nota più lieta di questa nuova Fortitudo: “Sì credo di aver giocato delle buone partite – conferma il giocatore – merito di un’ottima condizione fisica. Mi sento molto bene e tutto va per il meglio, ma allo stesso tempo ho ancora molto da imparare. Proprio per questo sto lavorando duro. Devo imparare ed inserirmi al meglio nel sistema di squadra, ma al momento sono davvero soddisfatto di come stanno andando le cose”. La giovinezza dei suoi 21 anni è stampata in faccia, per il ragazzino con lo zaino in spalla pronto ad allenarsi, e forse spiazzato da tanta attenzione nei suoi confronti. Anche qui la tesi è rispettata: meglio parlare sul campo, quello che Jamont non vede l’ora di calcare sul serio: “È esaltante l’idea di cominciare a giocare veramente dopo tanta attesa, qui stiamo lavorando tutti in questo senso, e sono eccitato all’idea di poter affrontare tutte le avversarie più grandi. Dalla Virtus e quindi al derby che ci sarà, fino a tutte le altre”. Lui intanto il suo contributo lo darà, playmaker o guardia che sia: “A mix” – prova a definirsi collocandosi su un ruolo in campo – è quello di cui la squadra ha bisogno: se c’è da fare il playmaker lo farò, se c’è da difendere e andare a rimbalzo pure. Cercherò di muovermi per rendere al meglio”. Da quel giorno a Folgaria il tempo è corso e lui la sua Fortitudo la vede così: ”Abbiamo buone possibilità di competere in questo campionato, poiché c’è molto talento ed il gruppo è solido e fisico. Abbiamo tutto ciò che serve per andare in campo e giocarcela contro tutti”. Infine Barron, visibilmente zoppicante anche ieri: tra oggi e domani Savic potrebbe annunciare il definitivo taglio.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.