Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Basta parlargli al telefono, per avere l’impressione che Qyntel Woods non si accontenti di assaporare la vita, ma voglia viverla fino in fondo. Ed è esattamente la stessa sensazione che sprigiona, metafora mai troppo ristretta, dentro il campo da basket. Talento innegabile, dicono sia un tipo bizzarro ma tant’è che quando l’Olympiacos è uscito dal ricco biennale, i tifosi biancorossi hanno protestato per non dire contestato in modo tutt’altro che formale. Piuttosto, non gli piacciono le etichette – leggete alla voce difesa, tra poco – ed ama correre in contropiede più di qualsiasi altra cosa. Non a caso, subito dopo aver firmato per la Fortitudo, si è sobbarcato un viaggio di quattro ore in aereo per raggiungere Dragan Sakota impegnato alla summer league
di Las Vegas e cenare con lui. “E’ stato un ottimo incontro, ci tenevo a farlo. Mi sono reso immediatamente conto che il coach è un grande conoscitore di pallacanestro, ma soprattutto ha molto chiara l’idea del sistema di squadra, di come tutti debbano essere utili facendo al meglio ciò che lui chiede, ed in più mettendoci quel qualcosa in più che fa parte delle capacità individuali”. Ovvero, difendere duro per poi essere liberi di sprigionare il proprio talento in attacco? “Per quanto mi riguarda, mi piace molto difendere sulla prima linea di passaggio, cercare di rubare il pallone e volare in contropiede. Ma, al di là di questo, cerco sempre di mettere il mio fisico, l’atletismo e l’energia al servizio della squadra, sia in difesa che in attacco. E se poi arrivano dei palloni recuperati, allora ci si diverte davvero!”. Insieme a Joseph Forte, formate la coppia di USA più esplosiva del Campionato, senza discussioni.
“Conosco Joe, quando è uscito da North Carolina era uno dei migliori talenti d’America in assoluto e sono sicuro che oggi sia diventato ancora più forte, soprattutto dal punto di vista mentale perché ogni esperienza ti forma e ti rende più forte. Sì, sono convinto che insieme potremo far divertire i nostri tifosi, ma soprattutto portare la Fortitudo a vincere. E’ il mio obiettivo numero uno”. Parlavi dei tifosi, e se era scattato il feeling con quelli dell’Olympiacos… “Ad Atene c’è un grandissimo seguito per il basket ed un’attenzione continua da parte dei tifosi, sono davvero caldissimi. Ma coach Sakota, che vive in Grecia da oltre quindici anni, mi ha assicurato che la Fossa dei Leoni è un qualcosa di unico che supera qualsiasi tifoseria greca, soprattutto per come sa sempre rimanere unita alla squadra dandole la carica. Mi ha anche detto che il PalaDozza è una sorta di tempio del basket, non vedo l’ora di giocarci e cercare di dare ancora più carica ai nostri tifosi!” Dalla Grecia all’Italia, dall’Olympiacos alla Fortitudo, una firma che ha destato clamore… “Ho deciso insieme alla mia famiglia, in base a quello che mi prospettava il mio agente. Mi è piaciuto quello che mi è stato detto della Fortitudo e della sua gente, in più sono curioso di conoscere l’Italia ed il vostro Campionato. Inoltre, a novembre nascerà la mia bambina, non so ancora se a Bologna o negli States, ma in tutti i modi i mesi successivi verrà qui e mi hanno detto che a Bologna si vive benissimo. Non è una metropoli, tranne che
per il basket”. L’altra Bologna l’hai conosciuta bene, con due grandi partite quest’anno ed il tuo “high” di punti. “Sì, due gran belle partite… Ma ce ne sono state parecchie l’anno scorso in Eurolega, per me e per l’Olympiacos. E dopo i derby di Atene proverò quelli di Bologna, non chiedo di meglio”. Siamo al finale, un botta e risposta che è tutto un programma. Resta da decidere il numero di maglia… “Numero 6…”. Sai, è di Mancio, il veterano della Fortitudo. “Ah”. Hai altre preferenze, magari il 16? “Non saprei, devo pensarci su. Magari aspettiamo ancora un attimo a parlare dei numeri, che parlo io con Mancio. E’ grosso?!”. Oddio. “Scherzo, ma potrei sfidarlo in un uno contro uno”. Da non perdere.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.