Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

paladozza

Al PalaDozza non si passa. Nella sesta giornata del campionato DNB, la Fortitudo centra la terza vittoria consecutiva, superando la capolista Livorno con il punteggio di 87-73. Un risultato importante per la Tulipano che, oltre a mantenere l’imbattibilità in casa, acquista maggiore fiducia nei propri mezzi.
Con l’ultimo successo, la Fortitudo aggancia così la vetta della classifica, buttandosi alle spalle il difficile avvio di stagione e trovando conferme di fronte ad un avversario tutt’altro che comodo. Ottima la suddivisione delle responsabilità in attacco, con molti giocatori in doppia cifra. Buono anche il responso dei rimbalzi, mentre ancora da limare i difetti registrati in fase di non possesso. L’importante, tuttavia, è che la Fortitudo stia diventando una vera e propria squadra, fattore davvero di buon auspicio in vista dell’insidiosa trasferta di Piacenza, in programma sabato prossimo.
Eppure, nei minuti iniziali dell’incontro di ieri, i 4.100 tifosi biancoblu se la sono vista davvero brutta. Livorno corre e mette tiri da 3 a ripetizione grazie alla buona vena di Gigena, per non parlare della forte presenza sotto canestro del classe 95 Benvenuti. L’Aquila, invece, fatica a tenere il passo: la difesa sbanda visibilmente, con i soli De Min e Spizzichini a tentare di tenerla in piedi. In avvio della seconda frazione, Livorno ingrana e sale a +10, ma Tinti, grazie ad un timeout, riprende in mano la situazione. La coppia Seravalli-Sabatini dà più sostanza dietro, abbassando le percentuali, fin qui devastanti, degli avversari. La palla inizia a girare bene e, quando Sabatini la infila dalla distanza allo scadere, il PalaDozza esplode di gioia: la F, dopo una grande reazione, va al riposo sul 45-44. Nel terzo quarto, Livorno prova a riproporre lo schema di inizio partita, ma gli uomini di Tinti, spinti dal pubblico, trovano le giuste contromisure: Fin si francobolla al play Sanguinetti, mentre Caroldi e Pederzini salgono in cattedra aumentando il vantaggio a 10 punti. Per la gioia di papà Claudio in parterre, Sabatini spezza una volta per tutte gli equilibri della gara, portando i suoi sul 73-60 che chiude virtualmente i giochi.

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_fortitudo_20131111.mp4
Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.