Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Dopo aver visto la Sampdoria ieri sera contro l’Inter probabilmente Mihajlovic si è messo le mani nei capelli. Come fermare Cassano e Pazzini? Certo alcuni dei gol sono più colpa della difesa nerazzurra che non bravura degli attaccanti, ma l’idea di essere sempre al momento giusto nel posto è una caratteristica degli attaccanti di razza in un momento di grande forma psicofisica. Mancheranno quattro giocatori tra squalificati e infortunati, ma quando si passano certi momenti ogni conclusione viene trasformata in oro.
In casa rossoblu tante incertezze, sia sul modulo che sulla formazione. L’infortunio a Marazzina e il fatto che Osvaldo ancora non sia pronto porta a pensare ad una squadra ancora con una punta, ma è probabile che il tecnico serbo possa dare qualche chances a giocatori lasciati un po’ in disparte. Pensiamo ad Amoroso, che per tutti è stato colui che è mancato nella trasferta a Roma.
In difesa dubbi non ci sarà Moras, che si è fermato ieri e l’ecografia ha evidenziato una contrattura che lo terrà fermo per qualche giorno, in lizza Terzi e Castellini, visto che a Britos probabilmente verrà data una possibilità di riscatto dopo l’incerta prova all’olimpico. Sembra che l’unica certezza del centrocampo sia Volpi, che tornerà a giocare da regista, mentre Mudigayi, Mingazzini, Amoroso e Mutarelli si giocheranno due maglia. A sinistra dovrebbe tornare Bombardini, uomo Con la capacità di puntare alla porta ma anche di dare un buon contributo in fase di contenimento, mentre a destra Valiani sembra attraversare un momento un po’ abulico e dunque è possibile che dal cilindro possano uscire Coelho, che ben ha giocato nei dieci minuti disputati a Roma oppure Marchini, meno tecnico ma più utile in fase di contenimento.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.