Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il primo approccio è stato di baci e abbracci. Ieri sera all’uscita dall’incontro dei soci di Bologna 2010, Alfredo Cazzola ha detto alcune frasi di apprezzamento: “Longo è persona stimata e stimabile, dal 7 aprile quando entrerò in carica, lui e Malesani saranno le prime persone che incontrerò”. In mattina è stato il Direttore Sportivo Carmine Longo a contraccambiare la gentilezza: “Ho apprezzato le parole gentili di Cazzola, ma non ci siamo ancora conosciuti”. In realtà Longo ha pure detto che l’offerta a lui e a Malesani il Bologna l’ha già fatta e loro la stanno vagliando. Si tratta, ha detto, soprattutto di capire se c’è la volontà da parte della società di migliorare il progetto tecnico, perché è chiaro a tutti che questa è stata un’annata speciale, dove tutti hanno dato il 130% delle proprie possibilità e dunque sarà difficilmente rinnovabile. Ecco, allora, che gli angoli da smussare verso la conferma di direttore sportivo e allenatore diventano tre: l’aspetto della durata, quello economico e quello tecnico.
L’ingresso nella partita dell’esperienza di Cazzola amplierà il discorso che fino a questo momento è stato ad opera di Consorte e Pedrelli. Il primo, seppur tifoso, aveva davvero poca esperienza in campo calcistico e dunque ha sempre ragionato sulla base di conti economici, il secondo potrebbe avere molta più esperienza sul lato sportivo ma per proporre un’offerta o accettare una proposta aveva la necessità di rivolgersi all’intero Consiglio. L’arrivo di Cazzola cambia molte prospettive. All’interno del budget concordato con i soci ha l’opportunità di avere le mani decisamente più libere, potendo essere sia per Longo che per Malesani il vero referente e probabilmente, da giugno pure il presidente della società, ruolo che se Cazzola saprà sfruttare senza invadere il campo della gestione condivisa, dovrebbe consentire al Bologna di poter cominciare il nuovo anno sportivo finalmente potendo pensare solo al campo e non più alla necessità di dare al club una definitiva gestione societaria.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.