Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Certo dopo aver visto l‘Inter ieri sera in Europa League i tifosi del Bologna potrebbero farsi venire l‘Acquolina in bocca in vista del match di San Siro di domenica sera. Ma sfortunatamente per i rossoblù la squadra di Stramaccioni la partita più brutta dell‘anno l‘hanno giocata con il Tottenham e vorranno far dimenticare presto ai propri tifosi una serata infausta. Un attacco praticamente inesistente ma capace di buttare via due occasioni soli davanti al portiere, mentre parlare di difesa imbarazzante è farle un complimento.

Di fronte si troverà un Bologna che vuole continuare a mantenere il ritmo delle grandi per salvarsi prima possibile, ma che puà vantare undici punti sulla terzultima, vantaggio più che rassicurante anche con la prospettiva di dover giocare con Inter, Juventus e Udinese.

Nell‘allenamento mattutino allo stadio Dall‘Ara Pioli rispetto alla partitella di ieri ha dato alcune conferme, come quelle dell‘attacco, ma ha pure messo le pettorine a Sorensen, ieri tra le riserve, e Riverola. Come ha spesso spiegato il tecnico le prove del venerdì non sono da prendere come promossi o bocciati, ma è chiaro che un“idea è chiara. Il Bologna non andrà a fare le barricate e continuerà a giocare per fare un gol in più dell‘avversario. Non avendo nulla da perdere, specie se gli esterni faranno molto gioco di sacrificio cercando di aiutare i difensore nelle incursioni di Perreira e capitan Zanetti. Per questo è probabile che le posizioni dietro alla punta Gilardino possano spesso cambiare. Diamanti, Christodoloupoulos, che sembra il sostituto dello squalificato Kone e Gabbiadini per stare tutti e tre in campo contemporaneamente dovranno curare entrambe le fasi per non far sentire Taider e Perez troppo soli a centrocampo.

A proposito di Kone, oggi in un“intervista uscita sul mensile Noi rossoblù parla della sua amicizia con Diamanti, oggi papà per la terza volta di un maschietto che hanno chiamato Taddeo, e del suo futuro: “con Diamanti possiamo dire che siamo praticamente fratelli “?? ha detto – Da tre anni condividiamo le squadre e la camera durante i ritiri. Ci scambiamo consigli a vicenda, abbiamo interessi comuni e siamo cresciuti insieme. Lui è così, come lo vedete. Pieno di voglia di vivere e pronto allo scherzo quando si puà, serio e applicato quando serve“?. Forse anche guardando lui nel giro di un anno ha imparato ad essere più incisivo sotto porta: “Ho lavorato molto e il lavoro paga. Non c“è nessuno che mi abbia insegnato qualcosa di particolare, sono semplicemente cresciuto e ho capito alcuni errori, che ora cerco di non commettere più“?. Cosa prevede il suo futuro? “Guardo solo fino a giugno“? e traducendo un modo di dire greco afferma: “Dio ride quando fai progetti per il futuro“?, cioè nessuno puà pretendere di conoscerlo.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.