Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Con il lanciatore Beech a casa già da qualche settimana, pare che la Telemarket Rimini abbia imbarcato in un volo transoceanico anche gli squalificati Manny Alexander e Juan Melo. Paradigmatico epilogo di una stagione da dimenticare per i Pirati, i quali, proprio annunciando in primavera l’arrivo di questi tre atleti dalle grandi potenzialità e dal passato prestigioso, avevano attirato la curiosità di tutto il mondo del baseball italiano. La realtà si è rivelata molto differente dalle attese, soprattutto per quanto riguarda Beech e Melo. Più positivo Alexander, che ha alternato lampi di classe in difesa ad una apprezzabile regolarità con il bastone; un battitore tuttavia di contatto, che raramente ha saputo imprimere potenza al proprio swing, e in poche occasioni le sue valide sono state risolutive. Sarebbe sbagliato comunque addossare ai soli Melo e Beech le responsabilità di una stagione deludente, che ha visto altri atleti al di sotto del rendimento atteso e soprattutto altre problematiche di natura tecnica e strutturale a monte. Dunque una formazione romagnola ampiamente rimaneggiata, con il dominicano, ma italiano di matrimonio, Melvin Natera (che normalmente svolge il ruolo di coach del Rimini e allenatore della Under 21) a ricoprire il ruolo di prima base, e i giovani Campanini e Babini a chiudere la “cerniera” seconda – interbase. Risponde una Fortitudo Italeri che dà fiducia ad Alaimo in seconda base, consentendo un turno di riposo a Pantaleoni, sostituito da Mazzuca nell’angolo caldo, con Landuzzi a ricevere i lanci di Vargas. La gara sembra avviata ad un monologo dei pitcher, ma al quinto inning l’ottimo Martinez deve subire la ormai classica “folata” dei biancoblu, che con quattro valide (Mazzuca, Gasparri, Alaimo e Bonci) e due battute “utili” (Bautista e Landuzzi) mettono un’ipoteca sul match, segnando i tre punti della vittoria. Ottima la gara di Vargas, che dimostra ancora di sapersela cavare da partente, arrivato alla sua terza vittoria stagionale. Una curiosità: al momento dell’ingresso di Matos come rilievo, il Presidente Macchiavelli ci fa notare che è la prima volta che “Bidi” Landuzzi riceve in una partita ufficiale i lanci di “Sua Maestà”, e pensare che sono compagni di squadra da cinque stagioni…

La cronaca
Vargas inizia colpendo Crociati, ma rimedia subito con lo strikeout su Camargo, in contemporanea con il colto rubando ai danni dello stesso Crociati, con la ripresa che termina con il facile out di Garcia. Ancora più agevole il compito di Martinez, che liquida i primi tre attaccanti biancoblu con altrettante eliminazioni al piatto. Al secondo inning Rimini non va oltre ad una valida (Chiarini) e un colpito (Carrozza), mentre al terzo conquista due passaggi “gratuiti” con Crociati e Garcia. Sempre al terzo inning la prima valida biancoblu, a rompere il perfect game di Gustavo Martinez, è un doppio a sinistra di Alaimo. Al quarto attacco dei felsinei, con un out, una palla “spizzata” da Liverziani si avvia verso il lanciatore avversario, che sbaglia l’assistenza in prima, permettendo all’esterno di Novara di arrivare salvo in seconda, ma anche in questo caso lo stesso Martinez ne esce alla grande. La gara procede velocissima, dopo un’ora di gioco siamo già a metà, cioè nella parte alta del quinto inning, dopo aver registrato una fortunosa valida di Babini e null’altro nell’attacco riminese, anche se un’applaudita presa di Bonci, con corsa all’indietro su una lunga battuta di Camargo evita il peggio. Un secco doppio in piedi di Joseph Mazzuca apre invece l’attacco bolognese, seguito da una valida “texas” al centro che fa segnare il terza base. 1 a 0. L’attacco prosegue con la valida a destra di Alaimo e con il tentativo di bunt di Bonci, che si trasforma a sua volta in un singolo interno. Basi cariche e nessun eliminato; una lunga volata di sacrificio a destra di Bautista manda a punto Gasparri (2 a 0) e fa avanzare gli altri due corridori. La battuta in scelta difesa di Landuzzi fa segnare anche Alaimo (3 a 0), perché non riesce l’eliminazione a casa base, ma nell’azione Bonci si fa ingenuamente cogliere fuori dal cuscino, nel tentativo di sorprendere il ricevitore avversario in un’improbabile corsa verso casa base. I bolognesi comunque hanno messo il match in cassaforte. Dal sesto inning il mancino Richard Bengel rileva il partente ospite e sarà a sua volta rilevato da Bartolucci. Con due out, un il singolo di Mazzuca e il colpito su Gasparri complicano la vita anche del primo rilievo. Mazzuca poi ruba la terza, ma Alaimo è out al volo in foul. Termina anche la partita dell’applauditissimo Vargas (6 riprese, 2 valide, 3 basi, 2 colpiti, 7 strikeout, nessun punto subito), che passa a pieni voti l’esame come lanciatore partente (81 lanci per lui), rilevato da Matos. Dopo il “seventh inning stretch” il capitano della Fortitudo Italeri, Daniele Frignani, torna al box di battuta, dopo la lunga sosta forzata per l’infortunio alla mano. La sua volata si spegne nel campo esterno, ma non mancano gli applausi per “capitan coraggio”, che al cambio di campo torna anche a ricoprire il suo consueto ruolo di esterno sinistro. Poche le emozioni fino alla fine del match, con i rilievi e le difese che non vanno oltre alla normale amministrazione, e Matos che conquista la sua seconda “salvezza” stagionale, e della sua carriera italiana. Un solo colpito per lui su 10 uomini affrontati, a fronte di 4 strikeout.

Il tabellino

TELEMARKET RIMINI 000 000 000 = 0
FORTITUDO BOLOGNA 000 030 00X = 3

TELEMARKET RIMINI: ec Crociati (0 su 2), r Camargo (0 su 4), 3b Garcia (0 su 3), ed Chiarini (1 su 4), es Balgera (0 su 3), dh Carrozza (0 su 3), 1b Natera (0 su 4), 2b Campanini (0 su 3), ss Babini (1 su 2). Tot: 2 su 28.
Lanciatori: Martinez (LO, 5 ip, 5 h, 0 bb, 6 K, 3 er); Bengel (R, 2 ip, 1 h, 0 bb, 1 K, 0 er); Bartolucci (RF, 1 ip, 0 h, 1 bb, 0 K, 0 er)

FORTITUDO BOLOGNA: ss Bautista (0 su 3), r Landuzzi (0 su 4), ed Liverziani (0 su 3), ec Austin (0 su 4), 1b Connell (0 su 4), 2b Mazzuca (2 su 3), dh Gasparri (1 su 2), 2b Alaimo (2 su 3), es Bonci (1 su 1) (es Frignani 0 su 1). Tot: 6 su 28.
Note. Doppi: 2 (Mazzuca e Alaimo); RBI: 3 (Bautista, Landuzzi e Gasparri).
Lanciatori: Vargas (WO, 6 ip, 2 h, 3 bb, 7 K, 0 er); Matos (SA, 3 ip, 0 h, 0 bb, 4 K, 0 er)

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.