Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Mihajlovic non può dirlo ma è chiaro che un pensierino al gran colpaccio lo fa. La Juve senza undici giocatori tra cui Nedved, Sissoko, Amauri, Trezeguet, Legrottaglie, Camoranesi, De Ceglie e Marchionni, solo per citarne alcuni, non è certo la stessa Juve a pieno organico. Poi è chiaro che in attacco ci sono Del Piero e Iaquinta, due nazionali campioni del mondo, ma è chiaro che il centrocampo formato da Tiago, Poulsen Saliamizic e a sinistra Giovinco, pur essendo di qualità non è certo il meglio sulla piazza, così come Grygera a destra, melberg al centro e Molinaro a sinistra.
Inoltre è chiaro che una squadra che esce dall’obiettivo della stagione e vive una lite importante come quella tra Ranieri e Trezeguet, non può essere concentrata al massimo e benm sapendo che lo scudetto è oramai una chimera, è chiaro che fa fatica a trovare nuovi stimoli, nonostante le parole dei giocatori sui giornali.
Inoltre, senza guardare troppo i mali in casa altrui, Mihajlovic ritrova una squadra in salute, che ha recuperato Mudingayi e dunque può inserire a centrocampo il proprio gldiatore. Partito nel primo pomeriggio per il ritiro piemontese, dove domattina effettuarà una rifinitura, ha lasciato a casa, ma solo per precauzione e per averli a pieno regime domenica prossima con il Cagliari Moras e Marazzina, mentre per il resto tutti i titolari sono presenti.
Giocherà ancora con il 4-5-1 che dà modo a Di Vaio di essere cercato dai compagni in ogni zona del campo, mentre l’unica differenza dovrebbe essere lo scambio tra i centrocampisti laterali, con Bombardini a destra e Valiani a sinistra. Sempre in questo reparto Volpi dovrà costruire il gioco e difendere davanti alla difesa, mentre le mezzali saranno Mudingayi e Mutarelli, con Amoroso ma soprattutto Osvaldo che entreranno a partita in corso per cambiare il ritmo all’incontro, come ha detto il tecnico, in ogni caso, sia positivo che negativo, specie per l’Italoargentino per riprendere il ritmo partita. A dirigere l’incontro è stato chiamato da Collina Damato di Barletta, mentre da parte dei tifosi del Bologna ci si aspetta all’olimpico quasi un migliaio di supporter.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.