enero 21, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Virgil Abloh, ambasciatore e hacker

Negli ultimi anni, spesso può sembrare che ci siano diversi Virgilio abloh, che lavorano tutti contemporaneamente. Ci sono state diverse collezioni annuali di Louis Vuitton, dove era il direttore artistico dell’abbigliamento maschile, e Off-White, il suo marchio, che ha fondato mentre era ancora nell’orbita di Kanye West. C’è stata una collaborazione apparentemente infinita, con marchi disparati come Nike, Ikea, Evian, Rimowa, Vitra, Chrome Hearts e altri.

E forse altrettanto importante, c’erano i suoi messaggi quotidiani su Instagram. Apparentemente nessuno ha pubblicato più di lui: poche dozzine di foto nella sua storia, facilmente composte da nuovi design, nuova musica, conversazioni sullo schermo e foto appropriate pubblicate dall’anonimo. Era una fontana di creatività estatica.

Quello che stava facendo non era vantarsi della sua ubiquità e del suo successo, ma piuttosto offrire un progetto su come replicarlo. Sapeva che una comunità di idee non si riunisce in privato; È stato rafforzato dall’esposizione alla luce solare e dalla correzione di bozze. La sua mente oscillava costantemente e la sua soluzione era costruire un archivio in tempo reale, in modo che tutti potessero assorbirlo.

Guardati intorno il modo in cui i giovani ora pensano all’abbigliamento, al design e alla musica, e il modo in cui tutti questi sforzi si intersecano: è difficile non vedere Abloh ovunque.

Signor Ablo, scomparso domenica all’età di 41 anni, reindirizzando questa etica dall’hip-hop e dallo skateboarding, due atti culturali costruiti sull’abuso provocatorio e valido di ciò che è venuto prima. È riuscito ai massimi livelli del lusso importando un bootleg, un remix e un punto di vista alternativo. Fondamentalmente, il signor Abloh faceva parte di una generazione educata a credere di avere diritto al lusso offerto dalle case di haute couture, un’idea e un’eccitazione ereditate dall’Occidente. Tuttavia, all’interno della sua struttura, la differenza tra chi stava all’interno e chi guardava fuori era solo una questione di chi metteva la finestra e dove. Il signor Abloh ha semplicemente rotto quella finestra.

In questo, faceva parte di una linea di sangue profonda. Dagli anni ’80, l’hip-hop ha fatto un lavoro ombra nel migliorare il potere e il significato culturale dell’alta moda, che si tratti del remake di Dapper Dan del taglia e cuci degli anni ’80, dell’abbraccio di Notorious BIG a Versace negli anni ’90 o di ASAP I primi anni del 2010 di Rocky sono un gesto d’avanguardia.

Tuttavia, non c’era mai stato un designer della generazione hip-hop – figuriamoci uno nero – al timone di una lussuosa casa francese fino a quando il signor Abloh ha assunto il nome di Louis Vuitton nel 2018. È diventato un ambasciatore e un hacker.

READ  Lady Kitty Spencer, la nipote della principessa Diana, brilla in abito da sposa

Negli ultimi anni, molte aziende di alta moda hanno tentato di incorporare il linguaggio hip-hop, l’ostentazione o le silhouette nelle loro collezioni, ma quelle conversazioni generalmente sembravano nervose, chiaramente un prodotto dell’osservazione. I contributi del signor Abloh erano il prodotto di un’indulgenza. Nei negozi Louis Vuitton di oggi, ad esempio, c’è una giacca di pelle trapuntata con un motivo sorprendente ispirato a quelli realizzati da Al Wissam a Detroit che è stato un punto fermo dell’hip-hop dalla fine degli anni ’90 all’inizio degli anni ’90. Ha capito che l’hip-hop era un lusso molto prima che LVMH lo invitasse.

In un’intervista testuale con questo giornalista, ha affermato che l’hip-hop è stato a lungo un «cavaliere» del lusso. «Sono ancora surreale che il mio lavoro quotidiano sia chiudere il cerchio».

In cima a Louis Vuitton, è diventato improvvisamente il modello per una generazione di giovani designer, stilisti e sognatori della moda che sono arrivati ​​nello stampo di Abloh, uno straordinario trionfo. Ha contribuito ad abbracciare la cultura dell’hype che è iniziata con lo streetwear e le sneakers e che ora è diventata l’etica dominante del lusso. Ha realizzato prodotti in edizione limitata per apparentemente ogni occasione, una dichiarazione sulla creatività forte e insaziabile e anche sul senso che ogni gesto merita di essere celebrato.

Mentre si rivolgeva agli anziani per lavorare insieme in varie forme – Arthur Jaffe, Goldie, Futura e altri – il signor Abloh ha anche mostrato un vivo interesse per la creatività degli altri, specialmente dei giovani. Era sorprendentemente accessibile nei DM: diverse persone hanno pubblicato schermate del suo incoraggiamento, azione emotiva che era gratuita e invisibile, ma non senza conseguenze.

Per questo motivo la sua dimensione dell’effetto non può essere misurata nell’abbigliamento o nelle collezioni. Piuttosto, è stato nel creare un mondo in cui il signor Abloh non era solo uno stilista, ma un eroe popolare e un supereroe. Tuttavia, in origine, era un ammiratore, un predatore.

Era una situazione che capiva molto bene. Quando è salito ai ranghi della moda negli anni 2010, gli è stato spesso ricordato il suo stato all’aria aperta da oppositori, critiche che a volte si sono scontrate con le guardie e, nel peggiore dei casi, il razzismo. Quando Raf Simons, uno stilista che ammirava Mr. Abloh, l’ha liquidato come non originale in un’intervista del 2017, Mr. Abloh ha risposto regalandogli la prossima collezione Off-White «Nothing New».

È stato un promemoria divertente. Con il suo approccio caratterizzato dalla citazione nei riferimenti, ha scelto di enfatizzare l’accessibilità rispetto al valore. Questo non vuol dire che non fosse intellettualmente impegnato nella sua pratica, ma afferma invece che la ripetizione è un tipo di innovazione, qualcosa di cui si parla spesso nei campi creativi. Nelle sue conferenze e discorsi pubblici, che spesso hanno ruotato intorno ai social media alla stessa velocità dei modelli di scarpe da ginnastica, ha discusso di quella che ha definito la «regola del tre percento»: ha insistito sul fatto che cambiare qualcosa solo un po’ era più che sufficiente. È stata una saggezza che abbiamo ricevuto come una provocazione, ma era intesa come un incoraggiamento.

READ  Jeffrey Dean Morgan alla premiere della stagione 11

Il signor Abloh non parlava spesso del prodotto finale; Si verifica nelle parti componenti, staccando la quarta parete, così come la terza, la seconda e la prima parete. In alcuni dei suoi progetti, in particolare le sue collaborazioni con Nike, i segni di produzione visiva sono diventati parte dei suoi progetti finali. Era moderno nel suo processo – ha svolto la maggior parte del suo lavoro tramite WhatsApp – e ha abbracciato la trasparenza nell’era dei social media e l’ha resa parte della sua attività e del suo piano estetico.

Ma il signor Abloh aveva certamente capito il potere convenzionale che aveva. La sezione del suo sito web dedicata alla catalogazione dei suoi innumerevoli progetti si intitolava The Land I Own. La sezione che suddivideva i passaggi necessari per avviare un marchio si chiamava Free Game.

I rapper, ovviamente, lo adoravano. Quando Drake ebbe bisogno di un progetto per il suo Boeing 767 personale, si rivolse a Mr. Abloh, che ne fece un cartellone pubblicitario per un cielo coperto. «Virgil mi stava mandando una flebo solo per vedere se mi piaceva», Mr. Abloh sedeva in Pop Smoke e Westside Gunn—che rappa—ha detto a Virgil di scrivere ‘BRICK’ sul mio Toby—prima fila a Parigi.

Questo è stato l’applauso finale per Mr. Abloh, che era anche un DJ curioso e diffuso – nel 2010, apparentemente avendo volato in giro per il mondo girando più dischi che lavorando sui set – e che ha fatto la sua musica. Era un conoscitore di suoni emergenti da tutto il mondo, dall’hip-hop di Atlanta al jazz britannico alle prove ghanesi.

In questo, come in tutte le cose, ha privilegiato la forza e l’innovazione dell’arte nera. Nelle sue prime promozioni Louis Vuitton e attraverso il video che ha creato la collezione che Louis Vuitton presenterà a Miami questa settimana, ha messo in primo piano i bambini neri.

Quando ha tenuto la sua prima mostra al museo di Chicago nel 2019, ha installato un’opera che faceva riferimento all’omicidio di Laquan MacDonald da parte della polizia tra pubblicità e scarpe da ginnastica (anche un ritratto del pioniere della perforazione di Chicago Chief Cave). Nelle sue collezioni intreccia riferimenti diretti all’Africa e a Martin Luther King, Jr.. Ha anche importato un senso hip-hop di groupies nei suoi vestiti, una volta introducendo una giacca Intarsia raffigurante i contorni delle 38 persone che hanno lavorato ai suoi vestiti.

READ  Eddie MCCA, l'attore di stampi 'Laverne & Shirley' all'età di 69

Il signor Abloh si era guadagnato una statura sicura dopo anni di lavoro al fianco di West – i due arrestati insieme a Fendi nel 2009 – che era stato a lungo desideroso di avere la possibilità di dirigere una casa signorile, ma è stato rifiutato; Il signor Abloh ha finalmente realizzato questo sogno. L’abbraccio che i due uomini hanno condiviso alla conclusione della sua premiere di Vuitton è stato uno dei momenti più emozionanti accaduti in passerella negli ultimi anni, e anche un gioioso lancio per celebrare l’ascesa di uno stilista nero ai vertici del mondo del lusso moda. . Nello stesso spettacolo, alla fine della sua passerella, il signor Abloh ha fatto una danza rap e posa per le foto.

A luglio, LVMH ha annunciato che il signor Abloh era stato promosso a una posizione in cui avrebbe lavorato in dozzine di marchi del gruppo, tra cui abbigliamento, liquori e hotel. (Ha anche acquisito una quota di maggioranza in Off-White.) È stato un voto di fiducia non solo nel lavoro di progettazione di Mr. Abloh, ma anche nella sua visione del lusso e di come potrebbe essere esteso a varie proprietà. Ha riconosciuto che il tipo di ingegneria culturale di impollinazione incrociata in cui il signor Abloh naturalmente eccelleva era davvero il percorso più promettente, anche per un’azienda radicata nella tradizione come LVMH.

Quella era una versione del futuro del signor Abloh. Ma era ugualmente preoccupato per un percorso alternativo parallelo. Ha incanalato aspiranti nella moda nera. Ha organizzato borse di studio per studenti di moda neri. Dietro le quinte ha suscitato una maggiore diversità nel settore dell’alta moda. Aiutaci a costruire uno skatepark in Ghana. Ha venduto le magliette «I support black youth business» e ha donato il ricavato in beneficenza.

I molti semi, sparsi in molti punti, assicurano i fiori per le generazioni a venire. Guardati intorno tra qualche anno e sarebbe difficile non vedere Abloh ovunque.