diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Varianti simili a delta di COVID-19 potrebbero aumentare la gravità dell’epidemia

di

un SARS-CoV-2 Una variante con tratti simili a quelli della variante delta – migliore trasmissibilità e capacità di infettare persone con precedenti infezioni/vaccinazioni – causerà una pandemia più grave con più infezioni e infezioni/superinfezioni rispetto alle varianti con entrambi i soli tratti, secondo un modello matematico ha ideato Ricercatori presso la Harvard TH Chan School of Public Health.

Il loro lavoro, pubblicato online il 19 novembre 2021, sulla rivista cella di prigione, può aiutare i ricercatori e i funzionari della sanità pubblica a interpretare l’importanza di variabili nuove ed esistenti e a progettare risposte di sanità pubblica su misura per diversi scenari in base alle caratteristiche della variabile.

ha affermato Mary Bushman, co-autrice dell’articolo sulle cellule e ricercatrice post-dottorato nel dipartimento di epidemiologia della Harvard Chan School. «I nostri risultati suggeriscono che potrebbe essere più di una semplice bandiera gialla – non è un grosso problema in sé e per sé. Ma se combinato con una migliore trasmissibilità, può essere davvero un grosso problema».

Con il progredire della pandemia di COVID, sono emerse varianti primarie di tipo selvaggio di SARS-CoV-2. Alcuni sono diventati rapidamente un ceppo dominante e il numero di infezioni è aumentato, come le varianti alfa e delta, mentre altri, come il beta, non sono riusciti a controllare o influenzare in modo significativo il corso dell’epidemia. Per comprendere gli effetti che particolari fattori potrebbero avere su una pandemia, Bushman ha creato un modello che simula il modo in cui le epidemie alimentate da variabili ipotetiche colpiscono le popolazioni utilizzando diverse combinazioni di occultamento con distanza fisica e vaccinazioni.

READ  Lo sceriffo della contea di Los Angeles non applicherà il mandato della maschera perché "non è supportato dalla scienza"

L’analisi ha simulato una pandemia di SARS-CoV-2 con molte variabili ipotetiche diverse tra cui combinazioni di due tratti: migliore trasmissibilità, simile alla variante alfa; fuga immunitaria parziale, simile a una variante beta; Trasmissibilità migliorata con fuga immunitaria parziale, simile alla variante delta; e una variabile senza alcun attributo. L’analisi ha anche tenuto conto di come alcune variabili, come la mascheratura/distanziamento fisico o le vaccinazioni, potrebbero influenzare il corso della pandemia. Per ciascuno degli scenari, i ricercatori hanno analizzato il numero totale di infezioni e il numero/percentuale di infezioni evitate dalla vaccinazione.

Bushman e il loro team hanno stabilito che una variante con una migliore trasmissibilità da sola sarebbe probabilmente più pericolosa di una che potrebbe eludere parzialmente il sistema immunitario. Tuttavia, una variante che contiene entrambi i tratti può causare più infezioni, superinfezioni e superinfezioni rispetto a una variante che contiene solo uno dei due tratti.

Secondo il modello, la vaccinazione dovrebbe essere molto vantaggiosa anche nel caso di varianti simili al delta perché i vaccini impedirebbero un numero maggiore di casi in cui un virus più trasmissibile causerebbe e perché la natura più lieve della superinfezione dovrebbe ridurre significativamente il tasso di mortalità globale.

«È davvero importante che le persone si rendano conto che variabili come il delta rendono più importanti i livelli più elevati di vaccinazione», ha affermato Bill Hanage, professore associato di epidemiologia e coautore dell’articolo sulle cellule. «Anche se non possiamo eliminare il virus, possiamo assicurarci che le persone lo affrontino con i migliori preparativi e un virus più trasmissibile significa che ci saranno più infezioni in assenza di vaccinazione, quindi più persone ne trarranno beneficio».

READ  I fisici del MIT hanno scoperto che il grafene a tre strati con "angolo magico" potrebbe essere un superconduttore raro e resistente ai magneti.

Altri coautori della Harvard Chan School of Study includevano Rebecca Kahn, Bradford Taylor e Marc Lipsitch.

Questa ricerca è stata supportata dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases of the National Institutes of Health (R01AI128344), dall’US National Cancer Institute SeroNet (U01CA261277) e dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (200-2016-91779).

Riferimento: «Effetto sulla popolazione delle varianti SARS-CoV-2 con trasmissibilità migliorata e/o fuga immunitaria parziale» di Mary Bushman, Rebecca Kahn e Bradford B. cella di prigione.
DOI: 10.1016 / j.cell.2021.11.026