diciembre 9, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Uno studio sulle persone in Qatar rileva che la reinfezione con il virus Covid-19 è rara e le malattie gravi sono rare

Lo studio, pubblicato mercoledì sul New England Journal of Medicine, ha scoperto che c’erano poche infezioni confermate tra 353.326 persone che hanno contratto Covid-19 in Qatar e che le re-infezioni erano rare e generalmente lievi.

La prima ondata di infezioni ha colpito il Qatar tra marzo e giugno del 2020. Alla fine, circa il 40% della popolazione aveva anticorpi rilevabili contro il COVID-19. Quindi il paese ha subito altre due ondate da gennaio a maggio del 2021. Questa era prima della variante delta più contagiosa.

Per determinare quante persone sono state nuovamente infettate, gli scienziati del Weill Cornell Medical College in Qatar hanno confrontato i record di persone con infezioni confermate da PCR tra febbraio 2020 e aprile 2021. Sono state escluse 87.547 persone che sono state vaccinate.

I ricercatori hanno scoperto che dei casi rimanenti, 1.304 erano infezioni. Il tempo mediano tra la prima malattia e la reinfezione è stato di circa 9 mesi.

Di quelli che si sono nuovamente infettati, solo quattro sono stati abbastanza gravi da andare in ospedale. Non ci sono stati casi in cui le persone si sono ammalate abbastanza da aver bisogno di cure nell’unità di terapia intensiva. Dei casi iniziali, 28 sono stati considerati critici. Non ci sono stati decessi nel gruppo infetto, mentre ci sono stati sette decessi nelle infezioni primarie.

«Quando si hanno solo 1.300 infezioni tra così tante persone e quattro casi di malattie gravi, è piuttosto bello», ha detto John Alcorn, esperto di immunologia e professore di pediatria all’Università di Pittsburgh, che non è stato coinvolto in questo studio.

Lo studio ha dei limiti. Questo è stato fatto in Qatar, quindi non è chiaro se il virus si comporterà allo stesso modo altrove. Il lavoro è stato svolto quando le varianti alfa e beta erano la causa di molte re-infezioni. C’erano 621 casi non identificati e 213 di virus ‘wild-type’. Non è stata fatta menzione della variante delta, che ora è il ceppo dominante. Questo potrebbe avere un impatto sul numero di reinfezioni.

studi precedenti Dimostrato che l’immunità naturale riduce il rischio di infezione. uno studio È stato fatto in Danimarca e pubblicato a marzo e ha scoperto che la maggior parte delle persone che sono state infettate da Covid-19 sembrava essere protetta dalla reinfezione che era rimasta stabile per più di sei mesi, ma controllare i dati demografici di coloro che sono stati infettati di nuovo ha mostrato che la maggior parte di questi erano persone che dichiarano di avere 65 anni o più. . Questo studio non dice quanto durerà la protezione, né il nuovo studio del Qatar.

La ricerca di Alcorn sull’immunità naturale mostra che anche i livelli di anticorpi variano ampiamente da persona a persona. Gli scienziati non sanno ancora quale sia il livello di anticorpi protettivi, ma in alcuni casi, i livelli dopo l’infezione potrebbero non essere sufficienti per evitare che qualcuno si ammali di nuovo.

READ  Gli scandinavi limitano le iniezioni di Moderna ad alcuni pazienti più giovani

“Deve essere determinato se questa protezione da malattie gravi quando infettati di nuovo dura più a lungo, simile all’immunità che si sviluppa contro i “raffreddori” di altri coronavirus stagionali, che generano un’immunità a breve termine contro il ripetersi di infezioni lievi ma un’immunità a lungo termine contro la malattia. Più grave con la reinfezione», ha detto lo studio. «Se questo è il caso della SARS-CoV-2, il virus (o almeno le varianti studiate finora) potrebbe adottare un modello di infezione più lieve quando diventa endemico».

I casi di COVID-19 sono in aumento con il Ringraziamento a un solo giorno di distanza

Il dottor Kami Kim, uno specialista in malattie infettive che non è affiliato a questo studio, ha affermato che le persone devono stare attente a non avere la falsa impressione che ciò significhi che le persone non devono essere vaccinate se contraggono il virus Covid. -19.

«È come chiedere se hai bisogno di airbag e cinture di sicurezza?» ha affermato Kim, direttore della Divisione di malattie infettive e medicina internazionale della University of South Florida. «Solo perché hai gli airbag non significa che le cinture di sicurezza non ti aiutino e viceversa. È bello avere una protezione per entrambi».

Kim ha detto che non vale il rischio con la malattia, soprattutto perché l’infezione può portare con sé effetti a lungo termine. «Il rischio di infezione da virus Long-Covid è molto più alto del rischio di ottenere un vaccino», ha detto Kim.

Le vaccinazioni non solo proteggono l’individuo dal contrarre la malattia, ma proteggono anche la comunità.

Per evitare il Covid, ecco quattro domande da fare a familiari e amici prima delle riunioni del Ringraziamento

«La medicina moderna è molto meglio e le persone si ammalano di cancro e vivono con malattie autoimmuni e prosperano. A meno che tu non sia molto vicino, non sempre sai chi è più a rischio di contrarre una malattia più grave e puoi letteralmente mettere le persone a cui tieni rischiano se si ammalano e le espongono», ha detto Kim. «Senza la vaccinazione, non puoi tornare a una vita normale».

READ  2 persone vaccinate muoiono nella contea di Pima a causa di COVID-19 | notizie locali

Ridurre il numero di malattie limita anche la possibilità di sviluppare più varianti, varianti che possono essere più pericolose di quanto non sia attualmente comune.

C’è un’altra lezione importante da questo studio, ha detto Alcorn.

«I vaccini sono ancora il modo migliore che abbiamo per raggiungere lo stesso luogo in cui queste persone sono state infettate, di sicuro», ha detto Alcorn. «La scoperta principale di questo studio qui è che attraverso la vaccinazione e il recupero dall’infezione, arriveremo al livello in cui tutti hanno un certo livello di protezione».