octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Uno studio indica il Casuario: l’uccello più pericoloso del mondo è stato allevato dagli umani 18.000 anni fa

Territoriale, aggressivo e spesso paragonato a un dinosauro in apparenza, l’uccello è un sorprendente candidato per l’addomesticamento.

Tuttavia, un nuovo studio su oltre 1.000 gusci d’uovo fossilizzati, scavati da due ripari sotto roccia usati dai cacciatori in Nuova Guinea, ha suggerito che i primi umani potrebbero aver raccolto le uova del grande uccello incapace di volare prima che si schiudassero e poi allevassero i pulcini. pubertà. La Nuova Guinea è una grande isola situata a nord dell’Australia. La metà orientale dell’isola è la Papua Nuova Guinea, mentre la metà occidentale fa parte dell’Indonesia.

“Questo comportamento che stiamo vedendo arriva migliaia di anni prima dell’addomesticamento dei polli”, ha detto. Autore principale dello studio Christina Douglas, assistente professore di antropologia e studi africani alla Penn State University.

“Questo non è un uccellino, è un uccello enorme, decorato e incapace di volare che può strapparti le budella”, ha detto in un comunicato stampa.

I ricercatori hanno affermato che mentre i casuari possono essere aggressivi (Un uomo è stato ucciso in Florida da un solo proiettile nel 2019), facilmente “imprime” – viene associato alla prima cosa che vede dopo la schiusa. Ciò significa che è facile da mantenere e allevare fino alla taglia adulta.

Oggi il casuario è il vertebrato più grande della Nuova Guinea e le sue piume e le sue ossa sono materiali preziosi per realizzare ornamenti corporei e abiti cerimoniali. La carne di uccello è considerata una prelibatezza in Nuova Guinea.

Esistono tre specie di casuario e sono originari di parti del Queensland settentrionale, dell’Australia e della Nuova Guinea. Douglas pensava che molto probabilmente i nostri antichi antenati fossero cresciuti La specie più piccola, il casuario nano, che pesa 20 kg (44 libbre).

READ  Perché i monitor della qualità dell'aria sono un nuovo accessorio alla moda per il ritorno a scuola?

I gusci d’uovo fossilizzati sono stati datati al carbonio come parte dello studio e la loro età variava da 18.000 a 6.000 anni.

Si ritiene che l’uomo abbia addomesticato i primi polli Non prima di 9500 anni.

Non per spuntini

Per giungere alle loro conclusioni, i ricercatori hanno prima studiato i gusci d’uovo di uccelli vivi, inclusi tacchini, emù e struzzi.

L’interno del guscio d’uovo cambia quando i pulcini in crescita ottengono il calcio dal guscio d’uovo. Utilizzando immagini 3D ad alta risoluzione ed esaminando l’interno delle uova, i ricercatori sono stati in grado di costruire un modello di come apparivano le uova durante le diverse fasi di incubazione.

Abbiamo condiviso la nostra carne con i lupi e sono diventati i nostri migliori amici

Gli scienziati hanno testato il loro modello su moderne uova di struzzo ed emu prima di applicarlo a pezzi fossili di guscio d’uovo trovati in Nuova Guinea. Il team ha scoperto che la maggior parte dei gusci d’uovo trovati nei siti erano tutti vicini alla maturità.

“Quello che abbiamo scoperto è che una grande maggioranza del guscio d’uovo è stata raccolta in fasi successive”, ha detto Douglas. “Il guscio d’uovo sembra troppo tardi, lo schema non è casuale.”

Questa è la fase avanzata del guscio d’uovo Lo studio ha indicato che le persone che vivevano in questi due luoghi rocciosi stavano raccogliendo uova quando gli embrioni di casuario avevano arti, becchi, artigli e piume completamente sviluppati.

Esistono tre specie di casuario e sono originari di parti del Queensland settentrionale, dell'Australia e della Nuova Guinea.

Ma gli umani raccoglievano deliberatamente queste uova per consentire loro di schiudersi o raccoglievano uova da mangiare? È possibile che stessero facendo entrambe le cose, ha detto Douglas.

consumare uova Con feti completamente formati è considerata una prelibatezza In alcune parti del mondo, ma Douglas ha affermato che l’analisi del team di ricerca ha suggerito che le persone stavano covando pulcini.

“Abbiamo anche esaminato i gusci d’uovo in fiamme”, ha detto Douglas nel comunicato stampa. “Ci sono abbastanza campioni di guscio d’uovo nella fase avanzata che non mostrano bruciature, possiamo dire che si stavano schiudendo e non li hanno mangiati”.

READ  Questo terrificante "drago" era il più grande rettile volante in Australia

Grandi uccelli come risorsa preziosa

I gusci d’uovo meno maturi mostravano più segni di bruciatura, indicando che quando le uova di casuario venivano consumate, venivano cotte e mangiate quando il loro contenuto era principalmente liquido.

“Oggi negli altopiani, le persone allevano pulcini di casuario fino all’età adulta, al fine di raccogliere piume e consumare o scambiare gli uccelli. È anche possibile che i casuari fossero molto apprezzati in passato, poiché sono tra i più grandi vertebrati della Nuova Guinea L’allevamento ha spiegato via e-mail che i casuari dei pulcini forniranno una fonte facilmente disponibile di piume e carne per un animale che sarebbe difficile cacciare in natura da adulto.

Tuttavia, c’è ancora molto che i ricercatori non sanno.

Per schiudere e allevare con successo i pulcini di casuario, le persone dovranno sapere dove si trovano i nidi e quando deporre le uova e rimuoverle dal nido appena prima della schiusa. Questo non è facile perché gli uccelli non nidificano negli stessi luoghi ogni anno. Una volta che la femmina depone le uova, i maschi prendono il nido e non escono per 50 giorni mentre le uova vengono incubate.

“Le persone potrebbero aver cacciato il maschio e poi raccolto le uova. Poiché i maschi non lasciano il nido incustodito, non si nutrono molto durante il periodo di incubazione, il che li rende più vulnerabili ai predatori”, ha detto.

La ricerca è stata pubblicata lunedì sulla rivista scientifica peer-reviewed PNAS.