enero 21, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un’Italia orgogliosa è più che tradizionale

L’Italia ha chiuso con successo il 2021, selezionata da The Economist come Paese dell’anno. Uno dei motivi principali è stata l’ascesa globale della rock band italiana Måneskin dopo la vittoria all’Eurovision e continuo successo in tournée in tutto il mondo. L’Italia è nota per la sua musica tradizionale e i suoi film, ma può il Paese aumentare il suo soft power spingendo per un potenziale internazionale più forte simile alla diffusione del pop coreano, meglio noto come K-pop – che è stato definito il concorrente numero uno di Hollywood?

L’Italia non ha carenza di singoli e film di successo, ma sicuramente è anche nota per la sua lunga storia e la sua orgogliosa eredità. Una dimostrazione è la sua ruolo importante nella storia della musica europea – il violino e il pianoforte sono stati entrambi inventati in Italia e altrettanti termini adottati nella musica classica, come opera, sonetto, concerto e quartetto. Questi ultimi hanno fortemente influenzato lo sviluppo dell’opera alla fine del 1500. Gran parte della musica italiana si riflette soprattutto a livello locale, cambiando, adattando e raccontando storie di piccole città in giro per la nazione.

Gli esperti di storia del cinema italiano hanno dichiarato che se la seconda guerra mondiale non fosse avvenuta, l’Italia avrebbe prodotto molti più film di cui essere orgogliosa (Moliterno, 2009, p. 243). L’Italia avrebbe potuto diventare l’equivalente della Hollywood di oggi. Niente ha impedito all’Italia di avere un intero capitolo nella storia del cinema con il neorealismo, a genere cinematografico che esiste a causa della seconda guerra mondiale, segnando la fine di questa tremenda guerra e l’ascesa del cambiamento culturale e del progresso sociale. Un genere nato dall’impressione che anche il cinema verso la fine della guerra lo fosse trasmettere o produrre contenuti futili e privi di riferimenti o collegamenti alle vere lotte della popolazione.

READ  Notizie dall'UE: il futuro nero è in pericolo mentre l'Italia prevede di "attaccare" per rimuovere la regola chiave che mantiene l'euro | Mondo | Notizia

Un esempio di un tema simile è mostrato nel film tre volte vincitore degli Academy Awards La Vita è Bella (La vita è bella), una commedia drammatica italiana del 1997 diretta e interpretata da Roberto Benigni, che ha scritto il film insieme a Vincenzo Cerami. Benigni interpreta un proprietario di una libreria ebreo italiano nell’anno 1939 che usa la sua immaginazione per proteggere suo figlio dall’orrore del campo di concentramento nazista. Dimostrando quindi che è una nazione che, nonostante le difficoltà, ha avuto la fortuna di emergere e produrre da sola contenuti di fama mondiale.

Possiamo fare un ulteriore passo avanti? O stiamo volando troppo vicino al sole?

Italia all’estero

La prima nomination agli Academy Awards per l’Italia risale al 1929 per la migliore fotografia e da allora ha ricevuto poche vittorie. A dimostrazione del fatto che rispetto ad altri paesi è stato ben considerato nell’industria cinematografica in contrapposizione, ad esempio, ad altri attori o film meno apprezzati. A questo punto, l’Accademia è stata accusata di razzismo, e un esempio era l’hashtag dell’anno scorso circolano #OscarsSoWhite.

Diversi film famosi sono stati girati in Italia, ad esempio Mangia Prega Ama, Il Gladiatore, Lettere a Giulietta, diversi film di Bond, e persino un intero film con il paese nel titolo, Il lavoro italiano. Nessuno può negare la sua bellezza e la sua storia che hanno fornito la spina dorsale a gran parte dei contenuti multimediali prodotti.

La serie TV internazionale ha avuto successo Commissario Montalbano – basato su una serie di libri venduti in tutto il mondo scritti da Andrea Camilleri – è stato visto in tutto il mondo per 15 stagioni e i libri sono stati tradotti in oltre 32 lingue. L’intera serie che segue i misteri polizieschi del detective Salvo Montalbano è girata nella città immaginaria di Vigatà, in Sicilia, originario dell’originario paese dell’autore di Porto Empedocle a pochi chilometri ad ovest di Agrigento, ma poi la serie girata a Ragusa, un’altra città siciliana sull’isola notoriamente bella.

READ  Qual è il futuro del calcio italiano?

L’apprezzamento degli italiani per l’Italia

Anche se abbiamo viaggiato per il mondo, sembra che, indipendentemente da ciò che facciamo, la musica classica e il film saranno ricordati e apprezzati. La versione moderna di ciò che l’Italia sta producendo non sembra essere al livello necessario per fare il passo internazionale. Questo significherebbe per gli italiani perdere la loro naturale inclinazione verso un certo savoir-faire che circonda i nostri prodotti? Musica e film sono pieni di nostalgia e realtà. Lo stesso neorealismo è la dimostrazione.

Diversi artisti hanno lasciato l’Italia per cercare il loro successo artistico all’estero. Un esempio è l’attore che ha interpretato il figlio nel film vincitore dell’Oscar di Benigni, che ora vive a New York City. Un giornalista una volta ha scritto che il motivo per cui tanta arte italiana si trova all’estero ha a che fare con il fatto che noi non possiamo apprezzare la qualità di ciò che abbiamo. Pertanto, siamo un paese che può essere orgoglioso dei suoi contenuti multimediali ma potrebbe non fare quel salto di qualità internazionale come potrebbe.

Måneskin ha ammesso che, nonostante il loro successo, sono stati inizialmente discriminati, “Crescendo in Italia, che può essere un paese dalla mentalità molto ristretta e conservatore, abbiamo subito molte discriminazioni, soprattutto nell’industria musicale, con il modo in cui guarda e tutto. ” È risaputo che quando si tratta di alcuni passi progressivi, l’Italia resta indietro. Tuttavia, ora che Måneskin è famoso, sembra che gli italiani siano orgogliosi del fatto che la band sia italiana. Anche se abbastanza ragionevole e normale, sembra ipocrita.

L’Italia può volare?

Il successo di Måneskin ha dimostrato che, indipendentemente da quanto possa sembrare «tradizionale» l’Italia, la nuova generazione può apprezzare i diversi passi verso la musica e altri formati multimediali. Altri successi evidenziano anche che possiamo creare contenuti meravigliosi utilizzando ciò che è intorno alla nazione e identificando il nostro potenziale attraverso contenuti storici generalmente più tradizionali.

READ  Discorso di Capodanno - Il Presidente della Repubblica ha ringraziato i cittadini responsabili di Xinhua

Nonostante tutto quanto sopra, non credo che l’Italia possa salire alle stelle per il momento. Ha compiuto passi da gigante e può essere orgoglioso dei suoi risultati attuali, ma possiamo provare a coniugare la sfera più internazionale e moderna con la tradizionale nostalgia storica che abbraccia questo paese a forma di stivale, a cominciare dalla cura delle sue città, dei suoi teatri, e artisti.

Questo non significa dimenticare com’era il nostro Paese, ma plasmare la bellezza e la qualità che ha in una forma condivisibile con il resto del mondo.

Sostieni il nostro progetto indipendente!

Crediamo nel raccontare storie di qualità sulla vita politica, culturale e sociale in Italia, libere da paywall o (troppe) pubblicità. Se ti piace leggere, speriamo che prenderai in considerazione la possibilità di iscriverti alla nostra community Patreon, dove sbloccherai approfondimenti sui nostri argomenti più popolari e pass per il backstage delle nostre storie preferite.