agosto 15, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Una zanna di mammut di 100.000 anni è stata scoperta al largo della costa della California

Ad un occhio inesperto, avrebbe potuto sembrare un gigantesco ceppo di legno. In effetti, gli scienziati hanno scoperto qualcosa di insolito al largo della costa della California due anni fa: una zanna gigante di 3 piedi (1 metro).

Un team di ricerca del Monterey Bay Aquarium Research Institute ha scoperto la zanna nel 2019 mentre esplorava una montagna sottomarina a 3000 metri sotto la superficie dell’oceano.

Sebbene altri fossili di mammut siano stati estratti dall’oceano in precedenza, è raro che tali oggetti vivano lungo il fondo del mare profondo, ha affermato il paleontologo dell’Università del Michigan Daniel Fisher. comunicato stampa.

Gli scienziati alla fine hanno determinato che la zanna apparteneva a una giovane femmina di mammut colombiano, che potrebbe aver vissuto durante il Paleolitico inferiore, che va da 2,7 milioni a 200.000 anni fa. I ricercatori stanno ancora lavorando per determinare l’età esatta della creatura, insieme a maggiori dettagli sulla sua vita, inclusa la sua dieta e la frequenza con cui si è riprodotta.

«Questa è una storia di Indiana Jones mescolata con un momento di ‘Jurassic Park'», Katie Moon, ricercatrice post-dottorato presso l’Università della California, Santa Cruz, Raccontare New York Times.

La scoperta potrebbe eventualmente indicare la presenza di fossili di altri antichi animali nascosti nelle profondità marine.

Gli scienziati si preparano a pulire il grande pezzo canino nel laboratorio della nave. (Darren Schultz © 2021 MBARI)

Gli scienziati hanno rotto un pezzo di zanna di mammut due anni fa

Gli scienziati di Monterey Bay non avevano intenzione di incontrare una zanna gigante nel 2019. A quel tempo, il team di ricerca stava setacciando l’oceano con veicoli telecomandati alla ricerca di specie di acque profonde.

READ  Un Boeing Starliner atraca en la Estación Espacial Internacional por primera vez

Stephen Haddock, capo scienziato del Monterey Bay Aquarium Research Institute, ha dichiarato in una dichiarazione comunicato stampa.

Nella loro intuizione, gli scienziati hanno deciso di recuperare la zanna dal fondo dell’oceano, ma la sua punta è stata tagliata e non sono stati in grado di raccogliere il campione completo. Il team ha poi riesaminato il sito a luglio per sequestrare il resto del manufatto. Questa volta, hanno attaccato materiali morbidi come spugne al veicolo telecomandato, quindi hanno sollevato con cura la zanna usando i bracci robotici del veicolo.

La zanna completa ha fornito agli scienziati un campione molto più grande di DNA di mammut, che hanno usato per determinarne la specie.

Gli scienziati ritengono che il mammut colombiano fosse una delle creature più grandi del suo genere, probabilmente il risultato di incroci tra mammut lanosi e altre specie di mammut. Le loro zanne potrebbero essere state usate per proteggersi e cercare cibo quando vagavano per il Nord America fino a 10.000 anni fa.

Il paleontologo taglia parte del nucleo della parte dei canini più piccoli.  (Darren Schultz © 2021 MBARI)Il paleontologo taglia parte del nucleo della parte dei canini più piccoli. (Darren Schultz © 2021 MBARI)

L’ambiente di acque profonde fredde e ad alta pressione è l’ideale per la conservazione dei fossili

Gli scienziati stanno ora analizzando gli isotopi radioattivi delle zanne, o atomi in decadimento naturale, per determinare quanto tempo ha vissuto il mammut. Poiché gli scienziati conoscono la velocità con cui decadono isotopi come l’uranio e il torio, possono determinare l’età delle zanne in base a quanti di questi isotopi sono ancora nello strumento.

Ad oggi, questa tecnologia indica che le zanne di mammut hanno più di 100.000 anni.

READ  La edición de genes CRISPR ahora es posible en cucarachas

Gli scienziati ritengono che l’oceano sia responsabile della conservazione dei manufatti in condizioni così incontaminate.

Le temperature del mare profondo sono appena sopra lo zero – circa 4 °C (39 °F), in media. Questo clima gelido rallenta il tasso di decomposizione dei fossili, proprio come mettere il cibo nel congelatore impedisce che si deteriori troppo presto.

I fossili hanno anche una migliore possibilità di sopravvivere nell’ambiente ad alta pressione del mare profondo: la pressione sottomarina nelle fosse più profonde dell’oceano è 1100 volte più grande di quanto non lo sia sulla superficie dell’acqua.

Terrence Blackburn, assistente professore presso l’Università della California, Santa Cruz, ha dichiarato in una dichiarazione comunicato stampa.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da interessato al commercio.

Altro da Business Insider: