octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Una misteriosa donna con amnesia viene trovata a Krk, in Croazia, confessata dalla coppia a Los Angeles

Due angeli I residenti pensano di aver risolto un enigma Jane Doe croata—Una donna avvolta in un lenzuolo viene trovata su un’isola rocciosa che parla un inglese fluente ma non conosce il suo nome.

Nina Smedt ha detto a The Daily Beast che la donna graffiata presente nelle foto apparse in tutto il mondo questa settimana ha letteralmente lavorato per un’azienda che gestiva nel 2015. È stata collocata lì da un’organizzazione no profit che aiuta senzatettodisse Smidt.

La società operava da un magazzino noto come Second Space nel centro di Los Angeles, e il proprietario Tyler Madsen ha permesso alla donna di vivere lì senza affitto in modo che potesse risparmiare denaro per trasferirsi in Irlanda e vai giù grado scivoloso.

Era davvero una brava lavoratrice, intelligente e aveva un gran cuore.

“Ho riconosciuto subito la donna nella foto”, ha detto Smedt a The Daily Beast martedì sera. “La seconda volta che ho visto la sua foto, l’ho inviata a Tyler per confermare che era lei, cosa che ha confermato”.

Madsen ha detto al Daily Beast di essere certo che la donna fosse la sua ex inquilina e di non averlo visto da quando è partita per l’Irlanda nel luglio 2015.

“Al cento per cento – non ho dubbi che sia stata lei”, ha detto.

Smedt ha detto che quando ha visto la foto lunedì, ha chiamato la polizia in Croazia, che poi ha chiamato l’ambasciata in Slovacchia, da dove viene la donna e ha una famiglia. Ha detto che la polizia le ha detto martedì che l’ambasciata aveva confermato l’identità della donna con i suoi parenti.

READ  Un generale iraniano afferma che gli attacchi missilistici di Hamas cambiano gli equilibri di potere

Il Daily Beast non ha annunciato il nome perché i funzionari croati e slovacchi non sono stati immediatamente raggiunti per la conferma. Ma la foto della donna fatta circolare dalla polizia corrisponde a quella della donna che Smedt e Madsen conoscevano e ricordano con affetto.

“[She] Ho passato momenti difficili e sfortuna. “Ma era davvero una brava lavoratrice, intelligente e aveva un cuore meraviglioso”, ha detto Smedt.

“Tyler e io siamo preoccupati per la sua sicurezza e speriamo che ora che la sua identità è stata confermata dall’ambasciata, la sua famiglia possa aiutare a scoprire cosa le è successo”.

Madsen, proprietario del magazzino in cui Jane Doe viveva e lavorava, ha aggiunto: “Le nostre interazioni sono sempre state buone. Era una gran lavoratrice e cercava sempre di risparmiare denaro. Penso che stesse cercando di andare in Irlanda e avesse amici lì e era davvero determinato a salvare e raggiungere la sua gente”.

La donna è stata avvistata a Krk, in Croazia, il 12 settembre da una coppia che stava pescando.

“L’abbiamo vista camminare nervosamente su e giù e quando ci ha visto ha iniziato a urlare e salutare”, ha detto il marito a SATA 24. “Ci siamo avvicinati alla spiaggia per vedere cosa stava succedendo. Era coperta da un lenzuolo bianco, ma potrebbe aver trovato un telone o qualcosa del genere e ha cercato di tenersi al caldo”.

La coppia ha chiesto aiuto e la squadra di soccorso ha dovuto utilizzare veicoli fuoristrada e camminare per più di due miglia per raggiungere la donna.

Un funzionario di polizia croato ha detto al Daily Beast che all’inizio di questa settimana sospettavano che la donna potesse provenire dall’Europa dell’Est in base ai vestiti che indossava, ma che parlava inglese con un accento di “Queens of English”.

READ  Le inondazioni in Germania uccidono 42 persone mentre decine sono ancora i dispersi

Anche se alla domanda sull’identità della donna potrebbe essere stata data una risposta, i funzionari non sanno ancora perché o come sia finita a Krk – o come sia sopravvissuta in un’area brulicante di predatori.

Estremamente disidratata ed emaciata, aveva squame insanguinate a causa di profondi graffi sul viso, ma non aveva tagli ai piedi come ci si aspetterebbe da qualcuno che arrivasse sull’isola attraverso la costa rocciosa.