enero 18, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Una devastante tempesta solare avvistata in un vicino sistema stellare potrebbe essere un segnale di avvertimento per la vita sulla Terra

Boulder, Colorado. (StudyFinds.orgUn nuovo studio ha rivelato che una devastante tempesta solare potrebbe rimandare l’umanità al Medioevo.

I ricercatori dell’Università del Colorado Boulder affermano che gli astronomi hanno osservato per la prima volta una versione potente di questo fenomeno stellare in un sistema stellare a soli 100 anni luce di distanza. Il team descrive lo spettacolare spettacolo pirotecnico del sole come «inquietante» e avverte che un evento simile potrebbe colpire la Terra.

Lo studio suggerisce che un simile brillamento solare capovolgerebbe i satelliti in orbita e farebbe crollare le reti elettriche che servono intere città, causando interruzioni di corrente diffuse e interrompendo le reti telefoniche.

La star si chiama EK Draconis – latino per drago – e praticamente sputa fuoco. I ricercatori dicono che si trova nella costellazione del Draco, nel cielo più settentrionale. Conosciute come espulsioni di massa coronale (CME), le stelle emettono regolarmente nuvole di particelle estremamente calde (plasma) che fluiscono nello spazio a velocità incredibili.

Nel nostro sistema solare, questa è probabilmente una cattiva notizia. ogni 100 anni circa, Il sole rilascia queste nuvole nella nostra direzione.

Il co-autore Dr. Yuta Notsu dice in Rilascio universitario.

Il disco più potente

Un team internazionale ha notato l’incredibile flusso di energia che scorre da EK Draconis. Era molto più forte che mai. Gli esperti temono una catastrofica tempesta solare in questo sistema solare entro la fine del secolo.

Il leader dello studio Kosuke Namikata, uno studente di dottorato presso l’Osservatorio Astronomico Nazionale in Giappone, crede che la tempesta potrebbe essere altrettanto potente di quella di EK Draconis. I ricercatori hanno utilizzato telescopi terrestri e spaziali per fissare la stella, che assomiglia a una versione più piccola del nostro sole.

READ  L'asteroide che uccide i dinosauri ha prodotto uno tsunami gigante alto quasi un miglio

Ha rilasciato una massa bruciante di miliardi di chilogrammi di plasma, dieci volte più del record precedente di una stella simile al Sole. Il Dr. Notsu nota che questo evento serve come avvertimento di quanto sia pericoloso tempo spaziale Forse.

«Questo tipo di grande espulsione di massa potrebbe, in teoria, verificarsi anche sul nostro Sole», aggiunge Notsu. «Questa osservazione può aiutarci a capire meglio come eventi simili hanno influenzato la Terra e persino Marte per miliardi di anni».

Le masse coronali espulse spesso si verificano subito dopo che una stella lascia un bagliore – un’esplosione di radiazione improvvisa e brillante – che può estendersi lontano nello spazio. Uno studio precedente dello stesso gruppo ha trovato stelle simili al Sole intorno alla galassia Esperienza di «superflares» ricorrenti.

Sono simili ai nostri brillamenti solari, ma decine o addirittura centinaia di volte più forti. Un tale superflare potrebbe, in teoria, verificarsi anche con il sole della Terra e provocare un’enorme simmetria di dimensioni.

«I superflare sono molto più grandi dei bagliori che vediamo dal sole», continua Notsu. Quindi sospettiamo che produrrà anche una balistica di massa molto più grande. Ma fino a poco tempo fa era solo un’ipotesi».

Potrebbe il nostro antico sole fare lo stesso?

I ricercatori descrivono EK Draconis come una «stella curiosa» delle stesse dimensioni del Sole ma vecchia di soli 100 milioni di anni.

«Ecco come appariva il nostro sole 4,5 miliardi di anni fa», afferma il dott. Notsu.

Gli autori dello studio hanno osservato la stella per 32 notti in inverno e in primavera l’anno scorso. Lo hanno scansionato usando il TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite) della NASA e i telescopi SEIMEI del Giappone. Il 5 aprile 2020, sono stati fortunati quando EK Draconis è scoppiata in una super esplosione – enorme. Mezz’ora dopo, il CME volò dalla superficie della stella.

READ  La contea di Los Angeles richiede la prova della vaccinazione nei bar e nei grandi eventi

I ricercatori sono stati in grado di scoprire solo il primo passo della sua vita, lo stadio di «esplosione del filamento». Tuttavia, questo è stato sufficiente per confermare che il bagliore era un mostro che si muoveva a una velocità massima di circa un milione di miglia all’ora. Non sarà di buon auspicio per vita sulla Terra. I risultati sono pubblicati sulla rivista astronomia naturale, suggerendo che anche la nostra stella di casa è capace di un estremismo così violento.

Nonostante il terribile avvertimento, gli scienziati affermano che gli ammassi su larga scala sono Probabilmente raro nelle stelle più vecchie. Probabilmente erano più comuni nei primi anni del sistema solare. In altre parole, le massicce espulsioni di massa dalla corona avrebbero potuto aiutare a modellare pianeti come la Terra e Marte in quello che sembrano oggi.

Notso conclude che «l’atmosfera di Marte attualmente è molto sottile rispetto a quella della Terra». “In passato, pensiamo che Marte fosse così atmosfera più densa. Le espulsioni di massa coronali possono aiutarci a capire cosa è successo al pianeta nel corso di miliardi di anni».

Lo scrittore Mark Waghorn, editorialista del Southwest News Service, ha contribuito a questo rapporto.