mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un vulcano erutta nell’Oceano Pacifico e sulla costa occidentale sotto l’allarme tsunami

WELLINGTON, Nuova Zelanda (AFP) – Sabato un vulcano sottomarino è eruttato in modo spettacolare vicino alla nazione del Pacifico di Tonga, provocando uno tsunami che si è schiantato sulla costa e ha mandato le persone su un terreno più elevato.

L’eruzione ha interrotto Internet per Tonga, lasciando amici e familiari in tutto il mondo che domenica cercano ancora ansiosamente di mettersi in contatto per vedere se ci sono state vittime e l’entità del danno. Anche i siti web del governo e altre fonti ufficiali sono rimasti senza alcun aggiornamento.

Le immagini satellitari hanno mostrato la massiccia eruzione, con un pennacchio di cenere, vapore e gas che si alzava come funghi sulle acque blu del Pacifico. Si sentiva un tonfo tonante fino all’Alaska.

Sono stati emessi avvisi di tsunami per le Hawaii, l’Alaska e la costa del Pacifico degli Stati Uniti. L’US Geological Survey ha stimato che l’eruzione ha causato un terremoto di magnitudo 5,8. Gli scienziati hanno affermato che gli tsunami generati dai vulcani piuttosto che dai terremoti sono relativamente rari.

I servizi meteorologici di Tonga hanno affermato che è stato emesso un allarme tsunami per tutto l’arcipelago e i dati del Pacific Tsunami Center hanno affermato che sono state rilevate onde di 80 centimetri (2,7 piedi).

Rachel Afiki Taumoibo, che presiede il Tonga Business Council della Nuova Zelanda, ha affermato di sperare che il livello relativamente basso dello tsunami consentirà alla maggior parte delle persone di mettersi in salvo, sebbene sia preoccupata per coloro che vivono sulle isole più vicine al vulcano. Ha detto che non è ancora riuscita a contattare i suoi amici e la sua famiglia a Tonga.

«Preghiamo Dio che solo le infrastrutture siano danneggiate e che le persone possano raggiungere un terreno più elevato», ha detto.

Tonga ottiene Internet tramite un cavo sottomarino da Suva, Fiji, che è presumibilmente danneggiato. Tutta la connessione Internet con Tonga è stata interrotta verso le 18:40 ora locale, ha affermato Doug Madhuri, direttore dell’analisi Internet presso la società di intelligence di rete Kintech.

La società che gestisce la connessione non sa ancora «se il cavo è rotto o se sta solo riscontrando una perdita di alimentazione», ha detto il direttore tecnico Dean Feverka a Southern Cross Cable Network.

Il sito web di notizie con sede alle Fiji Business Islands News ha riferito che un convoglio di polizia e forze militari ha evacuato il re di Tonga Tubu VI dal suo palazzo vicino alla riva. Era tra i tanti residenti che si diressero verso le regioni superiori.

READ  Ecco come appaiono i corvi che fanno il bagno alle formiche, o "anting": NPR

A Tonga, che ospita circa 105.000 persone, un video pubblicato sui social media mostrava grandi onde che bagnavano la spiaggia nelle zone costiere, vorticando intorno a case, una chiesa e altri edifici.

L’esercito neozelandese ha affermato che stava monitorando la situazione ed è rimasto in allerta e pronto ad assistere se richiesto.

Alle Hawaii, il Pacific Tsunami Warning Center ha segnalato onde che misurano mezzo metro (1,6 piedi) a Nawiliweli e Kauai e 80 centimetri (2,7 piedi) ad Hanalei. Il National Weather Service ha detto che ci sono state segnalazioni di barche che sono state spinte al molo, ma il pericolo diminuisce con il passare della mattinata.

«Siamo sollevati dal fatto che non ci siano state segnalazioni di danni minori e inondazioni nelle isole», ha affermato lo Tsunami Center, descrivendo la situazione alle Hawaii. Un allarme tsunami per le isole è stato lanciato circa 11 ore dopo l’eruzione del vulcano, a più di 4.828 chilometri (3.000 miglia) di distanza.

A Tonga, un utente di Twitter noto come Dr. Vakailwatonga Taumuvulao ha pubblicato un video che mostra le onde che si infrangono sulla spiaggia.

«L’eruzione può essere ascoltata letteralmente, suona molto violenta», ha scritto, aggiungendo in un post successivo: «Piove cenere e piccoli sassolini, l’oscurità copre il cielo».

L’eruzione del vulcano Hunga Tonga Hunga Ha’apai è stata l’ultima di una serie di drammatiche eruzioni.

La società di imaging terrestre Planet Labs ha monitorato l’isola negli ultimi giorni dopo che una nuova eruzione vulcanica ha iniziato ad emergere alla fine di dicembre.

Le immagini satellitari catturate dall’azienda mostrano come il vulcano abbia plasmato radicalmente l’area, creando un’isola in crescita al largo di Tonga.

«La superficie dell’isola sembra essersi espansa di circa il 45% a causa di Ashfall», ha detto Planet Labs giorni prima dell’ultima attività.

Dopo l’eruzione del vulcano sabato, ai residenti delle Hawaii, dell’Alaska e lungo la costa del Pacifico degli Stati Uniti è stato consigliato di allontanarsi dalla costa verso un’altura e di seguire le istruzioni specifiche dei funzionari locali della gestione delle emergenze, ha affermato Dave Snyder, coordinatore nazionale dell’allarme tsunami. Centro di allerta tsunami a Palmer, Alaska.

«Non diamo un avvertimento a questo litorale come abbiamo fatto – non ne sono sicuro l’ultima volta – ma in realtà non è un’esperienza quotidiana», ha detto Snyder.

Ha detto che le onde che hanno colpito la spiaggia delle Hawaii erano solo soggette a standard di allerta tsunami più pericolosi.

«Sembra che tutto rimarrà al di sotto del livello di allarme, ma è difficile da prevedere perché si tratta di un’eruzione vulcanica e siamo impostati per misurare i terremoti o le onde del mare dai terremoti», ha detto Snyder.

READ  Metropolitana di Città del Messico: carenze di costruzione dietro il crollo fatale, afferma il rapporto

Le prime onde che hanno colpito gli Stati Uniti continentali avevano una dimensione di circa 33 cm (1 piede) a Nikolsky, in Alaska, e 59 cm (1,9 piedi) ad Adak, in Alaska. Un’onda di circa 79 cm (2,6 piedi) è stata osservata a Monterey, in California, secondo il National Tsunami Warning Center degli Stati Uniti.

Le spiagge e i marciapiedi della California meridionale sono stati chiusi per precauzione. Il National Weather Service ha twittato che «non c’erano gravi problemi di inondazione». Tuttavia, erano possibili forti correnti e i funzionari hanno avvertito le persone di stare fuori dall’acqua.

Sulla costa centrale della California, il National Weather Service ha segnalato onde di tsunami fino a 4 piedi (1,2 metri) e inondazioni nei parcheggi sulla spiaggia di Port St. Louis. A circa 200 miglia (320 km) lungo la costa, le onde erano molto più piccole a Seal Beach, nel sud della California, secondo Michael Bliss, proprietario della M&M Surf School.

«Le onde sembrano piuttosto piatte», ha detto Bliss. «Speriamo che riaprano la spiaggia in un paio d’ore».

La folla si è radunata al porto di Santa Cruz, in California, per osservare l’innalzamento delle acque e la discesa delle barche sui moli. Le forze dell’ordine hanno cercato di tenere lontane le persone quando il grande boom è iniziato intorno alle 7:30.

Circa un’ora dopo, l’ondata di forze ha attraversato il bordo posteriore del porto, riempiendo il parcheggio e le strade inferiori e mettendo in piedi alcune auto. Nel 2011, dopo il terremoto in Giappone, una serie di picchi è costata 20 milioni di dollari di danni al porto.

Sebbene i surfisti esperti possano pensare che le onde che colpiscono la costa occidentale non siano abbastanza alte per qualificarsi per uno swell, il National Weather Service ha avvertito che gli tsunami causano altezze ingannevoli dell’acqua abbastanza forti da trascinare le persone in mare.

I residenti delle Samoa americane sono stati allertati da un allarme tsunami dalle emittenti locali e dalle campane della chiesa che hanno suonato in tutto il distretto sabato. Il sistema di allarme a sirena era fuori servizio. Coloro che vivevano lungo la costa si spostarono rapidamente su un’altura.

Al calare della notte, non ci sono state segnalazioni di danni e il centro tsunami con sede alle Hawaii ha annullato l’allerta.

Anche le autorità delle due nazioni insulari vicine di Fiji e Samoa hanno emesso avvertimenti, dicendo alle persone di evitare la costa a causa delle forti correnti e delle onde pericolose. In Nuova Zelanda, i funzionari hanno avvertito di possibili tempeste dovute all’eruzione.

READ  Tredici casi sono stati rilevati nei Paesi Bassi con prevalenza della variante Omicron

Il meteorologo privato della Nuova Zelanda, Weather Watch, ha scritto su Twitter che persone fino a Southland, la più meridionale del paese, hanno riferito di aver sentito uno stridio dall’esplosione. Altri hanno riferito che diverse barche sono state danneggiate dallo tsunami che ha colpito un porto turistico a Whangarei, nel Northland.

In precedenza, il sito web di notizie Matangi Tonga ha riferito che gli scienziati hanno notato massicce esplosioni, tuoni e fulmini vicino al vulcano dopo che la sua eruzione è iniziata all’inizio di venerdì. Le immagini satellitari mostravano un pennacchio largo 5 chilometri (3 miglia) che si innalzava nell’aria per circa 20 chilometri (12 miglia).

Il vulcano Hunga Tonga Hunga Ha’apai si trova a circa 64 chilometri (40 miglia) a nord della capitale, Nuku’alofa. Tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015, una serie di eruzioni nell’area ha creato una nuova piccola isola e ha interrotto per diversi giorni i viaggi aerei internazionali verso l’arcipelago del Pacifico.

Non c’è molta differenza tra i vulcani sottomarini e quelli terrestri, ha affermato Hans Schweiger, un geofisico ricercatore presso l’Osservatorio del vulcano dell’Alaska, e i vulcani sottomarini aumentano con le loro eruzioni e di solito sfondano la superficie ad un certo punto.

Con i vulcani sott’acqua, ha aggiunto Schweiger, l’acqua può intensificare un’eruzione vulcanica quando la lava colpisce.

Prima di un’eruzione, ha detto Schweiger, c’è un aumento generale dei piccoli terremoti locali al vulcano, ma a seconda di quanto sono lontani dal suolo, potrebbero non essere avvertiti dai residenti lungo la costa.

Nel 2019, Tonga ha perso l’accesso a Internet per quasi due settimane a causa del taglio del cavo in fibra ottica. Il manager della locale compagnia di cavi disse all’epoca che una grossa nave avrebbe potuto tagliare il cavo tirando un’ancora. Fino al ripristino dell’accesso limitato ai satelliti, le persone non potevano nemmeno effettuare chiamate internazionali.

Le comunicazioni satellitari tra Tonga e altre parti del mondo sono limitate, ha affermato Veverka di Southern Cross Cable Network, ma non sa se sarà interessata dai blackout.

___

Gli autori dell’Associated Press Jennifer McDermott a Providence, Rhode Island, Martha Mendoza a Santa Cruz, California, Frank Bajak a Boston, Mary Yamaguchi a Tokyo, Philly Sagabolotelli a Pago Pago, Samoa americane, John Gambrill a Dubai, Emirati Arabi Uniti e Christopher Webber a Los Angeles ha contribuito a questo rapporto.