diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un subacqueo scopre una spada di 900 anni che racconta le crociate

Le acque al largo della costa del Carmelo rimangono alla stessa temperatura durante tutto l’anno, il che ha contribuito a preservare il ferro nella Spada. Poiché il ferro si stava ossidando, ha detto il signor Charvet, le conchiglie e altre creature marine vi si erano attaccate come gomma. Ha detto che la scoperta di antichi manufatti è aumentata con la crescente popolarità delle immersioni in Israele.

I leader musulmani della seconda crociata hanno affermato di aver sconfitto i crociati occidentali a Damasco Jonathan PhillipsProfessore di Storia delle Crociate alla Royal Holloway, Università di Londra.

Durante la Terza Crociata, il re francese Filippo Augusto, il re Riccardo I (noto anche come Riccardo Cuor di Leone in Inghilterra) e l’imperatore del Sacro Romano Impero Federico I (noto anche come Federico Barbarossa) decisero di riconquistare Gerusalemme. Saladino, il sovrano di una regione che copre l’Egitto moderno, la Siria e l’Iraq, che occupò nel 1187, disse: Il dottor John CoatesProfessore di Storia Medievale al Whitman College di Walla Walla, Washington.

All’epoca, papa Gregorio VIII cercò di ispirare i cristiani occidentali con un «grande linguaggio sentimentale» per rivendicare Gerusalemme dai musulmani, ma alla fine l’esercito musulmano mantenne il controllo della città, ha affermato il dott. Coats.

Il Dr. Phillips ha detto che la produzione di spade era costosa all’epoca ed era vista come uno status symbol. Aveva senso trovarlo in mare, disse, perché molte battaglie si svolgevano vicino alle coste, dove sbarcavano soldati cristiani e talvolta venivano attaccati dalle forze musulmane.

«Potrebbe essere stato un cavaliere caduto in mare o perso in una battaglia in mare», ha detto.

READ  Cina Covid-19: alle persone non vaccinate in alcune parti del paese è negato l'accesso a ospedali, parchi e scuole

Quando il signor Katzin l’ha trovato, ha detto che temeva che potesse essere rubato o seppellito sotto le sabbie mobili, secondo una dichiarazione delle autorità.

Il direttore generale dell’Autorità per le antichità israeliane, Eli Escusedo, ha elogiato il signor Katzin perché «ogni artefatto che viene trovato ci aiuta a mettere insieme il puzzle storico della Terra di Israele». Il Sig. Katzen ha ricevuto un Certificato di Merito per la Buona Cittadinanza.