diciembre 8, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un singolo vaccino contro il coronavirus può fornire un’ampia immunità contro altri coronavirus

Lo studio è il primo a dimostrare l’immunità crociata tramite i vaccini.

Gli scienziati della Northwestern Medicine hanno dimostrato per la prima volta che i vaccini contro il coronavirus e le precedenti infezioni da coronavirus possono fornire un’ampia immunità contro altri coronavirus simili. I risultati costruiscono una logica per i vaccini globali contro il coronavirus che potrebbero essere utili per rispondere a future pandemie.

«Fino al nostro studio, ciò che non era chiaro era che se fossi stato esposto al coronavirus, potevi ottenere una protezione incrociata tra altri coronavirus? L’autore principale Pablo Benaluza McMaster, professore associato di microbiologia e immunologia presso Northwestern University Scuola di Medicina Feinberg.

I risultati sono stati recentemente pubblicati in Journal of Clinical Investigation.

Le tre principali famiglie di coronavirus che causano malattie umane sono:

  • Sarbecovirus, che include il ceppo SARS-CoV-1 responsabile dell’epidemia di sindrome respiratoria acuta grave (SARS) del 2003, nonché SARS-CoV-2, che è responsabile di COVID-19
  • Embecovirus, che include OC43, che è spesso responsabile del comune raffreddore
  • Il Merbecovirus, il virus responsabile della sindrome respiratoria mediorientale (MERS), è stato segnalato per la prima volta nel 2012.

I vaccini hanno mostrato immunità cross-protettiva

Lo studio ha scoperto che il plasma di esseri umani vaccinati contro SARS-CoV-2 produceva anticorpi reattivi (che potenzialmente forniscono protezione) contro SARS-CoV-1 e il comune coronavirus del raffreddore (OC43). Lo studio ha anche scoperto che i topi immunizzati con il vaccino SARS-CoV-1 sviluppato nel 2004 hanno generato risposte immunitarie che li hanno protetti dall’esposizione nasale a SARS-CoV-2. Infine, lo studio ha scoperto che una precedente infezione da coronavirus può proteggere da successive infezioni con altri coronavirus.

READ  Fauci: la quantità di virus nei casi di delta avanzato è "quasi identica" ai casi non vaccinati

I topi vaccinati con i vaccini COVID-19 e successivamente esposti al comune raffreddore coronavirus (HCoV-OC43, che è diverso dal ceppo SARS) sono stati parzialmente immunizzati contro il comune raffreddore, ma la protezione era meno robusta, secondo lo studio trovato. Gli scienziati spiegano che il motivo è che SARS-CoV-1 e SARS-CoV-2 sono geneticamente simili – come cugini tra loro – mentre il comune coronavirus del raffreddore è più divergente di SARS-CoV-2.

«Finché il coronavirus è superiore al 70%, i topi sono protetti», ha affermato Penaloza-MacMaster. Se sono esposti a una famiglia di coronavirus completamente diversa, i vaccini possono fornire una protezione inferiore.

Ci sarà un vaccino universale per il virus Corona?

Gli autori dello studio hanno affermato che, data la diversità di ogni famiglia di coronavirus, la risposta è «probabilmente no». Ma hanno detto che potrebbe esserci un modo per sviluppare un vaccino per ogni famiglia di coronavirus (Sarbecovirus, Embecovirus e Merbecovirus).

«Il nostro studio ci aiuta a rivalutare il concetto di un vaccino universale per il coronavirus», ha affermato Penaloza-MacMaster. “È possibile che non esista un singolo vaccino, ma potremmo ritrovarci con un vaccino generico per ciascuna delle principali famiglie di coronavirus, ad esempio il vaccino universale contro il virus Sarpic contro SARS-CoV-1, SARS-CoV-2 e altri vaccini associati ai virus SARS Corona o Embecovirus è universale per HCoV-OC43 e HKU1 che causa il comune raffreddore.

Nello studio, Penaloza-MacMaster ha collaborato con il medico di medicina nordoccidentale Igor Koralnik, capo delle malattie neuroinfettive e neuroscienze globali a Feinberg, e Lavanya Visvabharathy, ricercatore post-dottorato nelle manifestazioni neurologiche di COVID-19 a Feinberg, per valutare l’immunità. Reazioni negli esseri umani che hanno ricevuto vaccini SARS-CoV-2, così come nei pazienti COVID-19 ricoverati al Northwestern Memorial Hospital.

READ  Il senatore Rand Paul: "Probabilmente", il COVID è fuggito dal laboratorio di Wuhan

«Abbiamo scoperto che questi individui hanno sviluppato risposte anticorpali che hanno neutralizzato il comune coronavirus del raffreddore, HCoV-OC43», ha detto Penaloza-MacMaster. «Stiamo ora misurando la durata di questa protezione reciproca».

Anni di ricerca sull’HIV hanno portato il team a questa scoperta

Prima della pandemia di COVID-19, Penaloza-MacMaster aveva studiato i vaccini contro l’HIV per un decennio. La sua conoscenza di come l’HIV muta lo ha portato a mettere in discussione la reattività crociata nei vaccini contro il coronavirus.

«Il motivo per cui non abbiamo un vaccino efficace contro l’HIV è che è difficile sviluppare anticorpi reattivi», ha detto Penaloza-MacMaster. “Quindi, abbiamo pensato: ‘E se affrontiamo il problema della diversità del coronavirus (che è fondamentale per lo sviluppo di vaccini globali contro il coronavirus) nello stesso modo in cui affrontiamo lo sviluppo del vaccino contro l’HIV? «

Riferimento: «Immunità protettiva dopo la vaccinazione MERS-CoV e l’infezione da coronavirus» di Tanushri Danji, Nicole Palacio, Sarah Sanchez, Minchul Park, Jake Klass, Lavania Vesvaparathi, Thomas Ciucci, Igor J. Coralnik, Justin M. Rittner e Pablo Benaluza- McMaster 8 ottobre 2021, Journal of Clinical Investigation.
doi: 10.1172/JCI151969

I primi autori dello studio sono Tanushri Danji e Nicole Palacio, entrambi del Penaloza-MacMaster Laboratory.

Il finanziamento per lo studio è stato fornito dal National Institutes of Health (concessione DP2 DA051912-01).