octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un raro fossile di un avvoltoio di 25 milioni di anni che cacciava koala è stato trovato nell’Australia Meridionale

La specie appena scoperta, Archaehierax sylvestris, è uno dei più antichi rapaci simili ad aquile del mondo, secondo uno studio pubblicato lunedì sull’Historical Biology Journal. I paleontologi della Flinders University di Adelaide hanno scoperto il fossile nel marzo 2016 in una remota stazione di bestiame durante una spedizione di ricerca nel lago Binba, nell’Australia meridionale.

Lo studio ha detto che l’avvoltoio Archaehierax è il più grande avvoltoio conosciuto per aver vissuto in Australia durante il periodo dell’Oligocene, che risale a circa 33,9 milioni a 23 milioni di anni fa. Era più piccolo e più agile dell’aquila dalla coda a cuneo, che è il più grande rapace australiano, secondo il Museo dell’Australia occidentale.

Con un piede lungo circa 15 cm (6 pollici), l’aquila avrebbe avuto la capacità di afferrare grandi prede. Lo studio ha affermato che gli scienziati hanno affermato che avrebbero cacciato una specie estinta di koala, che aveva all’incirca le stesse dimensioni di quelle che vivono oggi, così come opossum e altri animali sugli alberi.

“I più grandi predatori marsupiali all’epoca avevano le dimensioni di un piccolo cane o di un grosso gatto, quindi Archaehierax ha certamente dominato il posatoio”, hanno detto in una dichiarazione l’autore dello studio Eileen Mather e un candidato post-dottorato alla Flinders University.

Lo scheletro fossile parziale è costituito da 63 ossa, il che rende Archaehierax sylvestris una delle specie meglio conservate rinvenute intorno al Lago Pinpa. Mather ha detto che la completezza dello scheletro ha permesso ai ricercatori di individuare dove si sarebbe adattato l’albero genealogico dell’aquila.

“Mostrano una gamma di tratti senza pari tra i falchi e gli avvoltoi moderni”, ha detto. “Sembra che fosse il suo ramo unico della famiglia Eagle.”

READ  SpaceX ha avuto problemi a bordo della sua prima crociera. avrebbe potuto essere molto peggio

Le ossa fossili rivelano che le ali della specie erano corte per le sue dimensioni, il che la rendeva estremamente agile e le permetteva di schivare gli alberi durante la caccia. Le sue gambe erano relativamente lunghe, il che le avrebbe dato una grande portata.

Gli scienziati non hanno dichiarato perché o quando la specie si è estinta.

L’ambiente australiano durante l’Oligocene era significativamente diverso da quello di oggi. Lo studio ha detto che il lago Binpa, dove è stato trovato il fossile, era un tempo un lussureggiante ecosistema coperto di alberi e foreste. Oggi è arido, arido e desolato.

È raro trovare anche un solo osso di un’aquila fossile, ha affermato Trevor Worthy, assistente professore alla Flinders University e coautore dello studio. Mather ha aggiunto che ciò è probabilmente dovuto a una serie di motivi, incluso il fatto che le ossa degli uccelli possono essere molto fragili, rendendole facili da rompere.

“Avere la maggior parte dello scheletro è molto eccitante, soprattutto considerando la sua età”, ha detto Worthy.

I ricercatori hanno fatto una serie di scoperte fossili in Australia nel corso degli anni, mettendo in evidenza la diversità delle specie che hanno vagato per la Terra eoni fa.

Recentemente, gli scienziati hanno scoperto che una volta c’era Tipi di “drago” volante che sorse sull’Australia 105 milioni di anni fa. I ricercatori hanno descritto lo pterosauro come una “bestia spaventosa” che si nutriva dei piccoli di dinosauri. nel mese di giugno, Gli scienziati hanno confermato La scoperta del 2007 di uno scheletro fossile nel Queensland è stato il più grande dinosauro in Australia. Il dinosauro, soprannominato “Cooper”, era alto circa due piani ed era lungo quanto un campo da basket.