enero 22, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un portavoce delle forze del Tigray si ritira dalle vicine regioni etiopi

Giovani neoassunti che si uniscono alle forze del Tigray marciano nel villaggio di Nebelet, nel nord del Tigray, in Etiopia, 11 luglio 2021. REUTERS/Julia Paravicini

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

  • Arriva sulla scia di settimane di conquiste territoriali da parte delle forze governative
  • Potrebbe essere un passo verso una tregua dopo 13 mesi di guerra
  • Il TPLF esorta il mondo a garantire che gli aiuti alimentari raggiungano il Tigray

NAIROBI (Reuters) – Le forze del Tigrayan che combattono il governo centrale si stanno ritirando dalle regioni vicine nel nord dell’Etiopia, ha detto lunedì un portavoce delle forze del Tigrayan, nel tentativo di un possibile cessate il fuoco dopo le importanti conquiste territoriali dell’esercito etiope.

La guerra di 13 mesi nel secondo paese più popoloso dell’Africa ha destabilizzato una regione già fragile, ha inviato 60.000 rifugiati in Sudan, ha ritirato i soldati etiopi dalla Somalia dilaniata dalla guerra e ha risucchiato le forze armate dalla vicina Eritrea.

«Siamo fiduciosi che il nostro audace ritiro sarà una conquista decisiva della pace», ha scritto Debretsyon Gebremichael, capo del ribelle Fronte di liberazione del popolo del Tigray, il partito politico che controlla la maggior parte della regione settentrionale del Tigray.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

La sua lettera alle Nazioni Unite chiedeva anche una no-fly zone per gli aerei ostili sul Tigray, un embargo sulle armi all’Etiopia e all’Eritrea, sua alleata, e un meccanismo delle Nazioni Unite per verificare il ritiro delle forze armate straniere dal Tigray, tutte cose richieste il governo etiope. probabile che si opponga.

READ  Il figlio del ministro di stato indiano è stato arrestato dopo che un'auto ha ucciso agricoltori

La portavoce del governo etiope Legisi Tolu e la portavoce del primo ministro Beilin Seyoum non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

Migliaia di civili sono morti a causa del conflitto, circa 400.000 stanno affrontando la carestia nel Tigray e 9,4 milioni di persone hanno bisogno di aiuti alimentari nel nord dell’Etiopia.

Una rara possibilità di pace

Will Davison, analista senior sull’Etiopia presso l’International Crisis Group, ha affermato che la lettera del TPLF rappresenta un'»importante opportunità per i colloqui di pace».

«Ci sono ragioni per credere che questa rara opportunità possa portare a un processo di pace e alla cessazione delle ostilità», ha affermato.

Un importante cambiamento nella posizione del Tigray, ha detto, è stato l’abbandono della loro richiesta di ritiro delle forze ostili dal Tigray occidentale come precondizione per i colloqui di pace, nonché come concessione che potrebbe avvenire come parte di un processo di pace sostenuto a livello internazionale.

Ha detto che qualsiasi richiesta dei tigrini di mantenere intatte le loro forze potrebbe essere difficile da accettare per il governo etiope, ma che potrebbe essere possibile un processo graduale. Ha aggiunto che potrebbero essere in corso altre misure per rafforzare la fiducia, come il rilascio da parte del governo federale dei leader politici imprigionati.

Debrecen ha affermato di sperare che il ritiro dei tigrini dalle regioni di Afar e Amhara costringerà la comunità internazionale a garantire che gli aiuti alimentari entrino nel Tigray. Le Nazioni Unite hanno precedentemente accusato il governo di imporre un blocco di fatto, un’accusa che Addis Abeba ha negato.

«Speriamo che la comunità internazionale faccia qualcosa per la situazione in Tigray con il nostro ritiro poiché non può più usarlo come pretesto per le nostre forze per invadere Amhara e Afar», ha detto Getachew Reda, portavoce del Fronte di liberazione del popolo del Tigray. Reuters lunedì.

READ  Un subacqueo scopre una spada di 900 anni che racconta le crociate

misure di rafforzamento della fiducia

La lettera sostiene anche l’uso di investigatori internazionali per perseguire i responsabili di crimini di guerra.

La scorsa settimana le Nazioni Unite concordato condurre un’indagine indipendente sugli abusi dei diritti in Etiopia, una mossa fortemente osteggiata dal governo etiope, che considera una violazione della sovranità nazionale.

I mediatori internazionali, tra cui l’Unione africana e gli Stati Uniti, hanno ripetutamente cercato di negoziare un cessate il fuoco per consentire gli aiuti nel Tigray, ma entrambe le parti hanno rifiutato a meno che non siano soddisfatte determinate condizioni.

Il conflitto è scoppiato lo scorso anno tra il governo federale e il Fronte di liberazione del Tigray, che ha dominato la politica etiope per quasi tre decenni prima che il primo ministro Abiy Ahmed prendesse il potere nel 2018.

A giugno, i militari etiopi ed eritrei si sono ritirati dal Tigray dopo le notizie di uccisioni di massa di civili, stupri di massa e interruzione delle forniture di aiuti. Il governo ha affermato di aver perseguito singoli soldati anche se non ha fornito dettagli e ha negato di aver negato gli aiuti.

A luglio, le forze del Tigray invasero l’Afar e l’Amhara. L’esercito etiope ha lanciato un’offensiva alla fine di novembre, spingendo indietro di centinaia di chilometri le forze del Tigray.

I giornalisti della Reuters in viaggio verso le città liberate di Amhara hanno visto segni di pesanti combattimenti e la gente del posto ha riferito di abusi come uccisioni e stupri per mano dei combattenti del Tigray. Il TPLF ha detto che qualsiasi soldato condannato sarebbe stato punito.

(Rapporto della redazione di Addis Abeba) Modifica di Mark Heinrich

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.