diciembre 3, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un oggetto spaziale sconosciuto invia segnali radio ogni 18 minuti

L’oggetto spaziale rotante, che è stato avvistato a marzo 2018, emetteva radiazioni tre volte all’ora. In quei momenti, divenne la più luminosa sorgente di onde radio che si potesse vedere dalla Terra, comportandosi come un faro celeste.

Gli astronomi pensano che potrebbe essere il residuo di una stella che sta collassando, una densa stella di neutroni o una nana bianca morta, con un forte campo magnetico, o potrebbe essere qualcos’altro.

Uno studio sulla scoperta è stato pubblicato mercoledì sulla rivista temperare la natura.

«Questo oggetto appariva e scompariva nel giro di poche ore durante le nostre osservazioni», ha affermato in una dichiarazione l’autrice principale dello studio Natasha Hurley Walker, astrofisica presso il Centro internazionale per la ricerca in radioastronomia della Curtin University.

«E ‘stato del tutto inaspettato. È stato un po’ spaventoso per un astronomo perché nulla di noto nel cielo lo fa. Ed è così vicino a noi – a circa 4.000 anni luce di distanza. È nel cortile di casa della nostra galassia».

Tyrone O’Doherty, uno studente di dottorato alla Curtin University, ha fatto una scoperta insolita mentre utilizzava il Murchison Widefield Array Telescope nell’entroterra dell’Australia occidentale.

«È interessante che la fonte che ho identificato l’anno scorso si sia rivelata una cosa strana», ha detto O’Dherty in una nota. «L’ampio campo visivo e l’estrema sensibilità di MWA sono perfetti per scansionare l’intero cielo e scoprire l’inaspettato».

Ciò che resta della morte di un’enorme stella

Gli oggetti spaziali fiammeggianti che sembrano accendersi e spegnersi sono noti come transitori.

«Quando studi i transitori, stai osservando la morte di una stella enorme o l’attività residua che lascia dietro di sé», ha detto in una dichiarazione la coautrice dello studio Gemma Anderson, un’astrofisica dell’ICRAR-Curtin. I «transitori lenti» – come le supernove – possono apparire nel corso di pochi giorni e scomparire dopo alcuni mesi. Transitori veloci «—come un tipo di stella di neutroni chiamata pulsar—che si accende e si spegne in pochi millisecondi o secondi».

READ  Sagitario A*: La primera imagen del agujero negro de la Vía Láctea en las imágenes

Questo nuovo corpo incredibilmente brillante, tuttavia, funziona solo per un minuto ogni 18 minuti. I ricercatori hanno affermato che le loro osservazioni potrebbero corrispondere alla definizione di magnetar con un periodo molto lungo. Le stelle magnetiche di solito brillano al secondo, ma questo oggetto impiega più tempo.

Questa è l'impressione artistica di come potrebbe apparire un oggetto se fosse una magnetar o una stella di neutroni incredibilmente magnetica.

«È il tipo di stella di neutroni a rotazione lenta che teoricamente dovrebbe esistere», ha detto Hurley Walker. «Ma nessuno si aspettava che venisse rilevato in questo modo direttamente perché non ci aspettavamo che fosse così luminoso. In qualche modo l’energia magnetica viene convertita in onde radio in modo più efficace di qualsiasi altra cosa che abbiamo visto prima».

I ricercatori continueranno a monitorare il corpo per vedere se si riavvia e, allo stesso tempo, stanno cercando prove di altre cose simili.

«Più scoperte diranno agli astronomi se questo è un evento raro o una grande popolazione che non abbiamo mai osservato prima», ha detto Hurley Walker.