junio 29, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un oggetto misterioso a 4.000 anni luce dalla Terra rilascia una gigantesca esplosione di energia tre volte all’ora

Un oggetto misterioso a soli 4.000 anni luce dalla Terra rilascia una gigantesca esplosione di energia tre volte all’ora ed è diverso da qualsiasi cosa gli astronomi abbiano mai visto prima

  • Oggetto misterioso diverso da qualsiasi cosa mai vista nello spazio scoperto dagli astronomi
  • L’oggetto «spettrale» è stato osservato rilasciare una gigantesca esplosione di energia tre volte all’ora
  • Per un minuto ogni 20 la scoperta è uno degli oggetti più luminosi nel cielo notturno
  • L’oggetto può essere una stella di neutroni o una nana bianca con un campo magnetico ultra potente


Un oggetto misterioso che si trova a soli 4.000 anni luce dalla Terra è diverso da qualsiasi cosa mai vista prima nello spazio, hanno detto gli astronomi.

Pensano che potrebbe essere una stella di neutroni o una nana bianca – nuclei di stelle collassati – con un campo magnetico ultra potente, noto anche come magnetar.

Mentre ruota nel cosmo, l’oggetto «spettrale» emette un raggio di radiazioni e per un minuto ogni 20 è uno degli oggetti più luminosi nel cielo notturno.

Le osservazioni mostrano che rilascia una gigantesca esplosione di energia tre volte all’ora.

‘Spooky’: un oggetto misterioso che si trova a soli 4.000 anni luce dalla Terra è diverso da qualsiasi cosa mai vista prima nello spazio, hanno detto gli astronomi. Nella foto c’è l’impressione di un artista di come potrebbe apparire l’oggetto se fosse una magnetar, che è una stella di neutroni incredibilmente magnetica

COSA SONO LE STELLE DI NEUTRONI?

Le stelle di neutroni sono i nuclei collassati e bruciati delle stelle morte.

Quando le grandi stelle raggiungono la fine della loro vita, il loro nucleo collasserà, soffiando via gli strati esterni della stella.

READ  Boston prevede di lanciare la propria app per la tessera del vaccino digitale

Questo lascia un oggetto estremamente denso noto come stella di neutroni, che schiaccia più massa di quella contenuta nel sole nelle dimensioni di una città.

Una stella di neutroni in genere avrebbe una massa che è forse mezzo milione di volte la massa della Terra, ma sono larghe solo circa 20 chilometri (12 miglia).

Una manciata di materiale di questa stella peserebbe quanto l’Everest.

Sono molto caldi, forse un milione di gradi, altamente radioattivi e hanno campi magnetici incredibilmente intensi.

Questo li rende probabilmente gli ambienti più ostili dell’Universo oggi, secondo il professor Patrick Sutton, capo del dipartimento di fisica gravitazionale dell’Università di Cardiff.

Gli oggetti densi, in particolare i loro nuclei, sono la chiave per la nostra comprensione degli elementi pesanti dell’universo.

Il misterioso oggetto appena scoperto potrebbe anche essere una magnetar, una stella di neutroni incredibilmente magnetica.

L’astrofisica Dr Natasha Hurley-Walker, della Curtin University, International Center for Radio Astronomy Research (ICRAR) in Australia, ha guidato il team che ha fatto la scoperta.

Il suo team stava mappando le onde radio nell’universo quando si è imbattuto nel potenziale «magnetar».

Ha detto: ‘Questo oggetto stava apparendo e scomparendo nel giro di poche ore durante le nostre osservazioni.

«È stato del tutto inaspettato. Era un po’ inquietante per un astronomo perché non c’è nulla di noto nel cielo che lo faccia.

«Ed è davvero molto vicino a noi, a circa 4.000 anni luce di distanza. È nel nostro cortile galattico.’

Il dottor Hurley-Walker ha aggiunto che le osservazioni corrispondono a un oggetto astrofisico previsto chiamato «magnetar di periodo ultra lungo».

«È un tipo di stella di neutroni che ruota lentamente di cui si prevedeva l’esistenza teoricamente», ha detto.

READ  NASA e USPS: nuovi francobolli celebrano un decennio di osservazione del sole dallo spazio

‘Ma nessuno si aspettava di rilevarne direttamente uno come questo, perché non ci aspettavamo che fossero così luminosi.

«In qualche modo sta convertendo l’energia magnetica in onde radio in modo molto più efficace di qualsiasi cosa abbiamo visto prima.»

Lo studente della Curtin University Honors Tyrone O’Doherty ha scoperto l’oggetto utilizzando il telescopio Murchison Widefield Array (MWA) nell’entroterra dell’Australia occidentale.

Ha detto: «È eccitante che la fonte che ho identificato l’anno scorso si sia rivelata un oggetto così particolare.

«L’ampio campo visivo e l’estrema sensibilità dell’MWA sono perfetti per rilevare l’intero cielo e rilevare gli imprevisti».

Gli oggetti che si accendono e si spengono nell’universo non sono nuovi e gli astronomi li chiamano transitori, con alcuni che compaiono nel corso di pochi giorni e scompaiono dopo alcuni mesi, e altri che lampeggiano in pochi millisecondi o secondi.

Tuttavia, l’astrofisica e coautrice dell’ICRAR-Curtin, la dott.ssa Gemma Anderson, ha affermato che trovare qualcosa che si è acceso solo per un minuto ha reso la nuova scoperta insolita.

Questa immagine mostra la Via Lattea vista dalla Terra.  L'icona a forma di stella mostra la posizione del misterioso oggetto scoperto dagli astronomi

Questa immagine mostra la Via Lattea vista dalla Terra. L’icona a forma di stella mostra la posizione del misterioso oggetto scoperto dagli astronomi

Lo studente della Curtin University Honors Tyrone O'Doherty ha scoperto l'oggetto utilizzando il telescopio Murchison Widefield Array (nella foto) nell'entroterra dell'Australia occidentale

Lo studente della Curtin University Honors Tyrone O’Doherty ha scoperto l’oggetto utilizzando il telescopio Murchison Widefield Array (nella foto) nell’entroterra dell’Australia occidentale

Lei che l’oggetto misterioso fosse incredibilmente luminoso e più piccolo del sole, emettendo il tipo di onde radio che suggerivano che avesse un campo magnetico estremamente forte.

Il dottor Anderson ha aggiunto che «quando si studiano i transitori, si osserva la morte di una stella massiccia o l’attività dei resti che lascia dietro di sé».

I ricercatori stanno ora monitorando l’oggetto per vedere se si riaccende e hanno in programma di cercare minerali di questi oggetti insoliti nei vasti archivi del MWA.

READ  El físico afirma que los datos digitales pueden cambiar la masa de la Tierra en una pequeña cantidad

«Se lo fa, ci sono telescopi nell’emisfero australe e anche in orbita che possono puntare direttamente verso di esso», ha detto il dottor Hurley-Walker.

«Più rilevamenti diranno agli astronomi se si è trattato di un raro evento unico o di una nuova vasta popolazione che non avevamo mai notato prima».

I risultati sono pubblicati sulla rivista Natura.

SKA SARÀ IL TELESCOPIO RADIO PIÙ GRANDE DEL MONDO

Lo Square Kilometer Array (SKA), un progetto congiunto tra Australia e Sud Africa, sarà il più grande radiotelescopio del mondo.

Più sensibile di qualsiasi radiotelescopio attuale, consentirà agli scienziati di studiare l’universo in modo più dettagliato che mai.

Il telescopio sarà posizionato in Sud Africa e Australia, con la sede internazionale situata a Jodrell Bank, nel Regno Unito.

Quasi 200 antenne a media frequenza (inclusa la struttura MeerKAT esistente, lanciata ufficialmente a luglio 2018) saranno ubicate nella regione del Karoo in Sud Africa.

Rappresentazione artistica del nucleo centrale di 5 km di diametro delle antenne SKA (Square Kilometer Array)

Rappresentazione artistica del nucleo centrale di 5 km di diametro delle antenne SKA (Square Kilometer Array)

Circa 130.000 antenne a bassa frequenza saranno installate nell’Australia occidentale.

Entrambi i siti sono lontani da fonti di interferenza di radiofrequenza che consentiranno di effettuare misurazioni molto sensibili.

Lo SKA sarà composto da 2 strumenti, SKA-mid (le antenne) e SKA-low (le antenne).

I segnali delle antenne saranno trasportati tramite fibra ottica a un computer centrale dove saranno combinati utilizzando una tecnica chiamata interferometria.

Allo stesso modo, anche il segnale di tutte le antenne sarà combinato e convertito in dati scientifici che gli astronomi utilizzeranno per studiare l’universo.

Fonte: UKRI

Annuncio pubblicitario