enero 26, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un nuovo studio di un meteorite marziano negli anni ’80 rivela prove di vita antica su questo pianeta | Marte

Un meteorite di quattro miliardi di anni Marte Dopotutto contiene alcuna prova dell’antica vita primitiva marziana, hanno detto gli scienziati.

Nel 1996, un team guidato dalla NASA annunciò che i composti organici nella roccia erano stati lasciati da organismi viventi. Altri scienziati sono stati scettici e ricercatori hanno sfatato questa ipotesi per decenni, più recentemente un team guidato da Andrew Steele della Carnegie Institution for Science.

Steele ha detto che piccoli campioni del meteorite mostrano che i composti ricchi di carbonio sono in realtà il risultato dell’acqua – salata o probabilmente salata – che scorre sulla roccia da molto tempo. I risultati appaiono sulla rivista Science.

Durante il periodo delle piogge di Marte e il primo passato, almeno due impatti si sono verificati vicino alle rocce, riscaldando la superficie circostante del pianeta, prima che un terzo impatto rimbalzasse dal Pianeta Rosso nello spazio milioni di anni fa. La roccia da 4 libbre (2 kg) è stata trovata in Antartide nel 1984.

Secondo i ricercatori, le acque sotterranee muovendosi attraverso le fessure della roccia, mentre si trovava ancora sulla superficie di Marte, hanno formato le minuscole sfere di carbonio che sono presenti. Hanno detto che lo stesso potrebbe accadere sulla Terra e potrebbe aiutare a spiegare la presenza di metano nell’atmosfera di Marte.

Ma due degli scienziati che hanno preso parte allo studio originale hanno contestato queste ultime scoperte, definendole «deludenti». In un’e-mail congiunta, hanno affermato di rispettare le loro note del 1996.

La roccia marziana Allan Hills 84001, scoperta nel 1984, è stata mostrata in una conferenza stampa della NASA nel 1996. Foto: Doug Mills/Associated Press

«Sebbene i dati presentati si aggiungano gradualmente alla nostra conoscenza (meteoretica), la spiegazione non è nuova e non è supportata dalla ricerca», hanno scritto Kathy Thomas Kiberta e Simon Klemet, ricercatori di materiali astronomici presso la NASA Johnson. Vuoto Centro di Houston.

Hanno aggiunto che «speculazioni non supportate non fanno nulla per risolvere il mistero che circonda l’origine della materia organica» nel meteorite.

Secondo Steele, i progressi tecnologici hanno reso possibili le nuove scoperte della sua squadra.
Ha elogiato le misurazioni effettuate dai ricercatori originali e ha notato che la loro presunta ipotesi della vita «era una spiegazione ragionevole» all’epoca. Lui e il suo team – che include scienziati della NASA e scienziati tedeschi e britannici – erano interessati a presentare le loro scoperte «per quello che sono, una scoperta molto eccitante su Marte e non uno studio per confutare» l’ipotesi originale, ha detto.

Steele ha detto in una e-mail, riferendosi agli oceani sotterranei delle lune di Saturno e Giove.

Secondo Steele, l’unico modo per stabilire se Marte ha vita microbica o esiste ancora, è riportare campioni sulla Terra per l’analisi. La perseverante navicella spaziale della NASA su Marte ha raccolto sei campioni da riportare sulla Terra entro un decennio circa; Sono necessarie tre dozzine di campioni.

Dopo milioni di anni alla deriva nello spazio, il meteorite è atterrato su un campo di ghiaccio in Antartide migliaia di anni fa. Il piccolo lotto grigioverde ha preso il nome, Allan Hills 84001, dalle colline in cui è stato trovato.

Proprio questa settimana, un pezzo di questo meteorite è stato utilizzato in un esperimento unico nel suo genere a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Esame di un piccolo microscopio elettronico a scansione del campione. I ricercatori sperano di utilizzare il microscopio per analizzare campioni geologici nello spazio – sulla luna un giorno, per esempio – e detriti che potrebbero distruggere le apparecchiature della stazione o mettere in pericolo gli astronauti.

READ  Un paziente COVID-19 in ospedale a Rapid City condivide la sua storia