diciembre 8, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un gigantesco pesce luna di 4.000 libbre è stato salvato da una rete da pesca al largo della costa spagnola di Ceuta

Il pesce luna gigante è lungo 10,5 piedi e largo 9,5 piedi. Enrique Austal, che guida il laboratorio di biologia marina presso l’Università di Siviglia a Ceuta, ha stimato che pesasse circa 4.400 libbre, sulla base di confronti con altre catture.

«Abbiamo provato a pesarlo, ma avevamo una bilancia da 1.000 chili e, in questo caso, non potevamo usarlo perché stava per cadere a pezzi», ha detto alla CNN in spagnolo.

Austal ha detto alla CNN che il suo gruppo di ricerca ha lavorato con pescatori locali addestrati, che usano reti attaccate alle barche per catturare pesci come il tonno, per quattro anni per studiare. pesce sole. In base alle loro catture, pescatori e ricercatori scelgono ciò che li interessa mentre respingono altre specie in mare. Tuttavia, in questo caso, i pescatori hanno avvisato Austal e la sua squadra, che all’epoca stavano lavorando allo studio delle alghe invasive, di venire rapidamente a vedere l’enorme cattura.

Poiché l’animale era così pesante, i ricercatori hanno usato una gru per sollevarlo dopo averlo isolato in una stanza sottomarina collegata alla barca. Quindi hanno misurato le sue dimensioni e preso foto ravvicinate e campioni di DNA.

«L’abbiamo visto in un libro e in articoli scientifici e, a dire il vero, sono rimasto molto colpito», ha detto Austal. «Soprattutto, devi anche immaginare lo stress del lato in cui siamo in mare, siamo su una barca, l’animale è vivo e dobbiamo superarlo velocemente in mare mentre nessuno si fa male. «

Secondo Austali, mentre un pesce luna è stato registrato in altre parti del mondo di queste dimensioni, altri pescatori e ricercatori non hanno visto un pesce grande vicino al suo centro di ricerca. Il pesce luna aveva la pelle grigio scuro e scanalature arrotondate sui fianchi, il che ha portato Austal a credere che fosse Mola Alexandrini.

READ  L'operazione del Mossad per trovare informazioni sul soldato scomparso Ron Arad è stata un fallimento - rapporti

«Vedo, da un lato, la fortuna di trovarlo e trovarlo vivo, divertirci e nuotare con esso», ha detto. «D’altra parte siamo stati anche fortunati perché le gru erano difficili da maneggiare, perché dobbiamo pensare che eravamo su una barca, che eravamo in mezzo al mare e che poteva sempre capitare un incidente».

Le «Grandi Palle Straniere» dell’oceano

Secondo il dottor Tierney Theis, biologo marino e ricercatore associato presso la California Academy of Sciences, Mola Alexandrini è «veramente una delle più grandi stranezze dell’oceano». Thys ha detto alla CNN in una e-mail che sebbene il suo aspetto esteriore possa sembrare scoraggiante, si muove attraverso l’acqua con aggraziati colpi simili ad ali delle sue lunghe pinne dorsali e anali, come se stesse «volando come un uccello al suo fianco». Mola è l’unico organismo marino conosciuto in grado di generare portanza in questo modo.

Mentre la Mola mola, o pesce luna comune, è stata studiata più estesamente della Mola alexandrini, quest’ultima ha detenuto molti record di misurazione. Secondo Austal, l’Alexandrine Mola ha teste piuttosto potenti, ma manca di pinne caudali.

Secondo Thys, il pesce luna scoperto a Ceuta ha probabilmente più di 20 anni e molto probabilmente una femmina, poiché finora non sono stati trovati maschi più grandi di due metri.

Il peso record mondiale di un pesce luna va a un esemplare giapponese con una lunghezza totale di 272 cm, o circa nove piedi, e che pesa 2.300 kg o 5.070 libbre. Tuttavia, l’esemplare più lungo registrato è di 332 centimetri, o circa 11 piedi, ma non è mai stato ufficialmente pesato.

La mola alessandrina probabilmente si genera vicino alle acque che sono state trovate a Ceuta. Possono anche riprodursi al largo del Nuovo Galles del Sud, in Australia, e si sa che percorrono migliaia di chilometri, anche dalle acque taiwanesi alla Nuova Caledonia.

Secondo Thys, il campo di ricerca del pesce luna oceanico è molto attivo e due anni fa è stata nominata una specie chiamata Mola tecta.

READ  Il capo della COP26 Alok Sharma invita i ritardatari del clima del G20 a "escalation"

Sebbene i ricercatori non sappiano per quanto tempo possa sopravvivere Mola Alexandrini dopo aver trascorso del tempo nella rete, e sanno poco della sua struttura della popolazione o della durata della vita, è grata che il pesce sia tornato sano e salvo nell’acqua quel giorno in cui potevano «mangiare gelatina». Versa l’acqua, (e) vivi la sua vita meravigliosa e scatena la meraviglia e la soggezione di più persone.

Tess ha scritto: «Questo individuo è un formidabile promemoria del fatto che l’oceano del nostro mondo riserva ancora molte sorprese mistiche tra cui giganteschi animali marini che ci fanno ansimare per lo stupore e la soggezione». «I giganti dalla testa grossa come questo pesce luna oceanico possono fungere da potenti ambasciatori per stimolare la nostra curiosità, ispirare una maggiore comprensione e coltivare il desiderio generale di essere migliori amministratori dei nostri ecosistemi marini che sono il sistema di supporto vitale del nostro pianeta».