octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un fossile di aquila spaventoso di 25 milioni di anni fa trovato in uno stato incredibile

Illustrazione di Archaehierax sylvestris, un antico avvoltoio scoperto di recente in Australia.

Jacob Blokland

Gli scienziati hanno scoperto i resti di un antico avvoltoio vicino a un lago secco e arido nell’Australia meridionale. Si ritiene che il maestoso uccello abbia terrorizzato l’erba 25 milioni di anni fa, quando la Terra pullulava di foreste lussureggianti e, dal punto di vista di un’aquila, una preda indifesa.

Il ritrovamento consiste in 63 fossili massicci e ben conservati che includono quasi l’intero scheletro di un’aquila.

Trevor Worthy, paleontologo della Flinders University, coautore dello studio di scoperta pubblicato Lunedì sul Journal of Historical Biology, i fossili sono stati descritti come “affascinanti”.

“È raro trovare anche un solo osso fossile di aquila”, ha detto Eileen Mather, la prima autrice dello studio e dottoranda in paleontologia presso la Flinders University in Australia. “Avere la maggior parte dello scheletro è molto eccitante, soprattutto considerando la sua età”, ha detto Mather.

Le aquile sono in cima alla catena alimentare, alcune predano scoiattoli, cani della prateria e conigli e usano il cielo come rifugio sicuro. “Sono sempre un numero inferiore – e quindi sono raramente conservati come antenati”, ha detto Worthy.

Trovati vicino al deserto Pinpa Lake in Australia, questi abbondanti fossili non sono solo una scoperta rara, ma appartengono anche a uno dei rapaci più antichi e potenti del mondo.

“Questa specie era più piccola e meno agile dell’avvoltoio dalla coda a cuneo, ma è il più grande avvoltoio conosciuto di questo periodo in Australia”, ha detto Mather. La coda a cuneo, o “cunei” come è conosciuta in Australia, è un rapace dalle ali larghe di dimensioni simili all’aquila calva americana (The wedgie, però, Vincerà la battaglia).

Chiamato Archaehierax sylvestris, questo alfa alato preistorico era diverso da qualsiasi famiglia di avvoltoi che conosciamo e aveva un’apertura alare relativamente breve. Ma ha usato questa caratteristica a suo vantaggio.

Una volta, schivò abilmente alberi e rami mentre inseguiva le sue vittime, e si crede che abbia attaccato gli animali in un’imboscata, armata di un enorme piede di circa sei pollici. In cima agli alberi, dicono i ricercatori, il cacciatore piumato ha attaccato koala, opossum e altri animali in via di estinzione.

“I più grandi predatori marsupiali all’epoca avevano le dimensioni di un piccolo cane o di un grosso gatto, quindi Archaehierax ha certamente dominato il posatoio”, ha detto Mather. “Era uno dei più grandi predatori terrestri del tardo Oligocene, predando uccelli e mammiferi che vivevano in quel momento”.

Questa scoperta è un’altra di una recente serie di notevoli scoperte fossili. Altri includono i resti di un rettile uccello preistorico scoperto durante il periodo preistorico Raid della polizia, un antico mostro marino che sembra un Enorme “testa di nuoto”.

READ  Vuoi vivere su Marte? Ecco come potrebbe essere