noviembre 27, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un consulente della NASA si dimette dopo che è stata negata la richiesta di cambiare il nome del James Webb Telescope

Un consulente della NASA ha scritto una lettera lettera aperta martedì sul motivo per cui hanno deciso di dimettersi dopo che l’agenzia ha respinto la richiesta di cambiare il nome del James Webb Space Telescope.

Lucianne Walkowicz, una non binaria, ha scritto che si stava dimettendo «perché il trattamento da parte della NASA delle domande riguardanti James Webb come opzione per nominare la sua prossima grande missione l’aveva resa una farsa. [NASA Astrophysics Advisory] Un comitato».

La lettera è stata inviata anche all’Astrophysics Advisory Committee della NASA.

Una petizione circolata all’inizio di quest’anno chiedendo un cambio di nome al James Webb Space Telescope. Il telescopio prende il nome dall’ex amministratore della NASA James Webb, che ha anche ricoperto una posizione di alto livello presso il Dipartimento di Stato. I critici affermano che ha permesso il licenziamento di dipendenti federali gay e lesbiche, incluso nel caso di Clifford Norton che lavorava per la NASA, NPR.

Gli sforzi per cambiare il nome non hanno avuto successo, con la NASA che ha detto a NPR che dopo aver indagato sul problema, il nome del telescopio non sarebbe stato rinominato.

«Al momento non abbiamo trovato alcuna prova che richieda un cambio di nome per il James Webb Space Telescope», amministratore della NASA Bill NelsonClarence (Bill) William Nelson La NASA non ribattezzerà il James Webb Space Telescope nonostante le polemiche La Federal Aviation Agency (FAA) degli Stati Uniti svela un nuovo sistema per ridurre i tempi per gli aerei per le corsie di taxi. Ha detto ai notiziari radiofonici.

READ  Il rover persistente sta trovando prove di antiche inondazioni su Marte, dicono i ricercatori

Walkowicz – Chi ha Un asteroide che porta il loro nome – Ha detto che la risposta dell’agenzia di non prendere in considerazione la possibilità di cambiare il nome «invia un messaggio chiaro sulla posizione della NASA sui diritti degli astronomi queer. Mi dice anche chiaramente che la NASA non vale il mio tempo».

«Dopo l’ultimo anno e mezzo, abbiamo sperimentato non solo la pandemia, ma anche la lotta nazionale con questioni di razzismo e diritti umani, sbalordisce la mente che la NASA abbia così poche informazioni sul suo coinvolgimento nella repressione sistematica», hanno aggiunto. nella loro lettera. «Cosa significa, ad esempio, per il quartier generale della NASA rinominare il suo titolo in «The Hidden Figures Method», quando la stessa NASA ha nascosto i personaggi di Katherine Johnson, Dorothy Vaughn e Mary Jackson tanto per cominciare?»

Hill ha contattato la NASA per un commento.