enero 28, 2023

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Ultime sulle tensioni Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

video

trascrizione

trascrizione

Blinken chiama la lettera degli Stati Uniti alla Russia un «percorso diplomatico in avanti»

Gli Stati Uniti hanno fornito una risposta scritta alle richieste della Russia nell’Europa orientale, che includevano le loro preoccupazioni per l’escalation delle tensioni militari nella regione.

La Russia aveva precedentemente delineato per iscritto le sue preoccupazioni e proposte. E la scorsa settimana ho detto al ministro degli Esteri Lavrov che gli Stati Uniti avrebbero fatto lo stesso. Oggi, l’ambasciatore Sullivan ha consegnato la nostra risposta scritta a Mosca. Tutto diplomatico, traccia un serio percorso da seguire, la Russia dovrebbe sceglierlo. Il documento che abbiamo consegnato include le preoccupazioni degli Stati Uniti e dei nostri alleati e partner per le azioni della Russia che considerano la sicurezza, una valutazione di principio e pragmatica delle preoccupazioni che la Russia ha sollevato e le nostre proposte per aree in cui potremmo essere in grado di trovare terreno comune. Chiariamo che ci sono principi fondamentali che ci impegniamo a difendere e difendere, compresa la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina, e il diritto degli stati di scegliere i propri accordi di sicurezza e le proprie alleanze. Non rilasceremo pubblicamente il documento, perché pensiamo che la diplomazia abbia le migliori possibilità di successo se diamo spazio a colloqui riservati. Ci auguriamo e ci aspettiamo che la Russia abbia la stessa opinione e prenda sul serio la nostra proposta.

Gli Stati Uniti hanno fornito una risposta scritta alle richieste della Russia nell’Europa orientale, che includevano le loro preoccupazioni per l’escalation delle tensioni militari nella regione.CreditoCredito…Foto della piscina di Brendan Smialowski

Gli Stati Uniti e la NATO hanno dato risposte formali mercoledì alle richieste della Russia che la NATO ritirasse le forze dall’Europa orientale e impedisse all’Ucraina di aderire all’alleanza, nel mezzo dell’escalation delle tensioni militari nell’Europa orientale.

La Russia aveva insistito per settimane affinché gli Stati Uniti fornissero risposte scritte alle richieste del Cremlino prima di decidere sulla sua prossima linea d’azione, pur affermando di non avere piani per invadere l’Ucraina.

Sia il segretario di Stato Antony J. Blinken che il ministero degli Esteri russo hanno affermato che l’ambasciatore americano a Mosca, John J. Sullivan, ha consegnato personalmente la risposta scritta degli Stati Uniti al ministero. Jens Stoltenberg, segretario generale della NATO, ha affermato che anche la NATO ha inviato la sua risposta.

La risposta diplomatica degli Stati Uniti «definisce un serio percorso in avanti, la Russia dovrebbe sceglierlo», ha affermato il sig. Blinken ha detto in una conferenza stampa a Washington. Ha detto che si aspetta di parlare nei prossimi giorni con il suo omologo russo, Sergey Lavrov, una volta che i funzionari russi avranno letto il giornale americano e saranno «pronti a discutere i prossimi passi».

Il documento suggerisce «misure di trasparenza reciproca per quanto riguarda la posizione delle forze in Ucraina, nonché misure per aumentare la fiducia riguardo alle esercitazioni e manovre militari in Europa», ha affermato il sig. Blinken ha detto, così come il controllo delle armi nucleari in Europa.

L’amministrazione Biden ha già avanzato tali proposte, quindi non è chiaro se la risposta degli Stati Uniti avrà alcun effetto sulla crescente crisi dovuta al massiccio accumulo di truppe russe lungo i confini dell’Ucraina.

«Reitera pubblicamente ciò che abbiamo detto per molte settimane», ha affermato il Sig. Sbattere le palpebre.

Sig. Blinken ha affermato che gli Stati Uniti non si sono mossi dal loro rifiuto di considerare l’esclusione della possibilità di una futura adesione dell’Ucraina alla NATO, come ha chiesto il presidente russo Vladimir V. Putin, sebbene il presidente Biden e altri funzionari statunitensi abbiano affermato che ci sono poche possibilità per l’Ucraina potrebbe entrare a far parte dell’alleanza militare in qualsiasi momento.

«Chiariamo che ci sono principi fondamentali che ci impegniamo a difendere e difendere, inclusa la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina e il diritto degli stati di scegliere i propri accordi di sicurezza e alleanze», ha affermato il sig. Blinken ha detto.

La Russia ha anche chiesto agli Stati Uniti di rimuovere le armi nucleari dall’Europa e le truppe e le armi dai paesi dell’ex blocco sovietico che hanno aderito all’alleanza dopo il 1997. Gli Stati Uniti hanno ritenuto queste richieste «non avviate».

Il ministero degli Esteri russo ha confermato che il sig. Sullivan aveva fornito la risposta degli Stati Uniti in un incontro con il viceministro degli esteri, Alexandr V. Grushko. La concisa dichiarazione del ministero non dava alcuna indicazione sul contenuto del documento.

Sig. Blinken ha affermato che la risposta degli Stati Uniti è stata elaborata in stretta consultazione con gli alleati europei. «Non c’è luce tra gli Stati Uniti ei nostri alleati e partner su queste questioni», ha detto.

video

trascrizione

trascrizione

La NATO esorta la Russia a impegnarsi in colloqui mentre le tensioni militari aumentano

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha criticato il continuo rafforzamento militare della Russia lungo i confini dell’Ucraina, ma ha sottolineato che una soluzione diplomatica allo stallo è ancora possibile.

Le tensioni stanno aumentando. La Russia continua la sua formazione militare e vediamo anche più truppe non solo dentro e intorno all’Ucraina, ma ora anche in Bielorussia. Ciò avviene sotto le spoglie di un’esercitazione, ma integra molto le forze russe e le forze bielorusse, e queste sono truppe altamente capaci e pronte al combattimento e che non c’è trasparenza su questi schieramenti. Dimostra che non c’è de-escalation. Al contrario, in realtà sono più truppe, più capacità, in più paesi. Una soluzione politica è ancora possibile, ma poi, ovviamente, la Russia deve impegnarsi in buona fede. Abbiamo fatto le nostre proposte. Stiamo ascoltando: siamo pronti ad ascoltare quelle preoccupazioni russe e impegnarci in sforzi reciproci per trovare una via da seguire.

Caricamento del lettore video
Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha criticato il continuo rafforzamento militare della Russia lungo i confini dell’Ucraina, ma ha sottolineato che una soluzione diplomatica allo stallo è ancora possibile.CreditoCredito…Stephanie Lecocq/EPA, tramite Shutterstock

Sig. Stoltenbeg ha affermato in una conferenza stampa serale che la risposta della NATO alla Russia, come quella americana, conteneva proposte per aree specifiche di negoziazione sul controllo degli armamenti e la trasparenza delle esercitazioni militari e ha suggerito la riapertura degli uffici di collegamento tra la NATO e Mosca.

“Una soluzione politica è ancora possibile», ha detto. «Ma la Russia deve impegnarsi».

Allo stesso tempo, la NATO ha aumentato la disponibilità di una forza di risposta rapida di 5.000 membri, attualmente guidata dalla Francia, in grado di schierarsi rapidamente per supportare i membri dell’alleanza. Sig. Stoltenberg ha notato il continuo accumulo di forze russe vicino all’Ucraina e la cosa più preoccupante, ha suggerito, l’integrazione delle forze russe e bielorusse, «sotto le spoglie di un’esercitazione», con armi sofisticate, inclusi i sistemi di difesa aerea S400.

Gli Stati Uniti non rilasceranno pubblicamente la loro risposta, Mr. Blinken ha detto, aggiungendo che sperava che la Russia avrebbe adottato lo stesso approccio. Non vi è alcuna garanzia che Mosca, nota per le sue tattiche negoziali provocatorie, ascolterà l’appello di Washington.

Sig. Blinken non ha indicato cosa si aspetta dopo dai russi, né quando.

«Sia che scelgano la via della diplomazia e del dialogo, sia che decidano di rinnovare l’aggressione contro l’Ucraina», ha detto, «siamo preparati in ogni caso».

Michael Schwirtz e Steven Erlanger ha contribuito alla segnalazione.

READ  L'ex capo consigliere del primo ministro britannico ha detto che il piano iniziale del COVID-19 è stato un `` disastro ''