noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Twyla Tharp: Ognuna delle danze è la mia speranza per un mondo perfetto

Durante la pandemia, Twyla Tharp ha fatto quello che fa la maggior parte dei coreografi: ha lavorato su Zoom. Tanto. «Per tutto il tempo, mi chiedevo, OK, quando riporteremo i corpi al loro posto reale in tempo reale?» Ha detto in una recente intervista. «E questo non era possibile fino a tempi relativamente recenti».

Ha detto che non si riferiva alle bolle, ma all’afflusso di spettacoli che hanno reso questa stagione autunnale potente come le altre. Ma anche prima che qualcuno potesse prevederlo, era determinata a fare uno spettacolo. E così a 80 anni, Tharp ha usato quello che aveva: un compleanno eccezionale.

«Abbiamo usato la mia vita la sera», ha detto con una risata. «Sai, non mi vergogno. Qualunque cosa prenda, qualunque cosa costi. È quello che ho fatto. Niente di nuovo lì. «

cosa o cosa? egli è Nuovo è il programma che hai creato. Sebbene Tharp abbia svolto serate di lavoro negli ultimi anni, nessuna si è sentita così commovente e spigolosa, affascinante e saggia nella loro fusione di passato e presente, come «Twyla Now», che lei rivelerà in Il centro di New York inizia mercoledì. Sono le danze giuste, i ballerini giusti, il momento giusto.

Il cast comprende membri di Alvin Ailey American Dance Theatre, American Ballet Theatre e New York City Ballet, insieme a sei ballerini di età compresa tra 14 e 21 anni, che rappresentano il futuro di Tharp, così come tutti i ballerini più giovani. Li ho trovati su internet. quando Savannah Christish, la ballerina più giovane e in competizione, ha ricevuto all’improvviso un’e-mail da Tharp, che le preparava la borsa proprio in quel momento. «È una leggenda vivente», ha detto Christish, che vive a Las Vegas. ho cambiato il ballo Data. «

Selvaggia ma meticolosa, Kristiche ha un Tharbi deciso a ballare. Ti piace sentirti libero. Sa che molti ballerini più giovani si preoccupano di come appaiono agli altri quando si muovono; non lei. «Faccio quello che penso funzioni per me, e lei è una grande ispirazione in questo», ha detto Kristich di Tharp.

Il cast più giovane si unisce ai professionisti nell’ultimo ballo dello spettacolo, «All In», la prima di Brahms, dove i momenti del lavoro precedente dello spettacolo – tre duetti – fluttuano dentro e fuori come frammenti di una coreografia fantasma. Frasi del passato si mescolano a frasi del presente in una conquista controstrutturale.

READ  La famiglia delle vittime dell'Astroworld Fest istituirà una borsa di studio a suo nome

È la firma di Tharp, ma è anche il suo modo di dire che passato e presente sono entità uguali. «Cercherò solo di ricominciare da capo», ha detto, «senza tornare alle fondamenta che ho già».

Per il software, inizi con l’attività che ha già, una specie di. Il primo dei tre è il più ovvio: il vivace «Cornbread», un duetto del 2014, ballato da Tyler Beck e Roman Mejia del New York City Ballet e sulle note della banda d’archi Carolina Chocolate Drops. È una grande dimostrazione di velocità audace e musica frizzante.

«Tutti stanno andando, lei è pazza», ha detto Tharp. «Era la fine, giusto? Quando apriamo con la fine? Cosa farai dopo?»

La risposta arriva in una coppia di danze che ricreano antiche coreografie in modi nuovi. Per il nuovo «secondo duetto», ballato da James Gilmer e Jacqueline Harris di Ailey, la Tharp ha scoperto le improvvisazioni che aveva eseguito con Kevin O’Day nel 1991, quando si dedicava all’allenamento con i pesi.

Messo in musica da Thomas Larcher, «Second Duet» richiede una forza e una sicurezza inquietanti: un’esibizione di sollevamenti e discese che i ballerini sembrano inventare sul momento. Nelle scale superiori, una donna, lungi dall’essere passiva, fa affidamento sulla forza nella parte superiore della schiena per sostenere il suo peso. Vedi lo sforzo e la lotta, ma c’è anche qualcos’altro in gioco.

Per Tharp, dopo lo sport d’élite di «Cornbread», la nuova danza «mostra ciò che serve per essere umani», ha detto. «Cercare di definire te stesso in relazione a un’altra persona è ciò di cui tratta l’intero duo – che è, in effetti, ciò di cui tratta tutto il binario».

Gilmer e Harris hanno trascorso mesi a imparare il movimento da filmati d’archivio. Inizia come un combattimento e diventa più giocoso nel tempo – ma anche più languido mentre i ballerini portano avanti la loro conversazione abbandonando, catturando, sostenendo e controllando – i principi della danza moderna. «Si tratta di abbattere i muri e togliere gli strati in modo da poter essere più onesti», ha detto Harris.

«Pergolisi» È un tipo diverso di esperienza. Per questo, Tharp ha preso un duetto che ha disegnato per se stessa e Mikhail Baryshnikov nel 1992, e lo ha messo su Robbie Fairchild, l’ex manager della città di balletto e candidato a Tony per guidare il musical di Broadway. «Un americano a Parigi» e Sarah Mearns, la direttrice del City Ballet nota per essersi estesa oltre il balletto. (Durante il programma, Mearns si esibisce con scarpe da jazz, scarpe da punta e scarpette da ballo, una corsa atletica forte, dice Tharp.)

READ  Il chitarrista si dimette dai Mumford & Sons per parlare liberamente di politica

Ci sono vicissitudini. Uno è che imparano la danza – che non viene eseguita esattamente allo stesso modo – da un video di una particolare esibizione. L’altro è che Fairchild danzerà la parte di Tharp mentre Mearns assumerà il ruolo di Baryshnikov.

«È il ritorno dei fantasmi, vero?» Tharp ha detto durante una recente prova mentre osservava Fairchild e Mearns.

Inizialmente, la possibilità che uno di questi fantasmi – Baryshnikov – diventasse spaventoso per Mearns. «Ero come, cosa o cosa?? ‘ Ha detto. ‘Non c’è modo di farlo. Siamo onesti qui. Nessuno può essere Misha. Nessuno. È single da una vita. Ma ancora una volta, mi conosci: non direi mai di no».

In un duo – competitivo, divertente, laborioso – i due ballerini non si toccano mai. «In un certo senso è androgino», ha detto Mearns. «Quando guardi il video della performance, non è maschio, è femmina. Sono due persone follemente indipendenti che fanno il loro lavoro.»

Ha detto che non guarda Tharp quando studia il video, solo Baryshnikov, la cui «abbondanza di potere non ha eguali». «Era molto fuori e assolutamente nulla è stato fermato. Era come se fosse dritto per tutto il tempo. Non c’erano oscillazioni avanti e indietro, senza braccia che volavano via. Ed è stato difficile per lui farlo Non essere. Il mio posto preferito è spento”, ovvero le piace perdere l’equilibrio, trasformando una posa apparentemente statica in movimento.

Da parte sua, Fairchild sente un’affinità con Tharp. Come ha detto, «Siamo nel mondo del balletto, ma adoriamo ballarlo».

Nel duo, sente il suo cambiamento fisico una volta che inizia a ballare; Restringendo il busto, cerca di diventare lei. «È anche interessante pensare a chi sei – come pioniere, come coreografo in un mondo di uomini», ha detto Fairchild. «Sono i piccoli fuochi d’artificio che è appena uscita per apporre all’uomo, e balla accanto alla più grande ballerina di tutti i tempi. Il mondo che si è creata era così sfuggente».

Duro lavoro «pergolesi». In un assolo, Fairchild esegue la versione improvvisata di Tharp di ciò che ha appena visto ballare Baryshnikov. In un altro passaggio, Mearns fa riferimento a ruoli del repertorio classico di Baryshnikov, e questo espande ulteriormente l’esperienza del genere: qui, non sta solo ballando la parte dell’uomo, sta ballando le parti maschili del roster del balletto classico.

READ  Riot ha creato alcuni fantastici ritmi per i creatori su cui eseguire lo streaming

Può creare confusione. Durante l’allenamento, Fairchild era bloccato. «Cosa diciamo qui?» Tharp ha chiesto di un momento di energia inferiore al solito.

Ha detto: «Diciamo stand». «L’uomo è esausto.»

L’uomo è Mearns – significa Baryshnikov. A questo punto è morto. «Vieni e in realtà hai un minimo di compassione. Così piccolo! Ma hai un piccolo tocco di simpatia qui. «

Mearns scoppiò a ridere. Ti piace come nella danza, l’ultima parola per Tharp – ora Fairchild -. «Ho finito e penso che finirà, ma poi andrà avanti», ha detto Mearns in seguito. «Penso che sia lei ha, Giusto? È così Mio Balla, ho fatto questo.

Pur mostrando un’altra visione della partnership – per molti versi, il programma è anche uno studio di quella – «Pergolesi» fa parte di un quadro più ampio: la diversità trovata nella visione di Tharp. «Lavori avanti e indietro tra tutte queste differenze: diversità etnica, diversità sessuale, genere, stile e arrivi a un punto comune», ha detto. «E questo, per me, è sempre stata una parte importante di ciò che fanno le danze. Sono una dichiarazione sociale di possibilità e inclusione».

Come comprendiamo e vediamo le cose? Quando così tanti stili di danza diversi convivono sul palco – Tharp è stato il primo coreografo a creare incroci di balletto, mescolando il balletto con la danza moderna – cosa è stato creato? Tutto si riduce al suo messaggio per la serata e a quello che stava cercando di dire fin dall’inizio, quando negli anni ’70 ha lavorato a stretto contatto con un gruppo di donne di diverse dimensioni e forme, con background di danza diversi e di culture diverse.

«Riguarda la comunità», ha detto. «Ognuno dei balli è la mia speranza per un mondo perfetto in cui le persone possano effettivamente connettersi, comunicare, crescere insieme, lavorare insieme e rispettare insieme. Maggiore è la diversità, più ampia è la portata, più felice è il mondo. Cosa c’è di nuovo qui? Ecco cosa ballare fa.»