noviembre 27, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Toyota vince il Bahrain in 8 ore mentre la lotta per il titolo GTE Pro finisce in modo controverso

Questa sera in Bahrain Toyota ha conquistato di nuovo il secondo posto nella classe Hypercar di Le Mans, chiudendo una stagione perfetta in cui l’OEM giapponese, con le sue nuove GR010 HYBRID, ha vinto ogni gara. Nonostante ciò, c’era molta eccitazione e molti spunti di discussione mentre la stagione volgeva al termine.

Il più grande titolo di corse è arrivato con GTE Pro. I titoli dei piloti e dei costruttori sono stati decisi in circostanze controverse, dopo un duello porta a porta tra le vetture del titolo di Porsche e AF Corse. Dopo una noiosa e prevedibile gara di sei ore lo scorso fine settimana, questa volta è stata una resa dei conti drammatica, con combattimenti in pista, scommesse strategiche, lotte dell’ultima ora, polemiche e un risultato che al momento non ci lascia sapere. Scrivi, se l’indirizzo è deciso.

Cominciamo prima con la scena. Il cambio del saldo dei pagamenti in vista della gara dello scorso fine settimana è costato alla Ferrari la possibilità di vincere, almeno a un ritmo veloce. La coppia di 488 del team è arrivata terza e quarta. Questo e la pole numero 92 di ieri significano che la migliore coppia di piloti si avvia alla gara finale a parità di punti. L’adeguamento del BoP, per la Ferrari, prima della fine, ha significato che sarebbe stata una lotta di squadra oggi tra James Calado e Alessandro Pier Guidi al numero 51, e Kevin Estre e Neel Jani (assieme a Michael Christensen per questa gara) al numero 92.

Si preannunciava la pista fin dal primo giro, con le due vetture in gara incollate insieme per quasi tutta la gara, con le pole position scambiate nove volte durante le sette ore di gara. Nell’ultima ora, era chiaro che una battaglia finale sulla strada giusta sarebbe stata risolta. La scommessa strategica di entrambe le squadre ha creato una situazione sconcertante: l’equipaggio di AF Corse al muretto dei box ha deciso di cambiare le gomme posteriori solo alla penultima sosta al numero 51, mentre Porsche ha raddoppiato il suo set finale per ottenere la posizione in pista con il numero 92. ha lasciato Christensen (che si fidava di portare l’auto alla bandiera) davanti e la sua missione di respingere Pierre Guidi. L’italiano è arrivato gradualmente, in attesa di un passo avanti nella gara. Ma il duo si è riunito quando sono stati giocati dall’ORECA dello United nell’angolo finale a 12 minuti dalla fine e Pierre Guidi Christensen ha approfittato della corsa.

Questo ha dato al Numero 51 il vantaggio e ha spinto un’indagine. I padroni di casa hanno subito ordinato a Pier Guidi di tornare indietro, ma mentre rallentava per far passare Christensen, Dane ha abbassato la Porsche per un’ultima raffica. Questo ha impedito a Pier Guidi di riprendersi il posto, e ha continuato a fare una raffica da solo nel giro successivo.

Dopo essersi fermato, Pier Guidi ha corso di nuovo davanti a Christensen e ha optato per non riprendere la posizione negli ultimi minuti, chiudendo con 3,2 secondi di vantaggio sul #92, conquistando il titolo piloti e vincendo anche il titolo ufficiale Ferrari. Alla fine ha prevalso la confusione, con Pierre Guédi a fare il panino vittorioso, mentre l’equipaggio della Porsche nella corsia dei box è rimasto stordito poiché AF Corse ha deciso di non cedere il comando.

READ  DairyCorf 'Deceitful Wing' incoraggia l'assalto dell'FC Tucson | FC Tucson

Prima del podio, Gianni ha parlato con Pierre Guidi e poi si è rifiutato di alzare il cappello sul podio per l’inno nazionale italiano. È stata una fine caotica della stagione, per non dire altro. Allo stato attuale, Pier Guidi e Calado sembrano aver vinto il titolo, ma le cose potrebbero cambiare se i padroni di casa decidessero di intraprendere ulteriori azioni.

Pierre Guede ha dichiarato: «Capisco che non vorremmo vedere così la fine della gara, ma non ho potuto fare nulla. Sono stato bloccato, ha frenato molto forte, non mi aspettavo nulla. Aspettavo sostituire, ma lui è rientrato, non ho potuto fare nulla. «Non ho potuto davvero fare nulla. Mi dispiace per loro, ma non ho potuto fare nulla».

Toyota chiude l’anno alla grande e Nakajima si inchina con stile

Nella classe Hypercar di Le Mans in questa classe, primo è stato il team n. 7 che ha conquistato il titolo piloti con cinque punti dopo un duello durato una stagione con la vettura gemella. Jose Maria Lopez, Mike Conway e Kamui Kobayashi non hanno sbagliato in questa partita ed erano relativamente a loro agio nel finire secondo. Sono andati incontrastati da Alpine, e non erano sotto pressione per battere il n. 8, che ha corso sia in testa che in via con un piccolo problema alla trasmissione. È stato un viaggio facile.

«Doppio campione di Le Mans quest’anno, è davvero una grande stagione. Congratulazioni anche a Car 8, hanno combattuto duramente fino in fondo», ha detto Mike Conway, dopo che lui e i suoi compagni di squadra hanno vinto il loro primo titolo nella classe Hypercar di Le Mans.

La seconda storia è stata la vittoria di Kazuki Nakajima nella sua ultima gara come pilota ufficiale Toyota al WEC. Il pilota giapponese di 36 anni, che si sta allontanando dal suo ruolo per trascorrere più tempo con la famiglia, ha avuto una carriera di grande successo da quando è entrato a far parte del programma di auto sportive della Toyota. Tre vittorie complessive a Le Mans, un titolo WEC e la 17esima vittoria assoluta di oggi, hanno coronato una carriera impressionante.

«È stato un bel traguardo. È stata una gara dura per noi, ma questa settimana abbiamo avuto più ritmo rispetto alla scorsa settimana. Sono davvero felice di far parte di questa squadra e sono davvero felice di vincere alla fine,» Nakajima ha detto dopo la gara.

READ  Voci commerciali MLB: i Blue Jays acquisiscono Cory Dickerson in un accordo a quattro giocatori con Marlins

Per le Alpi è stata una giornata indimenticabile. Dopo che Nicolas Lapierre ha preso il comando dall’interno alla curva 1 all’inizio, sembrava che la squadra francese avrebbe potuto premere per la vittoria. Ma un problema di selezione delle marce più avanti nell’ora di apertura ha costretto Lapierre a effettuare riparazioni che sono costate alla squadra cinque giri e nessuna possibilità di capovolgimento. Invece di sfidare la Toyota, Lapierre, Andre Negrau e Mathieu Växvier hanno trascorso il resto della gara combattendo contro il gruppo, finendo al quarto posto nella classifica generale.

La prima stagione del sogno di WRT si conclude con un’altra vittoria

Il team belga WRT ha dominato la LMP2 e l’ha vinta. Charles Millesi, Ferdinand Habsburg e Robin Frijns hanno preso d’assalto alla fine della terza ora, e da lì la fila del campo si è girata di nuovo. Con la terza vittoria consecutiva, il trio è stato incoronato campione nella prima impressionante stagione WEC del WRT. Ciò non dovrebbe sorprendere, tuttavia, poiché il team Vincent Vosse ha un’ottima reputazione, costruita su gare e titoli vinti in tutta Europa nelle corse GT.

Sul retro, è stata una battaglia fino al traguardo, con il #28 JOTA ORECA che si è aggiudicato il secondo posto, ma solo dopo che Antonio Felix da Costa ha fatto una mossa audace all’interno di Tom Blomqvist nella vettura gemella per finire secondo a pochi minuti dal traguardo.

Un tuffo di da Costa ha regalato ad Anthony Davidson il secondo posto nella sua ultima gara da pilota professionista. Davidson piange in lacrime alla sua ultima gara, e l’ultimo stint al volante dopo una lunga carriera segnata da stint in Formula 1 e come pilota ufficiale nelle corse di auto sportive con Peugeot e Toyota.

«È emozionante, è strano perché la gara è in corso e siamo in lotta», ha detto Davidson dopo il suo ultimo stint nella seconda metà della gara. «Ma ho amato ogni minuto del doppio compito, ci è voluto ogni momento. Ogni volta che sovrasterzo e mi fermo ho pensato ‘Non me lo perderò’, poi ogni volta che mi sono fermato in un angolo ho pensato ‘I ‘Mi mancherà.’ Non è affondato. ‘Ci saranno lacrime.’

United Autosports è andato vicino al podio, ma dopo essere salito in pole position venerdì, Felipe Albuquerque, Fabio Scherer e Phil Hanson hanno dovuto finire al quarto posto, finendo pochi secondi dietro al 28° posto sul podio Jota n.

Il Racing Team Nederland, che come al solito ha lanciato un gatto tra i piccioni nell’ora di apertura con un marchio Giedo van der Garde in testa, è arrivato quinto e ha portato a casa il titolo LMP2 Pro/Am. Un vero traguardo per Frits van Ered, che in questa stagione ha tenuto testa alla corsa al titolo.

«È incredibile», ha esclamato Van Erd. «Non posso crederci. Sono così felice, non potrei essere più felice. Ho bisogno di molti drink, immagino!»

READ  Detroit Tigers SP Tarik Skubal si occupa di spazzare via gli Yankees

I problemi di TF semplificano la vita ad AF Corse in AM

Il titolo GTE Am è stato deciso prima dell’inizio della gara. TF Sport aveva bisogno di un grosso colpo e di un po’ di sfortuna per colpire AF Corse per strappare il titolo, ma due collisioni hanno messo a tacere Ben Keating e la sfida dei suoi compagni di squadra. Il primo è arrivato al primo giro alla curva tre, quando Paul Dallas ha chiamato Lana all’Aston Keating 98, cosa che i texani pensavano di non avere modo di evitare.

«Inizi la gara fianco a fianco, andiamo alla curva 1 fianco a fianco, non so perché Paul pensava che sarebbe stata una fila singola alla curva tre», ha detto Keating. «Pensava di poter andare in cima senza che io fossi lì. Si è girato verso di me, non ho potuto salvare, è stato un colpo davvero duro, la gomma anteriore contro la gomma posteriore, le ha fatte esplodere entrambe, ci siamo fatti rotolare entrambi. È un altro occasione mancata, molto deludente, spero che non succeda, ma non c’è niente che possa fare».

Lo sciopero ha costretto entrambe le vetture a fermarsi ulteriormente. Quel ritardo era già abbastanza grave, ma più tardi nella gara Keating si ritrovò di nuovo nelle guerre mentre cercava di combattere. Questa volta è stato Keating a commettere l’errore, colpendo la Ferrari #54 AF Corse di Thomas Floor in T1, rompendo la cremagliera dello sterzo, spingendo la macchina nel box e ritirandosi.

Ciò ha reso la gara finale relativamente facile per l’83° equipaggio, che nonostante i problemi di TF Sport a consegnare loro il titolo con il DNF, ha prodotto la campagna dei campioni, rivendicando la vittoria in uno scontro a testa in giù nella GTE Am tra diverse vetture.

«E’ stata la stagione perfetta, abbiamo vinto quattro gare su sei e abbiamo chiuso con molti punti», ha detto allegro Perrodo, che ora ha tre titoli all’attivo. «È stato fantastico. Guidare con Alessio e Niklas è un sogno. Non vediamo l’ora di passare alla LMP2 il prossimo anno, sarà una nuova sfida. Ma per ora stiamo risucchiando ogni minuto».

Dietro alla #83, dopo una battaglia quasi prolungata con Cetilar Ferrari seduto in curva, la #77 Dempsey Proton Porsche è arrivata seconda, davanti alla #56 Project 1 Porsche che ha ottenuto il decimo posto. Setelar Ferrari, dopo aver conquistato il primo posto e condotto gran parte della gara, non avrebbe dovuto finire sul podio, e l’equipaggio italiano è arrivato a casa al quarto posto.

La stagione agonistica è finita per i team WEC, ma c’è ancora una pista da seguire, con i test da rookie post-season previsti per domani al Bahrain Circuit.