enero 28, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Thompson-Herah, Warholm nominato atleta dell’anno

LONDRA (Reuters) – La giamaicana Elaine Thompson-Hera e il norvegese Carsten Warholm hanno vinto il premio di atleta mondiale dell’anno mercoledì dopo aver prodotto una straordinaria performance alle Olimpiadi e oltre.

Thompson-Hera è diventata la prima donna a vincere due sprint olimpici consecutivi quando ha detenuto i titoli dei 100 metri e dei 200 metri a Tokyo e ha coronato gli indimenticabili Giochi con una medaglia d’oro nella staffetta 4×100 m. Il suo tempo sui 100 metri di 10,61 secondi e il suo tempo sui 200 metri di 21,53 è stato il secondo più veloce della storia.

Dopo le Olimpiadi, ha segnato 10,54 a Eugene, sede dei campionati del mondo del prossimo anno, avvicinandosi a quello che sembrava essere un punteggio intoccabile di 10,49 segnato da Florence Griffith Joyner nel 1988.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Spinta da un ritorno alla piena forma fisica e da enormi miglioramenti nella tecnologia delle scarpe, la 29enne ha affermato di avere questo marchio in mente.

«Lo prendo anno dopo anno, e penso di averne di più», ha detto a Sebastian Coe il presidente della squadra mondiale di atletica leggera dopo aver ricevuto il suo premio a Monaco. «Mi sono avvicinato molto al record del mondo, quindi tutto è possibile. Non ci sarà ancora l’attaccatura dei chiodi.

«L’Oregon è vicino a casa e spero di trovare dei fan lì. Questo non può accadere a Tokyo, ma spero che i miei amici e la mia famiglia siano lì a Eugene per tifare per me».

Warholm aveva solo una gara su cui concentrarsi, i 400 m ostacoli, ma ha preso il pieno comando dell’evento in un anno fantastico quando ha battuto due volte il record del mondo e ha vinto l’oro olimpico in una delle più grandi gare di tutti i tempi.

READ  Cronologia delle scelte di college football: pronostici vs spread, quote per le 25 migliori partite di oggi nella settimana 3

Warholm stava per vivere un anno impressionante sulla scia della sua prima gara quando alla fine ha battuto il record mondiale del 1992 stabilito dall’americano Kevin Young di 46,78 in 46,70 a casa a Oslo.

Ma quel tempo è stato cancellato nella finale olimpica di Tokyo, quando ha segnato un inimmaginabile 45,94. L’americano Ray Benjamin è arrivato secondo con un tempo di 46.17, che è anche all’interno del precedente record mondiale, e la brasiliana Alison dos Santos è stata la medaglia di bronzo nel tempo di Young di 46.72.

«Siamo rimasti senza parole a causa della tua corsa», ha detto Coe mentre consegnava il premio. Warholm, 25 anni, ha risposto: «Sono molto contento di questo. Quando l’ho visto la prima volta ho pensato che fosse un errore. È stata una gara molto intensa, andando sempre duro e senza mai sapere cosa stava succedendo dietro di me.

«Quando ho capito il tempo ho pensato che ne avrei approfittato».

Il premio per l’ispirazione è andato al Qatar Moataz Issa Barshim e all’italiano Gianmarco Tampere, che hanno condiviso il podio alle Olimpiadi di Tokyo quando Barshim ha chiesto ai funzionari «Possiamo ottenere due medaglie d’oro?»

Quando il funzionario ha annuito in senso affermativo, i due atleti, entrambi rientrati da gravi lesioni al tendine d’Achille, sono esplosi in festa.

Il campione olimpico statunitense degli 800 metri Athing Moe ha vinto il premio Rising Star, mentre il collega americano Aeron Knighton, il 17enne velocista americano, che ha battuto il record mondiale under 20 di Usain Bolt ed è arrivato quarto nella finale olimpica, ha vinto il premio maschile.

(Segnalazione di Mitch Phillips; Montaggio di Toby Davies)

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.