septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Studio: il recupero da COVID ha dato agli israeliani una difesa più duratura rispetto ai vaccini

Una nuova ricerca israeliana suggerisce che l’immunità naturale all’infezione da coronavirus ha fornito agli israeliani una protezione a lungo termine contro la variante delta di due colpi del vaccino Pfizer somministrato all’inizio di quest’anno.

Lo studio, condotto da McCabe Healthcare, ha esaminato le persone che avevano ricevuto due iniezioni del vaccino entro la fine di febbraio o che erano risultate positive al COVID-19 per allora.

Ha confrontato 46.035 membri di McCabe che hanno contratto il coronavirus ad un certo punto durante la pandemia e lo stesso numero di persone che hanno ricevuto la doppia vaccinazione.

Secondo la ricerca, le persone che hanno ricevuto due vaccini avevano una probabilità sei volte maggiore di contrarre il deltavirus rispetto ai pazienti che non erano stati vaccinati ma avevano precedentemente avuto la MERS.

studiando, Inserito online Ma non ancora recensito, è il più grande del suo genere. Non tiene conto delle iniezioni di richiamo – che ora sono ampiamente somministrate in Israele – ma dato che la maggior parte del mondo offre ancora un regime a due dosi, ha un significato internazionale.

Ma gli esperti sottolineano che i risultati non devono essere interpretati come scoraggianti vaccinazioni. L’immunologo professor Cyril Cohen della Bar Ilan University, che non è stato coinvolto nello studio, ha dichiarato al Times of Israel: “Alcune persone che non sono inclini a vaccinare potrebbero sbagliarsi e pensare che questo significhi che è meglio ammalarsi in anticipo e non ottenere un vaccino. Tale pensiero è sbagliato. In termini medici, i risultati dello studio non significano che le persone dovrebbero esporsi intenzionalmente e ammalarsi.

READ  Provincetown ha un nuovo mandato per la maschera per interni a causa del cluster COVID-19

“Come con altre malattie, è più sicuro farsi vaccinare e prevenire il COVID-19, una malattia che mette a rischio il ricovero in ospedale, la morte e gli effetti a lungo termine”.

Un uomo riceve un vaccino a Gerusalemme, 24 agosto 2021 (Yonatan Sindel/Flash90)

Nei due gruppi si sono verificati 748 casi di superinfezione da SARS-CoV-2, di cui 640 nel gruppo vaccinato e 108 nel gruppo precedentemente infetto, che dipendeva dalla sola immunità naturale.

Le persone dipendenti dal vaccino avevano una probabilità sette volte maggiore di sviluppare sintomi e una probabilità 6,7 volte maggiore di essere ricoverate in ospedale.

Inoltre, un campione di 16.215 persone infette durante la terza ondata di Israele a gennaio e febbraio 2021 è stato confrontato con un numero simile di persone vaccinate durante quel periodo. Il contrasto tra questi due gruppi era ancora più netto: Delta ha dimostrato di avere una probabilità 27 volte maggiore di penetrare la protezione del vaccino da gennaio e febbraio e causare sintomi rispetto a penetrare l’immunità acquisita naturale nello stesso periodo e causare sintomi.

Il team Magen David Adom testa gli israeliani per COVID-19 in un complesso di test rapido dell’antigene a Glilot, 12 agosto 2021 (Olivier Fitoussi/Flash90)

Lo studio ha anche scoperto che quando i pazienti si riprendevano, aumentavano la loro protezione naturale con un singolo vaccino, come raccomandato dai funzionari sanitari israeliani, la loro protezione raggiungeva nuovi massimi e avevano quasi la metà del rischio di contrarre altri pazienti guariti.

Lo studio ha suggerito che “gli individui che sono stati precedentemente infettati da SARS-CoV-2 e hanno ricevuto una singola dose del vaccino hanno ottenuto una protezione aggiuntiva contro la variante delta”.

READ  Medici e funzionari sanitari affermano che gli ultimi pazienti ospedalieri Covid-19 non sono stati vaccinati e sono sempre più giovani

“La protezione a lungo termine fornita da una terza dose, somministrata di recente in Israele, è ancora sconosciuta”.

Gli autori, guidati dal Dr. Sevan Gazit, vicepresidente del braccio di ricerca McCabe, notano che il loro studio è importante per prendere un ampio lasso di tempo e utilizzare un ampio campione di dati. Hanno scritto: “La nostra ampia coorte, resa possibile dal rapido lancio da parte di Israele di una campagna di vaccinazione di massa, ci ha permesso di indagare sul rischio di ulteriori infezioni – sia l’infezione da penetrazione in individui vaccinati sia la reinfezione in persone precedentemente infette – per un periodo ancora più lungo. di tempo. .descrizione lontana.”

Cohen ha detto dello studio: “I dati presentati sono importanti e possono tracciare una sorta di gerarchia immunitaria. Dal più protetto al meno, c’è convalescenza, convalescenza, poi vaccinazione, e poi le persone che scelgono di non essere vaccinate, sono più a rischio.”

Crisi climatica e giornalismo responsabile

In qualità di corrispondente ambientale per The Times of Israel, cerco di trasmettere i fatti e la scienza alla base del cambiamento climatico e del degrado ambientale, di spiegare – e criticare – le politiche ufficiali che influenzano il nostro futuro e di descrivere le tecnologie israeliane che possono far parte della soluzione .

Sono appassionato del mondo naturale e sono scoraggiato dalla triste mancanza di consapevolezza delle questioni ambientali che mostra la maggior parte del pubblico e dei politici in Israele.

Sono orgoglioso di fare la mia parte per informare adeguatamente i lettori di Times of Israel su questo argomento vitale, che può influenzare il cambiamento delle politiche e che può effettivamente accadere.

READ  Lo studio sui criceti del National Institutes of Health valuta la trasmissione aerea di SARS-CoV-2

Il tuo supporto attraverso l’adesione a La comunità di Times of IsraelPossiamo continuare il nostro importante lavoro. Vuoi entrare a far parte della nostra community oggi?

Grazie,

Sue Surkisgiornalista ambientale

Unisciti alla community di Times of Israel

Unisciti alla nostra community

sei già un membro? Accedi per non vederlo più

sei serio lo apprezziamo!

Ecco perché veniamo a lavorare ogni giorno – per fornire ai lettori più esigenti come te una copertura imperdibile di Israele e del mondo ebraico.

Finora abbiamo una richiesta. A differenza di altre testate giornalistiche, non abbiamo messo in atto un paywall. Ma poiché il giornalismo che facciamo è costoso, invitiamo i lettori che The Times of Israel è diventato importante per aiutare a sostenere il nostro lavoro unendosi La comunità di Times of Israel.

Per soli $ 6 al mese, puoi aiutare a sostenere il nostro giornalismo di qualità mentre ti godi The Times of Israel Annunci gratuiti, così come l’accesso a contenuti esclusivi disponibili solo per i membri della comunità di Times of Israel.

Unisciti alla nostra community

Unisciti alla nostra community

sei già un membro? Accedi per non vederlo più