octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Strane onde radio dal cuore della Via Lattea eccitano gli scienziati

La luminosità di un oggetto varia ampiamente e il segnale si accende e si spegne in modo apparentemente casuale, ha affermato Ziteng Wang, autore principale del nuovo studio su The Astrophysical Journal e studente di dottorato presso la School of Physics dell’Università di Sydney.

“La caratteristica più strana di questo nuovo segnale è che è molto altamente polarizzato. Ciò significa che la sua luce oscilla in una sola direzione, ma quella direzione ruota nel tempo”, ha detto in un comunicato stampa.

La squadra all’inizio Si pensa che possa essere una pulsar, un tipo molto denso di stella di neutroni (morta) a rotazione rapida, o un tipo di stella che emette massicci brillamenti solari. Tuttavia, i segnali di questa nuova sorgente di onde radio non corrispondono a ciò che gli astronomi si aspettano da questi tipi di stelle.

L’oggetto fluttuante prende il nome dalle sue coordinate nel cielo notturno: ASKAP J173608.2-321635.

Lo ha detto nel comunicato la coautrice dello studio Tara Murphy, professore presso il Sydney Institute of Astronomy e la University of Sydney School of Physics.

L’oggetto è stato inizialmente individuato durante un rilevamento del cielo utilizzando l’Australian Pathfinder Radio Telescope, noto come ASKAP, che contiene 36 piatti che lavorano insieme come un singolo telescopio presso il Murchison Radio Astronomy Observatory nell’Australia occidentale. Le note di follow-up sono state fatte con Radiotelescopio Parkes nel Nuovo Galles del Sud e il Radio Astronomy Observatory in Sud Africa telescopio suricato.

Tuttavia, il telescopio Parkes non è riuscito a rilevare la fonte.

“Poi abbiamo provato il radiotelescopio Meerkat più sensibile del Sud Africa”, ha detto Murphy nella dichiarazione. “Poiché il segnale era discontinuo, lo abbiamo osservato per 15 minuti ogni poche settimane, sperando di vederlo di nuovo”.

READ  Le Hawaii riportano due nuovi decessi correlati al coronavirus e 64 ulteriori infezioni

“Fortunatamente, il segnale è tornato, ma abbiamo scoperto che il comportamento della fonte era significativamente diverso: la fonte è scomparsa in un giorno, sebbene sia persistita per settimane nelle nostre precedenti osservazioni ASKAP”.

I telescopi sono più potenti, ha detto Murphy, come previsto matrice di chilometri quadrati, può aiutare a risolvere il puzzle. L’array è uno sforzo internazionale per costruire il più grande radiotelescopio del mondo che dovrebbe essere completato entro il prossimo decennio.